25 aprile
25 aprile
Storia

25 Aprile: 74° Anniversario della Liberazione d'Italia

Il programma delle celebrazioni

La storia narra che all'alba del 25 aprile 1945 erano rimasti solo pochi territori del Nord Italia in mano alle truppe tedesche, e ai loro alleati della Repubblica Sociale Italiana (RSI)ancora fedele a Benito Mussolini. Proprio quel giorno, alle 8 del mattino, la radio del Cln, Comitato di Liberazione Nazionale il coordinamento dei partigiani italiani – lanciò l'insurrezione in tutti i territori ancora occupati. Per questo motivo, il 25 aprile è il giorno in cui l'Italia ricorda la liberazione dal nazifascismo. Quel che era rimasto del regime fascista in Italia crollò rapidamente, e così le truppe angloamericane entrarono senza problemi nelle grandi città del Nord. Il 28 aprile 1945, tre giorni dopo, Benito Mussolini tentò di fuggire verso la Svizzera, ma fu intercettato da alcuni partigiani che lo fucilarono insieme alla sua storica amante Claretta Petacci. Il giorno seguente a Milano il cadavere dell'ex dittatore venne esposto, appeso per i piedi, a piazzale Loreto, la stessa piazza dove il 10 agosto 1944 i legionari fascisti della legione Ettore Muti avevano lasciato esposti alla folla 15 partigiani uccisi. Dal 25 aprile 1945, quindi, l'Italia dovette ricominciare da zero, distrutta da una guerra che l'aveva fortemente segnata dopo oltre vent'anni di dittatura fascista.

L'Amministrazione Comunale di Canosa di Puglia celebrerà il 74° Anniversario della Liberazione d'Italia dal nazifascismo nella giornata di giovedì dì 25 aprile . Il programma prevede alle ore 09,00 il raduno presso Palazzo di Città. Da piazza Martiri XXIII maggio i partecipanti che comporranno un corteo sfileranno per le vie cittadine per deporre le corone di alloro: presso il cippo commemorativo delle vittime civili, in via Salita ai Mulini e nella villa comunale, presso il Monumento ai Caduti, dove avrà luogo la solenne commemorazione dei caduti di tutte le guerre.
  • 25 Aprile Liberazione d'Italia
Altri contenuti a tema
Il «Bella Ciao» vietato dal sindaco di Canosa Il «Bella Ciao» vietato dal sindaco di Canosa "Si tratta di un fatto grave" ha dichiarato Matteucci di Potere al Popolo Barletta Trani Andria e Canosa
La Resistenza a singhiozzo La Resistenza a singhiozzo Senza memoria non c'è futuro
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.