Puglia xylella
Puglia xylella
Territorio

Xylella: Preoccupa la pericolosa avanzata della fitopatia

L'intervento di Benedetto Miscioscia, Coordinatore Fareambiente Puglia

Preoccupa seriamente la pericolosa avanzata della fitopatia causata dal batterio della Xylella Fastidiosa giunta ufficialmente ad interessare il Comune di Monopoli con 59 piante segnalate di cui una addirittura all'interno della zona considerata indenne. Un serio pericolo che sta creando un grande problema per la salvaguardia della nostra preziosa biodiversità rappresentata dalle circa 50 varietà di olive censite ufficialmente nella nostra regione. Un patrimonio che rischia di essere cancellato per la mancata capacità manifestata fino ad oggi di contenere la diffusione anche per la mancata e severa determinazione di mettere in campo misure preventive adeguate ed urgenti a contenere lo sviluppo del principale vettore del batterio, ossia il Philaenus Spumarius meglio conosciuto come "sputacchina".

La Puglia dalla millenaria tradizione olivicola non può e non deve permettere di vedersi cancellata la propria storia colturale e culturale sperando di risolvere il problema sostituendo le tradizionali varietà di olive diffuse lungo i suoi 450 km. con la "Leccino" o la Fs17 meglio definita come Favolosa, varietà peraltro non autoctone. Per queste ragioni, come movimento ambientalista riteniamo che la Regione debba mettere finalmente in campo tutte le misure straordinarie emergenziali per snellire, semplificando, la tempistica delle procedure degli abbattimenti per evitare quello che, purtroppo, è accaduto nel Salento, oltre a programmare e finanziare incentivi per gli agricoltori, proprietari dei terreni in genere e gli stessi Enti Pubblici (finanziando il taglio dell'erba infestante lungo i cigli stradali ad esempio) ad adoperarsi nei periodi di maggiore presenza della sputacchina, principale responsabile della diffusione del batterio, a contenere la presenza di erba spontanea che rappresenta il naturale substrato sul quale si sviluppa, anche con controlli sul territorio. Ci troviamo di fronte ad una una vera e propria emergenza fito-sanitaria e come tale devono essere adottati provvedimenti straordinari ed urgenti. La Puglia non può e non deve più permettersi di ripetere i gravi errori commessi nel Salento. L'olivicoltura pugliese va assolutamente tutelata e salvaguardata non solo per preservare la propria ultra-millenaria biodiversità dal grande valore ambientale, storico e colturale ma anche dal punto di vista economico e occupazionale che vede i territori più olivetati della Città Metropolitana e della Provincia di Barletta Andria Trani tra i principali protagonisti della produzione olivicola ed olearia non solo regionale ma anche e soprattutto nazionale.
Benedetto Miscioscia - Coordinatore Fareambiente Puglia
  • Xylella
  • Fareambiente Puglia
Altri contenuti a tema
Capodanno: Usiamo la testa per non rovinare la festa Capodanno: Usiamo la testa per non rovinare la festa FAREAMBIENTE dalla parte dell’ambiente e degli animali di affezione contro i botti inquinanti e fragorosi
Fareambiente Puglia: Maggiori investimenti per la ricostituzione, la cura e la tutela dei boschi Fareambiente Puglia: Maggiori investimenti per la ricostituzione, la cura e la tutela dei boschi La nota di Benedetto Miscioscia, coordinatore regionale
La  Xylella  Fastidiosa  e gli ULIVI  di Puglia  La  Xylella  Fastidiosa  e gli ULIVI  di Puglia  Ha infettato ventuno milioni di ulivi pugliesi, coprendo ottomila chilometri quadrati, circa il 40% del territorio regionale
PNRR per modernizzare ed efficientare il nostro vitale sistema idrico PNRR per modernizzare ed efficientare il nostro vitale sistema idrico La nota di Benedetto Miscioscia coordinatore FareAmbiente Puglia
L’ambiente come valore costituzionale da tutelare L’ambiente come valore costituzionale da tutelare Il Movimento Ecologico Europeo FareAmbiente saluta favorevolmente la Riforma della Costituzione
Xylella: l'agro di Canosa  dichiarato indenne Xylella: l'agro di Canosa dichiarato indenne Pentassuglia: "E' il risultato importante di un'azione tempestiva ed efficace di controllo e sorveglianza"
Xylella: prima task force cinofila anti contagio Xylella: prima task force cinofila anti contagio In campo i cani molecolari per scovare il batterio
XYLELLA: la Regione riduce l’area cuscinetto dell'area delimitata di Canosa XYLELLA: la Regione riduce l’area cuscinetto dell'area delimitata di Canosa L'intervento dell'Assessore all'Agricoltura Francesco Sanluca
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.