Archeologia Reperti
Archeologia Reperti
Archeologia

I 'Tombaroli' continuano a saccheggiare i piccoli siti archeologici

Operazione dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari

Le «archeomafie» continuano a colpire, mettendo le mani su reperti molto antichi: anfore, crateri, libri, dipinti raffiguranti santi e madonne, arazzi, icone, sculture, crocifissi, calici, pissidi, acquasantiere, leggii, statue in legno, cartapesta e gesso. Stanno facendo razzia di pezzi antichi, a volte di scarso pregio artistico ma di grande valore storico e culturale che vengono poi smerciati nei mercatini d'antiquariato o venduti a collezionisti privati. I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari, sotto la direzione del maggiore Giovanni Di Bella, hanno riconsegnato alla Cattedrale di Santa Maria Assunta e San Genesio nel comune di San Miniato, provincia di Pisa, due sculture lignee intagliate dorate, raffiguranti due angeli con reggi ceri del XVIII secolo, rubate dalla cattedrale il 6 aprile 2000. Il militari sono riusciti a recuperare le due sculture nel corso di una indagine su una serie di furti che ha permesso recuperare diversi beni ecclesiastici, trafugati e poi immessi sul mercato. I militari hanno avuto la certezza che si trattasse dei due angeli di cui era stato denunciato il furto. Gli angioletti erano esposti nella galleria di un antiquario di Rossano Calabro. L'antiquario ha potuto dimostrare di aver acquistato le due sculture da un noto avvocato barese il quale, come hanno avuto modo di verificare gli investigatori, possiede in casa,una vasta collezione privata di pezzi d'arte di valore e di grande interesse storico e archeologico. Per il possesso dei due angioletti, il professionista, è stato indagato per ricettazione. Il maggiore Di Bella ed i suoi uomini stanno mettendo insieme, come pezzi di un mosaico, le trame di una rete estesa di collezionisti, tutti baresi che avrebbero messo insieme piccoli tesori privati e in alcuni casi illegali. Medici, avvocati, imprenditori con il pallino dell'archeologia e dell'arte antica. Un delicato lavoro di ricerca sul quale viene mantenuto un riserbo molto stretto ma che avrebbe già consentito di giungere ad alcuni sequestri. I "Tombaroli", continuano a saccheggiare i piccoli siti archeologici presenti nelle provincie di Bari e Barletta-Andria-Trani.
  • Comando Carabinieri Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale di Bari
Altri contenuti a tema
Reperti archeologici  in vendita on line Reperti archeologici in vendita on line L’operazione dei Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Bari, coordinati dalla Procura della Repubblica
L'attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari L'attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari Presentati i risultati dell’anno 2019
Denunciato un rumeno per ricettazione di reperti archeologici   Denunciato un rumeno per ricettazione di reperti archeologici   Rinvenuti e sequestrati dai Carabinieri di Andria
Maxi sequestro di reperti storici e archeologici Maxi sequestro di reperti storici e archeologici L'operazione dei Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale
Dipinti falsi attribuiti al maestro “Nino Caffè" Dipinti falsi attribuiti al maestro “Nino Caffè" Scoperta dai Carabinieri un’associazione per delinquere finalizzata alla realizzazione e commercializzazione
TesORI clandestini: dal saccheggio alla valorizzazione TesORI clandestini: dal saccheggio alla valorizzazione E' il titolo della mostra inaugurata a Taranto
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.