I Dialoghi di Trani
I Dialoghi di Trani
Crepuscolo letterario di Luciana Fredella

Verso I Dialoghi di Trani

La XVII Edizione apre le porte alle PAURE

L'atteso Festival di approfondimento culturale che si svolge a Trani in settembre, quest'anno ha deciso di celebrare lo scaramantico numero della sfortuna, creando uno spazio di riflessione sulle paure, sulle radici profonde delle stesse ma soprattutto sulle energie che servono per superarle, quindi una ricerca di risorse affinché possano essere superate consapevolmente, abitandole, conoscendole in modo da poterle affrontare e superare. Si può dire che sia divenuta una gran bella realtà culturale nella BAT degna dei riconoscimenti e premi ottenuti in questi anni, dall'Alto Patronato del Presidente della Repubblica per le edizioni 2002 – 2010 alla targa del Presidente della Repubblica e la Sua speciale adesione per l'edizione 2011, in occasione del decennale e rinnovata anche per le edizioni 2012-2017 con il conferimento annuale di una medaglia di rappresentanza, senza dimenticare il prestigioso premio conferito dal Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali "Per la migliore manifestazione di promozione del libro e della lettura di rilevanza nazionale" per l'edizione 2009 ed il patrocinio della Commissione Europea – Rappresentanza in Italia e il Premio Gutenberg, conferito dall'Associazione Italiana del libro alle migliori iniziative di promozione del libro e della lettura per l'edizione 2013.

La manifestazione che si terrà dal 18 al 23 settembre, ha come tema, "la paura" e si presta a diversi spunti di riflessione grazie anche ai suoi correlati: ansia, angoscia, timore e orrore. La paura sembra un elemento costante e necessario della nostra vita, perché ci spinge non solo a riconoscere i nostri limiti, ma anche a superarli. L'intenzione dunque è quella di esplorare le forme di paura che attraversano la quotidianità – spesso ingigantite e deformate dai media – destabilizzandola e creando un senso costante di insicurezza o di perdita: paura radicale, chiusa e indistinta che rischia di bloccare e indebolire. Intorno alle paure si è sviluppata una lunga e variegata riflessione filosofica e psicoanalitica che va da Epicuro a Freud, da Kierkegaard ad Heidegger fino alle declinazioni più recenti. La paura sembra un elemento costante e necessario nella vita di ognuno, perché spinge non solo a riconoscere i propri limiti, ma anche a superarli.

I Dialoghi sulle Paure si apriranno martedì 18 settembre a Trani presso Palazzo Beltrani, con una lectio di Eugenio Borgna, psichiatra e saggista, sul tema "La nostalgia ferita", e nei giorni successivi ospiteranno, tra gli altri: lo scrittore Alessandro Baricco; lo psicanalista Luigi Zoja; il vicedirettore del Der Spiegel e scrittore Dirk Kurbjuweit; il giornalista e condirettore di Libèration, Laurent Joffrin; lo scrittore americano Jeffery Deaver, re del thriller internazionale; lo scrittore e umorista Stefano Benni; il giurista Gustavo Zagrebelsky, presidente emerito della Corte Costituzionale; il filosofo ed epistemologo Telmo Pievani; il romanziere giallista Maurizio de Giovanni; lo storico Emilio Gentile; lo scrittore e professore di Diritto privato all'Università di Trieste, Paolo Cendon; il magistrato Roberto Scarpinato, procuratore generale presso la Corte d'Appello di Palermo; gli ex magistrati e saggisti Rosario Aitala,Giancarlo Caselli e Gherardo Colombo; il sociologo e saggista Stefano Allievi; il direttore del quotidiano Il Foglio, Claudio Cerasa; il giornalista e inviato speciale di Repubblica Carlo Bonini; il giornalista e inviato speciale per la politica estera di Repubblica, Marco Ansaldo; l'antropologo e divulgatore scientifico Giorgio Manzi; la magistrata e eurodeputata Caterina Chinnici; il matematico Piergiorgio Odifreddi; l'economista Gianfranco Viesti; la senatrice Assuntela Messina; il filosofo Biagio De Giovanni; lo scrittore e giornalista de L'Espresso, Emiliano Fittipaldi; l'editore Giuseppe Laterza; la giornalista e scrittrice Annalena Benini; Rocco D'Ambrosio, docente di Filosofia Politica ed Etica Politica presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma; lo scrittore Giuseppe Catozzella; la psicanalista Simona Argentieri; il filosofo e direttore della rivista MicroMega, Paolo Flores d'Arcais; lo scrittore e sociologo Nando dalla Chiesa; il giornalista de L'Espresso, Giovanni Tizian; l'attore Ettore Bassi, interprete del monologo teatrale "Il Sindaco pescatore", dedicato alla memoria del primo cittadino di Pollica, Angelo Vassallo, assassinato nel 2010 dalla Camorra; il sindaco di Bari e Presidente ANCI, Antonio Decaro; il presidente di Federcasse Augusto dell'Erba; il food perfomer e docente Nick Difino; giornalisti e scrittori quali: Giorgio Zanchini, Giuliano Foschini, Cristina Battocletti, Pietro Del Soldà, Stefano Bucci, Silvia D'Onghia, Domenico Castellaneta, Stefano Costantini, Enrica Simonetti, Claudia Bruno, Vito Giannulo, Getano Priscintelli, Antonella Gaeta, Maria Grazia Rongo, Francesca Savino, Vito Marinelli, Giancarlo Visitilli.

