Carlo Sessa
Carlo Sessa
Cronaca

Prosteste nella Bat, situazione monitorata dalla Prefettura

Il Prefetto Sessa: «Abbiamo proceduto ad alcuni accertamenti e ad alcuni fermi»

«Monitoriamo con particolare attenzione la situazione nella Bat anche se la manifestazione ha al suo interno tantissime differenti anime ognuna in protesta per qualcosa di differente». E' questa la voce che giunge ai nostri microfoni dalla Prefettura di Barletta Andria Trani con il Prefetto, Carlo Sessa. «La situazione più complessa si è avuta con il blocco di ieri pomeriggio della ferrovia ad Andria. Non si è formata nessuna delegazione perchè in realtà sono tante e differenti le posizioni in campo».

La protesta originale resta quella degli autotrasportatori che hanno rispettato tutte le indicazioni di legge: «Gli autotrasportatori in questa manifestazione sono davvero pochi e nonostante qualche blocco tutto è nella norma. La protesta, invece, ha visto il coinvolgimento di tante e differenti anime con commercianti, imprenditori, disoccupati e da stamane gli studenti a protestare per ragioni molto differenti tra di loro». C'è chi protesta per il proprio futuro, chi per il lavoro, chi per l'uscita dall'euro, chi contro la classe politica: «La situazione resta monitorata in continuazione. Stamane abbiamo proceduto ad alcuni accertamenti tecnici e ad alcuni fermi».

La protesta, insomma, continua e se vi sono atti che si configurano come un reato le forze di polizia immediatamente interverranno: «Abbiamo presidi più consistenti nella Città di Andria perchè è stata quella più virulenta anche se la situazione è identica in diverse parti d'Italia. La libertà di manifestazione resta garantita purché non si vada aldilà del normale vivere civile. Si rischia, con le denunce perchè non si può procedere d'ufficio, un'incriminazione per violenza privata». L'invito resta quello di segnalare atti vandalici alle autorità competenti rispettando il diritto di manifestare.
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.