Ospedale Canosa
Ospedale Canosa
Politica

Bisogna mantenere gli impegni

Il consigliere Princigalli interviene sul riordino sanità

Per chiedere ai cittadini collaborazione e sacrifici bisogna essere credibili. Lo ripeteva Enrico Berlinguer un uomo politico ai cui insegnamenti I nostri amministratori regionali dovrebbero attingere. Per essere credibili bisogna mantenere gli impegni. Questi signori non hanno nessuna credibilità perché da anni sono inadempienti rispetto al piano di riordino che prevedeva la riconversione di diversi ospedali in presidi territoriali in grado di offrire assistenza sanitaria alle comunità interessate. Gli impegni assunti sul rilancio dell'Ospedale di Canosa, struttura moderna ed accogliente per la quale sono stati spesi milioni di euro, si sono rivelati mere promesse elettorali date in pasto a ingenui cittadini usati solo come portatori di consensi. A certificare che la scelta delle "strutture sopravviventi" e' stata fatta più sulla base di criteri di opportunità politica che di reale valenza assistenziale c'è la testimonianza dell'Assessore Santorsola particolarmente attendibile perché medico stimatissimo e assessore della giunta Emiliano. Dunque intraneo rispetto a coloro che hanno operato quelle scelte sulla pelle dei territori piu' fragili e indifesi. Per recuperare la credibilità perduta devono ora dar seguito agli impegni assunti ed anche recentemente promessi dal DG della ASL BAT al Sindaco di Canosa. Non consentiremo ulteriori inganni ed ulteriori provvedimenti che attentano alla salute dei cittadini piu' vulnerabili come gli anziani e gli indigenti, tanto piu' ora che sappiamo essere stati assunti sulla base di scelte piegate alla logica del piu' forte e del piu' potente secondo dinamiche spartitorie spregevoli.
Enzo Princigalli - Consigliere comunale
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.