Turisti della Via Francigena
Turisti della Via Francigena
Stilus Magistri

Precursori della Via Francigena a Canosa

Da Castiglione delle Stiviere, Livio e Severa in bicicletta nel 2014

Nel riconoscimento ufficiale di Canosa nella Via Francigena, vogliamo ricordare e riproporre dopo cinque anni l'approdo di due visitatori del Nord a Canosa diretti come i pellegrini a Monte Sant'Angelo, portando con sé un libro sulla Via Francigena del Sud. Sono i precursori contemporanei del riconoscimento della Via storica a Canosa. Ѐ il 29 Settembre 2014, festa degli Arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele.Dopo aver lasciato il carissimo amico vegliardo Sabino Di Gennaro, ottantenne, che fino all'anno scorso incontravo in bicicletta al lavoro, nel restauro dei legni antichi intarsiati, incontro nella piazza storica di Canosa, due coetanei in casco e bicicletta. Ci fermiamo per fare conoscenza e amicizia, ammirando la loro presenza e la loro provenienza da Castiglione delle Stiviere, città di studi, d'arte e di religione … .e di viaggiatori dalla provincia di Mantova. Sono Livio di 61 anni e Severa di 56 anni, che mostrano il sorriso e l'animo di chi guarda le cose e la terra a piedi o in bicicletta: "siamo dei viaggiatori, non dei pellegrini, e cambiando la velocità, cambia il modo di vivere, di vedere il paesaggio, di incontrare la gente, di fermare il tempo, che oggi scorre in fretta". Chiediamo la fonte culturale del viaggio e Lei, Severa, mi mostra un libro nel casco: "La Via Francigena del Sud. Da Roma ai porti d'imbarco per la Terra Santa", di Monica D'Atti e Franco Cinti e Lui, Livio ci riporta la meta finale del viaggio, "Santa Maria di Leuca, finesterrae".
Il viaggiatore Livio sulla via Francigena, rileva che, mentre al Nord ci sono indicazioni in tal senso, nel Sud mancano. Rileviamo che Canosa riporta, su un blocco di pietra della facciata della Chiesa di Santa Caterina del 1382, l'incisione della "triplice cinta", che lasciavano i pellegrini in viaggio verso la Terra Santa, ai piedi del Gargano e del Santuario storico dell'Arcangelo Michele, che viene citato con competenza dal nostro amico viaggiatore Livio, nel culto micaelico e nella venerazione dei Longobardi.

Si chiese pertanto alla sensibilità del Sindaco Ernesto La Salvia, di colmare questa cronica lacuna e di apporre il segnale in marrone presso il ponte Romano e l'Arco Traiano: "CANOSA DI PUGLIA. Sulla Via Francigena del Sud". L'amico Livio ha visitato il Regio Tratturo del Ponte Romano, dove lamenta la presenza di rifiuti e di vegetazioni selvatiche invasive, mentre apprezza lo stato di pulizia ai piedi dell'Arco Traiano. Livio e Severa sono viaggiatori temprati dal sole e dal vento e in Toscana sono stati così apprezzati: "il pellegrino ha da soffrire!". Chiediamo il momento che ha fatto sorgere questa vita da pensionati e raccogliamo una significativa testimonianza da Livio: "questa passione è nata ascoltando una conferenza di Salvatore Borsellino". Infatti il fratello di Paolo Borsellino ha percorso a piedi la via Francigena da Santiago de Compostela a Roma", dicendo poi: "il cammino è un luogo fuori dello spazio e del tempo". I nostri padri vivevano la terra a passo d'uomo, sulle ruote del carretto di legno, come ho vissuto da ragazzo, e questo messaggio ci invita non a regredire, ma a passeggiare nel tempo, interiorizzando lo spazio e scambiando la nostra voce.
Livio era un imprenditore di una fabbrica di zincatura a caldo, Lei, dagli studi magistrali, lavorava in Ospedale; oggi sono viaggiatori in bicicletta.

Li salutiamo dopo aver dialogato anche con don Raffaele Biancolillo, nel giorno del suo onomastico, davanti al Bar Rosa: "domani siamo rivolti verso Corato e poi verso Bari. L'anno prossimo è nostro intento andare in bicicletta a Santiago de Compostela".Lei, Severa, ci saluta fraternamente: "siamo tutti esseri umani!" Buon viaggio, tra il rombo dei motori, sui pedali delle ruote, sui sentieri della Via Francigena del Sud, fino ai "confini della terra", a Santa Maria di Leuca. "de FinibusTerrae". Una stretta di mano da Canosa di Puglia a Livio e a Severa ai ai pellegrini che da oggi giungeranno, lungo la via che ora avrà una segnaletica e magari anche una strada intitolata VIA FRANCIGENA.
maestro Peppino Di Nunno (stilus magistri).
Via FrancigenaTuristi Via FrancigenaTuristi della Via Francigena con Don Raffaele Biancolillo e Maestro P.di NunnoTuristi della Via Francigena
  • Canosa di Puglia(BT)
  • Turismo
  • Via Francigena
Altri contenuti a tema
Canosa di Puglia: Le Notti dell'Archeologia 2020 fino a domenica 30 agosto Canosa di Puglia: Le Notti dell'Archeologia 2020
Canosa: L'attrattività delle visite guidate Canosa: L'attrattività delle visite guidate Il turismo riprende vitalità con le iniziative della FAC
Scusate il ritardo… A proposito del Museo Nazionale Scusate il ritardo… A proposito del Museo Nazionale L'intervento dell'architetto Giuseppe Matarrese
Riaprono Castel del Monte e il Parco Archeologico di Canne della Battaglia Riaprono Castel del Monte e il Parco Archeologico di Canne della Battaglia Le modalità di visita ed i nuovi servizi di accoglienza offerti al pubblico
Agriturismo non è turismo di serie B Agriturismo non è turismo di serie B La denuncia di Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia
Canosa, ritornano i turisti Canosa, ritornano i turisti Le visite archeologiche in piena sicurezza
Estate 2020: "Voi proponete, noi organizziamo" Estate 2020: "Voi proponete, noi organizziamo" I dettagli dell’iniziativa per trascorrere le vacanze a Canosa
Canosa: terme, templi e domus, le bellezze archeologiche visitabili Canosa: terme, templi e domus, le bellezze archeologiche visitabili Il programma per il 20 e 21 giugno
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.