Asinello a Santa Lucia
Asinello a Santa Lucia
Storia e dintorni

Pasqualino, l’asinello di Santa Lucia

Sulle vie di una tradizione "U ciucciarìdde de la stàdde"

Con la ricorrenza della Festa di Santa Lucia e dell'arrivo del Natale ai tempi del Covid-19 rendiamo omaggio all'asinello canosino che l'anno scorso approdò sul rione castello accompagnato da Sabino Germinario dell'ASEC 2 e da suo nipote, incontrando i bambini in bianco della Scuola dell'Infanzia "Giuseppe Mazzini" di Canosa. Purtroppo quest'anno con le limitazioni imposte dai decreti in materia di contenimento dell'epidemia, non si sono rinnovate le tradizioni tipiche di questo periodo e il maestro Peppino Di Nunno da par suo ha dedicato una poesia in dialetto ed italiano all'Asinello Pasqualino, icona dell'Antica Roma in letteratura, della Bibbia nella Vita di Gesù e nelle canzoni popolari e nei dialetti.
U ciucciarìdde de la stàdde
Auànne, cè pecchète, Pasqualine u ciucciarìdde
nan ò 'nghianète da la stàdde sàupe o Castìdde,
frédde jève la fanòve de sanda Luciòje,
quàne se cònde, a Natèle trìdece dòje.
Pàrlene e raccòndene ste chiànghe,
auànne u còre stè cìtte e stànghe.
S'affàcce la Sànde da la Chjìse andòche,
na preghìre se lève condr'o virus nemòche,
do Castìdde se vàite Canàuse, pajòse mòje,
stè scritte péure na vòje a sanda Luciòje.

Mah! Pasqualine u bèlle ciucciarìdde
nan ò 'nghianète sàupe o Castìdde,
l'òne dìtte, nan ze fànne rutenìdde,
senza reghèle se sénde poverìdde,
jìnde a la stàdde pénze o Bammenìdde.

Ve' Pasqualì, vé a fe cumbagnòje,
da Santa Luciòje a la Madonna Maròje,
pùrte u pòle de la cràuce, pùrte nu fiète,
a Natèle u Segnòre jìnde a le fàsce ò nète
e ògne menìnne s'engànde a la cumète.
Sìnde! sònene le ciaramélle, òne turnète
jìnd' a stu pajòse bélle addà so nète,
a tùtte u mùnne ca Dòje ò criète,
sperànne ca rumène bùne a ogne strète,
sperànne ca rumène sène a ogne prète,
sperànne ca rumène bélle a ogne nète.

Ciucciarìdde de la stàdde,
Ciucciarìdde de Natèle,
nan jà na stàdde, jà na Chjìse jìnde a la gròtte,
s'appìcce u còre, quande jà bélle la sanda nòtte.


Buon Natale
Maestro Peppino Di Nunno
https://youtu.be/4gRfelKKzV4 a cura di Sabino Mazzarella

U ciuccciariello della stalla

Quest'anno, che peccato, Pasqualino u ciucciariello
non è salito dalla stalla fin sopra al Castello,
fredda era la fanòve di Santa Lucia,
quando si canta "a Natale tredici di'".
Parlano e raccontano queste chianche,
quest'anno il cuore sta zitto e stanco.
Si affaccia la Santa dalla Chiesa antica,
una preghiera si leva contro il virus nemico,
dal colle del Castello si vede Canosa, paese mio,
sta scritta pure una via a "Santa Lucia".

Mah! Pasqualino il bel ciucciariello
non è salito fin sopra al Castello,
gli hanno detto: "non fare assembramenti",
senza regali lui si sente poverello
e dentro la stalla pensa al Bambinello.

Vai, Pasqualino, vai a fare compagnia,
da Santa Lucia alla Madonna Maria,
porta il tuo pelo di croce, porta un fiato,
a Natale il Signore nelle fasce è nato
e ogni bambino s'incanta alla cometa.

Senti! Suonano le ciaramelle, sono tornate,
in questo bel paese dove sono nato,
a tutto il mondo che Dio ha creato,
sperando che resti bene in ogni strada,
sperando che resti sano in ogni pietra,
sperando che resti bello in ogni nato.

Ciucciariello della stalla,
ciucciariello di Natale,
non è una stalla, è una Chiesa nella grotta,
si accende il cuore, quanto è bella la santa notte!
Buon Natale!
Maestro Peppino Di Nunno

Vigilia S.Lucia Canosa di PugliaAsinello a Santa LuciaAsinello "La croce stampata sul pelo nero del dorso"L’asinello Pasqualino
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Il componimento dialettale di Sante Valentino
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Si declama “Li  pecàbbele  vìcchje”
Una parola di donna in dialetto Una parola di donna in dialetto La bella “pempesélla” di paese
In dialetto la prima poesia del 2022 In dialetto la prima poesia del 2022 S'intitola "U Crucefisse de San Zavòne" di Sante Valentino
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.