Mattarella Carabinieri 2021
Mattarella Carabinieri 2021
Eventi e cultura

Il 207° anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Si celebra il 5 giugno di ogni anno la festa anniversaria dell'Arma dei Carabinieri come prevede la circolare storica n. 204/41-1914 dei 7 aprile 1921 del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri: " Avendo le aspre vicende della passata guerra rese, nella storia di ogni Arma e Corpo, alcune date particolarmente memorabili per sacrifici eroici compiuti o per il conferimento di alte ricompense, il Ministero della guerra ebbe non ha guari a disporre che apposita Commissione stabilisse, ex novo, quale dovesse essere la data della festa anniversaria di ciascun'Arma o Corpo. Ora il prefato Ministero, mentre ha comunicato che verranno fra breve, e non appena saranno ultimati i relativi studi tuttora in corso, emanate disposizioni al riguardo, ha avvertito che la festa anniversaria dell'Arma, colle disposizioni stesse, sarà fissata al 5 giugno di ogni anno - data di concessione della medaglia d'oro all'Arma medesima - e che, ciò stante, la celebrazione di essa dovrà essere fatta anche per l'anno in corso alla data anzidetta. Quanto sopra si comunica per opportuna conoscenza e norma di codesto Comando e di quelli dipendenti".

In occasione del 207° anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Teo Luzi, il seguente messaggio: «Con professionalità e abnegazione l'Arma dei Carabinieri si è adoperata, attraverso tutte le sue articolazioni, per contrastare l'emergenza sanitaria che ha condizionato così significativamente la vita del Paese negli ultimi 15 mesi. Dalla vigilanza del rispetto delle misure per contenere la diffusione del virus, all'assistenza delle fasce più fragili della popolazione, dalla consegna di tablet agli studenti per la frequenza delle lezioni a distanza, alla creazione di centri per i tamponi e per la somministrazione dei vaccini, ai numerosi servizi finalizzati alla distribuzione dei sieri e dei dispositivi di protezione, i Carabinieri sono stati in prima linea.
Preziose sono risultate le specifiche competenze del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute e di grande rilievo è stato anche l'operato del Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro che ha contribuito al rispetto delle misure precauzionali anti Covid-19, favorendo la ripresa delle attività produttive in un'adeguata cornice di sicurezza per la salute dei lavoratori.
Per lo straordinario impegno e la dedizione nel garantire il rispetto delle norme poste a salvaguardia dei rapporti di impiego, delle prestazioni d'opera e per i risultati operativi conseguiti nel contrasto allo sfruttamento illecito delle maestranze e all'odioso fenomeno della tratta degli esseri umani, la Bandiera di Guerra dell'Arma dei Carabinieri, a cui rendo il mio deferente omaggio, è stata insignita della Medaglia d'Oro al Merito Civile.

L'Arma ha continuato nell'impegno diretto a individuare e attuare efficaci strategie di contrasto alle diverse forme di minacce criminali, attratte dalle opportunità di profitto dovute anche alle difficoltà attraversate dal Paese, impegnando tutte le sue componenti territoriali, mobili, speciali e investigative per la tutela della legalità e dei diritti dei cittadini. La riconosciuta competenza e affidabilità nelle operazioni di mantenimento della pace nelle aree di crisi e nella formazione delle locali forze di sicurezza si è espressa, ancora una volta, nelle missioni internazionali a cui l'Italia partecipa.In questo 207° anniversario di fondazione dell'Arma, rivolgo un commosso pensiero a tutti i Carabinieri che hanno testimoniato con l'estremo sacrificio il loro attaccamento alla Patria e alle Istituzioni e a quanti sono stati feriti. Ai loro familiari rinnovo la affettuosa vicinanza e la riconoscenza della Repubblica. Alle donne e agli uomini dell'Arma, in servizio e in congedo, e alle rispettive famiglie, giungano i più fervidi auguri e la gratitudine di tutti i concittadini. Viva l'Arma dei Carabinieri, viva le Forze Armate, viva la Repubblica!»