Grande attesa per domenica 23 (ore 16.30 in piazza Quercia a Trani) per l'incontro "Senza paura. Verità e giustizia per Giulio Regeni", a cura di Repubblica-Bari, con la partecipazione di Paola e Claudio Regeni e del loro legale avv. Alessandra Ballerini. Tra le novità editoriali ai Dialoghi, il nuovo libro dello scrittore e giornalista Carlo Bonini, "L'isola degli sciacalli" (ed. Feltrinelli), dal 13 settembre in libreria, un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa il 16 ottobre 2017 nell'isola di Malta. Altre novità editoriali a settembre con i libri del giallista statunitense Jeffery Deaver, di Maurizio de Giovanni, Cinzia Sciuto e Alessandro Baricco. Oltre agli Incontri di MicroMega, curati dal direttore Paolo Flores d'Arcais, quest'anno i Dialoghi si arricchiscono di un cartellone di appuntamenti quotidiani con ospiti prestigiosi, curati dalla redazione de La Repubblica-Bari, che affronteranno alcune paure dibattendo temi di grande attualità: dalla "paura di un Sindaco", sulla vita e l'impegno del sindaco-pescatore Angelo Vassallo, alla "paura della malattia", con la proiezione del docufilm "Alla Salute" ispirato alla vicenda personale di Nick Difino; e poi la paura di "rescindere i vincoli di sangue per combattere la cultura criminale dell'appartenza al clan", incontrando Giovanni Tizian - giornalista costretto a vivere sotto scorta per le sue inchieste sulla 'ndrangheta, raccontate nel libro "Rinnega tuo padre" (Laterza). E l'elenco delle paure continua con la "paura della verità", con Giuliano Foschini che incontra ed intervista i genitori di Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato ed assassinato a Il Cairo nel febbraio 2016.

