San Sabino
San Sabino
Vita di città

Una festa in rime

“U STAJULE”del poeta Sante Valentino

Il 9 febbraio 2016 si ricordano i 1450 anni dalla morte di S.Sabino avvenuta nel 566 d.C. San Sabino, nacque a Canusium, antica e ricca città romana distrettuale della Regio Secunda Apulia et Calabria, da una nobile famiglia romana proveniente dalla Sabina. Le frammentarie note agiografiche riportano che divenne importante sia nell'ambito religioso che politico. L'Episcopus Savino operò, oltre i confini territoriali della natìa Canusium, ed in particolare negli avvenimenti accaduti nel VI secolo d.C., che seguirono alla fine dell'Impero Romano d'Occidente e alla nascita di un Romano Impero Barbarico. Per l'occasione della festività di S. Sabino, il poeta canosino Sante Valentino ha fatto pervenire alla Redazione di Canosaweb la poesia in vernacolo intitolata "U STAJULE", un'invocazione in rime al patrono che in punto di morte esortava il suo popolo alla pace ed alla concordia, forse consapevole della sua indole oppure delle grandi potenzialità che poteva tirare fuori. Il poeta Sante Valentino, vincitore del Premio Diomede 2014 e della X Edizione del concorso letterario "Il mio cuore, la mia terra, la mia vita" per la sezione provinciale Barletta Andria Trani, ce la presenta in chiave umoristico-sociale considerando la conflittualità e l'agnosticismo che in questo momento regna nel paese ma tutto può servire alla causa della rinascita, auspicando giorni migliori per Canosa con gli auguri per la festa invernale. Buon San Sabino a tutti!

U STAJULE
O te fé capéce, péure téue,
se nàune ascinne d'adda stèje
e turne n'ata volte duje.
Vine a vedàje nu picche
cé s'hone fedète de fèje!
U sèje ca hone stète capéce
péure de farte arrubbèje.
Jeje na vaite chiéue pecherocce
ma scechitte léupe affamète
ca na fanne chiù steme de ninde
né de scurnje e manghe de pecozze.
Pére ca u munne jà scechitte u lore,
stanne a stremenèje l'arje e la térre
e u pajese u stanne ad affussèje jonze a jonze.
Jeje, San Zavene meje,
te cunziglje de farte nu gere,
d'appuggè nu muménde u bastàune du pastàure
e de pegghjè u stajule,
ca dinne jà na sanda cause
che d'addrezzè li scecone sturte.
Du stéme a pegghjè na brutta chiajche
e la paciénze chisse
l'hone fatte scappè péure a li sande!

Sante Valentino

IL TORTORE

O ti rassegni, pure tu,
altrimenti scendi da dove sei
e torna un'altra volta qui.
Vieni a vedere un po'
cosa si sono permessi di fare!
Lo sai che sono stati capaci
persino di farti trafugare.
Io non vedo più pecorelle
ma solo lupi famelici
che non fanno più stima di niente
né dei rimproveri e neanche
di colpetti di nocche in testa.
Sembra che il mondo sia solo il loro,
stanno rovinando l'aria e la terra
ed il paese sta affossando poco per volta.
Io, San Sabino mio,
ti consiglio di fare un giro,
di posare un momento il pastorale
e di prendere il tortore
che dicono sia una mano santa
per raddrizzare le schiene storte.
Qui stanno a prendere una brutta piega
e la pazienza questi
l'hanno fatta scappare pure ai santi!
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.