Anche quest'anno le misure di contenimento della pandemia non hanno consentito di celebrare l'evento con la solennità del passato, ma si è preferita una simbolica cerimonia, svolta all'interno della Caserma intitolata al Cap. De Tommaso, sede della Legione Allievi Carabinieri, alla quale ha preso parte un ridotto numero di Autorità. La mattinata si è aperta con la deposizione di una corona d'alloro al Sacrario del Museo Storico dell'Arma dei Carabinieri da parte del Comandante Generale Gen C.A. Teo Luzi, e dei Presidenti dell'Associazione Nazionale Carabinieri, dell'Associazione Nazionale Forestali e dell'Opera Nazionale di Assistenza per Orfani dei Militari dell'Arma, che hanno reso omaggio ai Caduti. Successivamente, alla Legione Allievi Carabinieri, davanti a uno schieramento in formazione ridotta composto dalla Bandiera di Guerra, dalla Banda e da un Reparto in armi, il Comandante Generale si è rivolto a tutti i Carabinieri e agli ospiti presenti ricordando la vicinanza dell'Arma al Paese in questo difficile momento segnato dalla pandemia che ha comportato la perdita di 30 Carabinieri, mentre oltre 12.000 sono rimasti contagiati. "Nessuna delle 5.500 Stazioni Carabinieri ha cessato le proprie attività", ha sottolineato il Gen. Luzi, evidenziando l'esempio concreto dell'originaria vocazione dell'Istituzione, che si ritrova nelle Regie Patenti del 1814 (suo atto di nascita) e sancisce la missione dell'Arma volta a garantire "il buon ordine e la pubblica tranquillità … per contribuire alla maggiore felicità dello Stato". "La "felicità dello Stato" – ha continuato il Generale Luzi - è un concetto che appartiene all'Arma da sempre – tanto antico quanto attuale – giunto sino ai nostri giorni intatto, per evocare il legame tra i cittadini e i "propri" Carabinieri".
Il Comandante dell'Arma ha poi voluto rivolgere l'attenzione al futuro presentando un'Arma che oggi guarda al rilancio del Paese attraverso la tecnologia e la transizione ecologica. "C'è una sicurezza da migliorare attraverso la tecnologia e una sicurezza da preservare nonostante la tecnologia" ha ribadito il Gen. Luzi "l'impegno dell'Arma sarà sempre più rivolto allo spazio virtuale. Per imprimere efficienza a tutti i servizi, a vantaggio dei cittadini, ma anche per contrastare l'uso ostile della rete da parte della criminalità, enormemente cresciuto durante la pandemia" i Carabinieri, ha poi concluso "sono – per struttura e per capacità – la polizia ambientale, determinati a svolgere un ruolo decisivo a tutela dello sviluppo sostenibile, anche per iniziative internazionali di "diplomazia ambientale", mettendo a disposizione di altri Paesi le competenze, davvero uniche, del comparto forestale".

Un ricordo particolare è stato rivolto dal Vertice dell'Arma al Carabiniere Vittorio Iacovacci, proditoriamente ucciso in Congo unitamente all'Ambasciatore Luca Attanasio. Concreta dimostrazione della silenziosa fedeltà dell'Istituzione alla Nazione che vede ogni militare mantenere fede al proprio giuramento. Da 207 anni i Carabinieri sono al fianco degli italiani, con le Stazioni e Tenenze territoriali, a cui si affiancano, con indissolubile sinergia, le Stazioni Forestali e i Reparti Speciali che consentono la tutela e la salvaguardia della popolazione in ogni aspetto: dalla salute all'ambiente, dalla tutela della normativa del lavoro a quella del patrimonio culturale, fino al contrasto al terrorismo. Gli interessi della collettività sono costantemente tutelati da uomini e donne che, guidati dai valori dell'Arma e dalla vocazione alla salvaguardia del prossimo, hanno scelto di intraprendere la vita militare. Nel riconoscere l'importanza e come segno di vicinanza, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con un messaggio indirizzato al Generale Luzi, ha rivolto l'augurio più fervido degli italiani all'Arma.
  • carabinieri
  • Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Altri contenuti a tema
Mattarella a Conversano, per il centenario della morte di Giuseppe Di Vagno Mattarella a Conversano, per il centenario della morte di Giuseppe Di Vagno Emiliano: "Di Vagno fu un uomo del Sud con una visione nazionale"
Il coraggio di dire io Il coraggio di dire io L'intervento di Sergio Mattarella all'inaugurazione della 42° Edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli.
La vaccinazione è un dovere morale e civico La vaccinazione è un dovere morale e civico Il Presidente Mattarella alla cerimonia di consegna del "Ventaglio"
Il ministro  Lamorgese alla inaugurazione della Questura di Andria Il ministro Lamorgese alla inaugurazione della Questura di Andria A Trani per il Comando Provinciale di Arma dei Carabinieri e Barletta della Guardia di Finanza
Buon Compleanno Presidente Mattarella! Buon Compleanno Presidente Mattarella! Gli auguri con un componimento “Primavere presidenziali”
In memoria di Paolo Borsellino e gli agenti della scorta In memoria di Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Commemorazione in silenzio del Rotaract Club Canosa
Canosa: giovane arrestato mentre tenta di disfarsi di cocaina Canosa: giovane arrestato mentre tenta di disfarsi di cocaina Dai Carabinieri che lo avevano nel loro mirino già da un po' di tempo
Canosa: arrestato l'autore di un duplice tentato omicidio Canosa: arrestato l'autore di un duplice tentato omicidio L'operazione dei Carabinieri
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.