Per i più piccoli i Dialoghi di Trani si chiamano DIALOKIDS, un cartellone di iniziative interamente dedicato a baby lettori con alcuni ospiti d'eccezione, tra cui: la scrittrice Luisa Mattia, tra una degli autori del format per bambini "Melevisione" su Rai Tre , e l'illustratore svizzero Armin Greder che presenterà a Trani la mostra delle tavole originali del silent book "Mediterraneo", tradotto e premiato in tutto il mondo. L'opera, "un atto d'accusa muto, senza parole, contro la nostra indifferenza sui naufragi nel Mediterraneo" ci lega, idealmente per la scelta del tema e sentimentalmente per l'affetto profondo, alla memoria dello compianto scrittore e giornalista Alessandro Leogrande, che nella postfazione a Mediterraneo, aveva scritto: «Il racconto di Armin Greder recupera dal mare i tanti fili che legano quell'enorme cumulo di corpi privi di vita costantemente allontanato dal nostro sguardo, a noi, a tutti noi, alle nostre vite e alle nostre coscienze».
Giunto alla sua Terza edizione, il Premio Letterario "Incontri di Dialoghi", promosso dalla Fondazione Megamark di Trani, si sta affermando come uno dei concorsi letterari più prestigiosi dedicato alle opere prime di narrativa italiana. La giuria degli esperti, composta da Annamaria Ferretti, direttrice di Ilikepuglia.it, Pasquale Guaragnella, professore ordinario di Letteratura italiana dell'Università di Bari, Oscar Iarussi, giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, Attilio Romita, caporedattore TGR Puglia e Cristian Mannu, scrittore e primo vincitore del Premio Fondazione Megamark Incontri di Dialoghi , ha decretato la cinquina dei finalisti: Andrea Esposito con "Voragine" (Il Saggiatore); Cesare Sinatti con "La Splendente" (Feltrinelli); Emanuela Canepa con "L'anima femmina" (Einaudi); Mirko Sabatino con "L'Estate muore giovane" (Nottetempo); Andrea Moro con "Il segreto di Pietramala" (La Nave di Teseo). Selezionato da una giuria di 40 grandi lettori, il vincitore sarà proclamato venerdì 21 settembre, nella serata di Premiazione che si terrà alle ore 19:00, presso Palazzo Beltrani, con la partecipazione di Veronica Pivetti, ospite d'eccezione.

Non mancheranno le proiezioni in collaborazione con Circolo del Cinema Dino Risi di Trani che darà appuntamento agli appassionati del cinema d'autore da venerdì 21 a domenica 23, alle ore 16.00. In programma le pellicole di tre grandi registi americani: "Room 237" di Rodney Ascher, "Hitchcock Truffaut" di Kent Jones e "78/52" di Alexandre O.Philippe.

Per gli amanti dell'arte contemporanea, sarà inaugurata martedì 18 settembre (ore 18.00) presso il Palazzo delle Arti Beltrani, la mostra dal titolo "Ce n'è per tutti! Prima, ma…meglio poi!", con opere dell'artista Dario Agrimi (Atri, 1980), che riflette su quella che da sempre è la più grande delle paure degli esseri umani, la morte. Le sue installazioni sembrano invitarci con accenti lievi a esorcizzarne la paura, che è "un'usanza, che tutti, prima o poi, dobbiamo rispettare" (Jorge Luis Borges). Presentano la mostra con l'artista, il giornalista Rai Vito Marinelli e il critico d'arte Lia De Venere.

Per i giovani scrittori infine ci sarà una grande opportunità: la partecipazione gratuita al corso organizzato da la Scuola Holden che propone un corso di scrittura creativa sul tema Paura. Perché non scriviamo di quello di cui vogliamo scrivere condotto dallo scrittore e blogger Francesco Pacifico. Il corso si svolgerà nel weekend del 22-23 settembre. Inoltre, sui "Desideri e paura delle Altezze", i Dialoghi propongono un laboratorio esperienziale di coaching in collaborazione con Master Coach Italia Bari condotto dal direttore didattico della scuola Pasquale Adamo. Sulle Paure si può scrivere e persino danzare… I Dialoghi e l'Associazione Culturale boaOndaMovimento Danza, propongono un workshop esperienziale attraverso il corpo in movimento, aperto ad amatori, condotto da Manuela Lops e in programma mercoledì 19 e giovedì 20 settembre (dalle 19.15 alle 20.45). Infine con il corso Scacco Matto, ogni pomeriggio a Palazzo Beltrani, dal 20 al 23 settembre, curiosi e aspiranti giocatori potranno acquisire i primi rudimenti degli scacchi per iniziare a giocare, conoscere la scacchiera e i pezzi che fanno parte del gioco, regole e obiettivi. Il corso è a cura dell'Associazione Generale Giuseppe Dell'Erba con il suo presidente Luigi Monticelli in veste di insegnante del gioco degli scacchi e le sue principali caratteristiche. Per informazioni sul programma del Festival: www.idialoghiditrani.com
#DialoghiPaure
Luciana Fredella
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.