Canosa: Salviamo i nostri marò
Canosa: Salviamo i nostri marò
Territorio

Salviamo i nostri due marò!

Fare sentire la vicinanza di ogni italiano. "Support our marines"

Il nastro giallo, presente sul sito della Marina Militare, incornicia il Leone (simbolo del reggimento a cui appartengono i due marò italiani) e sopra c'è scritto: "Support our marines". Si tratta di un simbolo internazionale, spesso utilizzato in Usa per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle campagne per il ritorno delle truppe impegnate all'estero. Oltre al Tg1, per la precisione, hanno aderito anche i giornalisti del Tg5.

E proprio per fare sentire la vicinanza di tutti i marinai ma anche e soprattutto di ogni italiano ai due fucilieri detenuti in India la Marina Militare ha lanciato anche un'altra iniziativa. È possibile inviare un messaggio via e – mail ai due marò del reggimento San Marco all'indirizzo inostrifucilieri@gmail.com. Verranno poi raccolti e consegnati a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone al loro rientro in Italia. In due giorni la Marina è stata sommersa di messaggi. Ne sono giunti migliaia da ogni parte d'Italia ma anche dall'estero.
Chiunque avesse il desiderio di esternare ai nostri fucilieri la propria vicinanza ed il proprio affetto ha la possibilità di farlo scrivendo all'indirizzo di posta elettronica indicato di seguito.

"We won't leave our marines alone!"
GIAN ANDREA GAIANI: NASTRO GIALLO PER I FUCILIERI. "CI HANNO DICHIARATO GUERRA E NESSUNO SE N'E' ACCORTO" 7 marzo 2012 |
«Abbiamo deciso di mettere il nastro giallo – spiega il direttore di AnalisiDifesa, Gianandrea Gaiani – perchè è il simbolo che viene usato quando ci sono militari prigionieri che non possono tornare a casa. Un segno di vicinanza ai nostri marò che sembrano abbandonati anche sui siti istituzionali, quasi fossero militari di un altro Paese. Ne parla solo il sito della Marina Militare», lamenta Gaiani, che ironicamente lancia una provocazione: «Visto che i nostri soldati sono in missione e sono tenuti prigionieri, significa che l'India ci ha dichiarato guerra ma noi non ce ne siamo accorti».
fonte: www.congedatifolgore.com
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.