San Benedetto
San Benedetto
Storia e dintorni

La Primavera di San Benedetto

Il silenzio del coronavirus

Il 21 marzo ricorre l'equinozio di Primavera, quando la notte equivale alla durata solare del giorno nell'aequa nox e si lega alla festa del primo giorno di Primavera e alla Festa di San Benedetto. Quest'anno 2020 per dati astronomici l'equinozio si è verificato nel giorno 20 marzo. In questa primavera contagiata in Italia e nel mondo dalla pandemia del maledetto coronavirus, la nostra memoria ripercorre le vie dei padri a Canosa, cadute nell'oblio, della festa cittadina della Chiesa della Madonna di Costantinopoli, chiesa agreste nel "rusticanum cultum" (il culto agreste), "a maioribus traditum" (tramandato dai nostri padri).

A Canosa, la Chiesa del '700 di Maria SS. di Costantinopoli, riedificata nell'800, da parte del Canonico Benedetto Forina, diventò una festa di paese, fra tradizione e devozione, nel saluto della Primavera, tra l'erba verde dei campi di periferia e i mandorli in fiore, presso gli ovili degli allevamenti di pecore e capre, presso gli anfratti tufacei del sito, con il tufo a vista nell'esterno ed interno della stessa Chiesa. Una statua lignea di San Benedetto, logorata dal tempo e con veste impropria sacerdotale e non monacale attende da anni il restauro e l'esposizione al culto di un Santo, cui si lega l'amico privilegiato San Sabino, Patrono di Canosa di Puglia.

Infatti la storia dei Monasteri Benedettini, come cui diceva oggi anche Don Felice Bacco, riporta le due figure, l'abate Benedetto di Montecassino e il Vescovo, Antistes, San Sabino privilegiato (valde diligebat) in amicizia per le sue virtù profetiche. Ricevemmo un file unico dal Monastero Benedettino più grande della Germania in Beuron che ritrae San Benedetto e San Sabino. E il Monastero benedettino documentato dal Tortora e dalla pergamena di Montecassino da noi ritrovata dopo secoli nell'Archivio dell'Abbazia di Montecassino, hanno ancora le radici vive a Canosa nella Piazzetta Badia San Quirico, attestata dal Prevosto Tortora nella Relatio Ecclesiae Canusinae.

Vogliamo soffermarci dinanzi alla statua canosina di San Benedetto, ritratto con il dito dell'indice sulla bocca. Il proverbio popolare del giorno della festa in processione evocava: "San Benedìtte, mange le castagne e statte cìtte" (a San Benedetto, mangia le castagne e statti zitto). In realtà la statua unica nella raffigurazione, riporta la regola monastica del silenzio, riportata nel "de taciturnitate" di San Benedetto. San Benedetto da Norcia passava in cielo il 21 marzo del 457, e quindi il 21 marzo ricorre i dies natalis del Santo, presente un tempo a Canosa in molti nomi di persona.

In questa triste primavera 2020 del coronavirus, il silenzio è assordante, è smarrito, è ferito. Ma Ci fa riscoprire la voce del silenzio in un paese vuoto del rumore delle auto; la voce delle parole parlate e ascoltate tra figli e genitori; la voce del silenzio che si fa preghiera e coscienza della salute pubblica. Accostiamoci a questo santo del Giorno perchè faccia sbocciare una sana primavera, mente vedo dal balcone in Giove Toro qualche macchia rossa dei papaveri selvatici, mentre odo alcune rondini a rompere il silenzio di pietra. "Che anno è, che giorno è", cantano i Giardini di Marzo di Lucio Battisti.

Affidiamoci a San Benedetto e a San Sabino, la cui amicizia possa farci ritrovare la nostra amicizia perduta in libertà, in festa di paese, nella rinascita dei campi, dei fiori, delle rondini, del cibo nuovo, della vita sana, bella, buona, vera. Nella vita in casa cui siamo costretti diligentemente e non incoscientemente, facciamo l'opera di noi bambini di Scuola di un tempo, dalla copertina nera dei quaderni usati: ritagliamo una rondine, disegniamola tra nero e bianco e scriviamo la data del 21 marzo ponendola ai vetri di casa. E sia San Benedetto, una rondine in ogni tetto. Ritorna mia cara Primavera, Proteggici San Benedetto e Tu San Sabino , stendi la tua mano sulla Città, come Pater Urbis, con lo sguardo rivolto verso Maria SS. della Fonte, come viene ritratto nel manufatto votivo in cartapesta del 1930 esposto nella Chiesa della Madonna di Costantinopoli.Ritorna Primavera!
Maestro Peppino Di Nunno
Chiesa della V.M. SS. di Costantinopoli Canosa di PugliaSan Benedetto CanosaSan BenedettoSan Sabino. terremoto 1930San Sabino in colloquio con S. BenedettoSan Sabino e San BenedettoSan Benedetto e San SabinoChiesa Maria SS. Costantinopoli Canosa di Puglia
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Canosa: il 78% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino Canosa: il 78% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino Nella BAT registrati 34 casi positivi
Puglia: altri 119  casi positivi Puglia: altri 119  casi positivi Registrati 5 decessi
Verifica green pass: attiva l’app  in tutte le strutture sanitarie Verifica green pass: attiva l’app in tutte le strutture sanitarie Le dichiarazioni di Delle Donne, Commissario straordinario della Asl BT
Puglia: altri 220 casi positivi  Puglia: altri 220 casi positivi  Registrati 6 decessi
Puglia: altri 304 casi positivi Puglia: altri 304 casi positivi Registrati 45 nella BAT
Coronavirus: un ulteriore aumento dei casi positivi nella BAT Coronavirus: un ulteriore aumento dei casi positivi nella BAT Il Sindaco Morra: "A Canosa, al momento, abbiamo poco meno di 20 persone positive"
Puglia:  4.505 le persone attualmente positive Puglia: 4.505 le persone attualmente positive Oggi registrati 118 casi nella BAT
Puglia: somministrate 6013 dosi nella fascia 12-19 anni Puglia: somministrate 6013 dosi nella fascia 12-19 anni Registrati altri 358 casi positivi
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.