Reperti archeologici Polizia
Reperti archeologici Polizia
Cronaca

Ricettazione di reperti archeologici:denunciata una canosina

L'intervento della Polizia di Stato

Ad Andria(BT), nella giornata di ieri la Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà una donna canosina di 39 anni, con precedenti di Polizia, responsabile del reato di ricettazione,a seguito di un importante rinvenimento di oggetti di interesse storico e archeologico. I poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Andria, in collaborazione con personale del Reparto Prevenzione Crimine Puglia, a seguito di attività info – investigativa, hanno eseguito un controllo nei confronti di un pregiudicato locale, sottoposto agli arresti domiciliari, presso la sua abitazione sita in area rurale di Minervino Murge(BT). Gli operatori di Polizia, accolti con circospezione dalla moglie convivente del pregiudicato, alla vista di alcuni monili di bella fattura ed evidente pregio sistemati all'interno dell'abitazione, chiedevano spiegazioni alla donna circa la loro la provenienza, che riferiva di esserne la proprietaria, per averli rinvenuti nel suo terreno, attiguo alla costruzione rurale.La successiva perquisizione dell'abitazione e delle sue pertinenze, consentiva di rinvenire svariati oggetti in terracotta, verosimilmente di interesse archeologico e storico, disseminati in vari punti dell'abitazione, opportunamente fotografati sul posto dagli operatori del locale Posto di Fotosegnalamento e Documentazione Scientifica, gli oggetti venivano sottoposti a sequestro, in attesa degli ulteriori accertamenti tecnici e delle determinazioni dell'Autorità Giudiziaria procedente. La donna, titolare di un'impresa individuale, era stata arrestata in passato per furto aggravato di energia elettrica e per produzione e traffico di sostanze stupefacenti, in concorso. Gli oggetti, che già ad una prima valutazione sono apparsi di considerevole valore archeologico ed economico, saranno inviati alla Sovrintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le valutazioni di competenza. I reperti archeologici che sono espressione concreta e tangibile dell'eredità culturale del territorio di Canosa di Puglia e rappresentano un patrimonio unico, vanno maggiormente salvaguardati, tutelati e soprattutto posti in sicurezza.
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.