Prefettura Bat
Prefettura Bat
Cronaca

Linee di attuazione del D.P.C.M. di domenica 22 marzo

In videoconferenza due riunioni in Prefettura

Nella giornata di domenica 22 marzo scorso sono state 973 le persone controllate dalle Forze di Polizia nell'intero territorio della provincia di Barletta Andria Trani, nell'ambito delle attività messe in campo per garantire l'attuazione delle misure di contenimento della diffusione del Coronavirus; 118 di queste sono state denunciate per violazione dell'art. 650 del Codice Penale.A questi numeri si aggiungono i controlli nei confronti di 64 esercizi commerciali, con 3 titolari denunciati per aver violato l'art. 650 del Codice Penale. Complessivamente, dunque, dall'11 marzo scorso le persone controllate salgono a 17.687; le denunce per violazione dell'art. 650 del Codice Penale sono 1.382, mentre 30 quelle per violazione degli articoli 495 e 496 del Codice Penale; a questi numeri si aggiungono 4 arresti e 31 denunce per altri reati. Gli esercizi commerciali complessivamente controllati sono 3.040, con 49 titolari denunciati per violazione dell'art. 650 del Codice Penale ed 11 titolari sanzionati amministrativamente con sospensione delle attività. I controlli, eseguiti dalle Forze dell'Ordine con la collaborazione delle Polizie Locali dei dieci Comuni e con il coordinamento della Prefettura, proseguiranno rigorosamente nei prossimi giorni.

Intanto, quest'oggi si sono tenute in videoconferenza due riunioni in Prefettura (una tra il Prefetto di Barletta Andria Trani Maurizio Valiante ed il Presidente di Confindustria Bari e Bat Sergio Fontana, l'altra tra il Prefetto ed i Sindaci della provincia) per esaminare congiuntamente e stabilire le conseguenti linee di azione rispetto al nuovo Decreto del Governo di domenica 22 marzo che ha sospeso tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle puntualmente indicate nel decreto medesimo e di quelle funzionali ad assicurare la continuità delle filiere di questa ultime, dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla legge n. 146/1990, nonché delle attività svolte mediante impianti a ciclo produttivo continuo. A tale riguardo, questa Prefettura ha predisposto un apposito modulo, scaricabile da:http://www.prefettura.it/barlettaandriatrani/contenuti/D.p.c.m._22_marzo_2020_comunicazione_attivita_produttive_industriali_e_commerciali-8697446.htm , che le aziende interessate dovranno compilare per inviare la apposita comunicazione ai sensi del nuovo DPCM da cui scatteranno i controlli e le verifiche da parte della Prefettura unitamente agli organismi tecnici competenti.





  • Prefetto Valiante
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Buoni spesa per famiglie in difficoltà Buoni spesa per famiglie in difficoltà Le spiegazioni del sindaco Morra
Coronavirus:in crescita i casi positivi Coronavirus:in crescita i casi positivi L'ultimo bollettino epidemiologico della Regione Puglia
Supporto psicologico a distanza per le famiglie Supporto psicologico a distanza per le famiglie La nota del presidente Commissione Sanità, Pino Romano
I buoni spesa tengano conto delle nuove povertà I buoni spesa tengano conto delle nuove povertà L'intervento di Montaruli, Presidente dell’Associazione di Volontariato “Io Ci Sono!”
A ruba il lievito madre A ruba il lievito madre La top ten dei prodotti più acquistati ai tempi del coronavirus
Coronavirus: Il falso volantino per lasciare le abitazioni Coronavirus: Il falso volantino per lasciare le abitazioni I consigli della Polizia di Stato
La tempesta è per tutti, la barca è di tutti La tempesta è per tutti, la barca è di tutti Il treno per l'Europa può essere l'ultimo
Diamo certezze ai precari della Asl Bt Diamo certezze ai precari della Asl Bt La dichiarazione del consigliere regionale Ruggiero Mennea
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.