Discarica Tufarelle
Discarica Tufarelle

I pareri dell’Arpa sui progetti di Tufarelle

La nota del presidente Limitone della Sezione di Canosa ITALIA NOSTRA ONLUS

Elezioni Regionali 2020
E' notizia di qualche giorno fa dell'Ordinanza del Consiglio di Stato con la quale si dispone che l'ARPA dovrà rispondere entro 40 giorni ad una serie di quesiti sui criteri seguiti dalla stessa ARPA quando ha rilasciato parere favorevole alla nuova discarica della BLEU nel 2017 in agro di Minervino Murge. Solo a seguito di questi chiarimenti il Consiglio di Stato adotterà una decisione sulla controversia che contrappone i Comuni di Canosa e Minervino Murge alla Provincia di BAT che all'epoca autorizzò la nuova discarica. Perché questa richiesta di chiarimenti all'ARPA? Perché l'ARPA è per legge chiamata a dare il suo parere scientifico in tutti quei procedimenti relativi ai progetti industriali che hanno un forte impatto sull'ambiente. Il parere dell'ARPA è un parere qualificato che ha un suo peso specifico nelle decisioni che le varie autorità,Regione e Provincia,assumono quando rilasciano le autorizzazioni L'ARPA Puglia è articolata in una Direzione Generale alla cui dipendenza c'è una Direzione Scientifica da cui dipendono i vari Dipartimenti provinciali. Il Dipartimento provinciale dell'ARPA della BAT sui progetti industriali a Tufarelle,( BLEU e S.OL.VI.C),ha assunto talvolta posizioni contraddittorie,contribuendo così ad aumentare la confusione in una situazione di per sé già molto ingarbugliata.

Nel 2015 la BLEU presentò un progetto di riprofilatura della discarica in esercizio che prevedeva un aumento dei volumi. Su questo progetto l'ARPA provinciale da novembre 2015 fino a giugno 2016 cambiò 4 volte il suo parere. Due volte positivo e due volte negativo. I pareri negativi espressi dall'ARPA erano fondati su una normativa del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Speciali del 2009,quando quella normativa nel 2015 era stata soppiantata da una nuova normativa che evidentemente il dipartimento dell'ARPA della provincia di BAT,non conosceva. Il progetto proposto dalla BLEU fu approvato dalla Regione. In sede di ricorso al TAR promosso dal Comune di Canosa contro il progetto di riprofilatura,il TAR scrive nella Sentenza:" Prima dell'emissione di tale nota esplicativa [l'ultimo parere negativo dell'ARPA del giugno 2016] , il parere dell'Agenzia, in difetto di un esplicito giudizio positivo o negativo,si prestava a rilievi di forte ambiguità,tanto da non palesarsi affatto come negativo" La BLEU nel dicembre 2016 presentò il progetto di una nuova discarica in agro di Minervino della capacità netta di 373 mila metri cubi. Nella documentazione del progetto si dichiara che il sito dell'impianto in progetto è ubicato,rispetto alla discarica in esercizio,ad una distanza >di 165 metri. L'ARPA provinciale scrive nel suo parere in Conferenza di Servizi,di una distanza di circa 300 metri tra il bacino di discarica e il bacino in proposta e,attesa la direzione del flusso di falda sotterranea (SE) e l'interposizione dei pozzi di monitoraggio della falda già esistenti,si ritiene possa permettere l'individuazione della responsabilità di eventuali perdite della barriera di contenimento della discarica. Il parere di ARPA sulla nuova discarica si presta ad una serie di considerazioni. L'ARPA interpreta la distanza tra le due discariche nella maniera più favorevole alla BLEU quando parla come distanza intercorrente tra i due bacini dove vengono depositati i rifiuti. La norma regionale non parla di distanza tra bacini di deposito di rifiuti ma di impianti. Gli impianti comprendono oltre ai bacini di deposito anche tutte quelle aree a servizio della discarica. La distanza misurata tra i due impianti dal Comune di Canosa è di 145 metri. Inoltre,la direzione del flusso di falda verso SE, fatte proprie dall'ARPA si basa sulle risultanze di uno studio condotto dall'Università di Bari per conto della BLEU e sulle risultanza di uno studio di caratterizzazione di Tufarelle per conto del Comune di Canosa,studio peraltro in via di approfondimento,al punto che sono stati stanziati ulteriori fondi per uno studio di caratterizzazione più accurato.

Pur prendendo per buono l'andamento della falda verso S-E,la disposizione dei pozzi, a monte e a valle delle due discariche BLEU,è da NORD verso SUD come facilmente si osserva nelle mappe del progetto,e pertanto i pozzi così come posizionati,non intercettano una eventuale inquinamento della falda. Questa criticità non è stata assolutamente valutata nel parere favorevole rilasciato da ARPA – BAT. Infine,sei mesi prima la stessa ARPA nella conferenza di servizi del 28 Settembre 2016 relativa ad un progetto di modifica sostanziale dell'impianto di smaltimento di liquidi speciali pericolosi e non pericolosi della S.OL.VI.C,nel rilasciare parere sfavorevole al progetto,parla di un "flusso prevalente della falda sottesa in comprensorio di località Tufarelle in direzione NE". Riassumendo: a settembre 2016 secondo l'ARPA la falda si dirige verso NE, a marzo 2017 si dirige verso SE! Non sappiamo se i pareri espressi dai vari dipartimenti provinciali dell'ARPA siano poi sottoposti ad un controllo di merito della Direzione Scientifica dell'ARPA regionale oppure se i dipartimenti provinciali godano della più ampia autonomia. Certo è che dagli episodi che abbiamo citato,almeno per quello che riguarda Tufarelle,emerge un quadro non molto tranquillizzante,peraltro in una situazione di per se già molto complicata. Non ritiene la Direzione Generale dell'ARPA prendere le opportune misure allo scopo di evitare questi errori di percorso per contrada Tufarelle,chiedendo il supporto scientifico dell'ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale che peraltro conosce già alcune problematiche di Tufarelle essendo stata di recente chiamata a redigere una relazione per conto del T.A.R di Bari nella controversia tra la S.OL.VI.C e la Regione Puglia?
Mario Riccardo Limitone Presidente Sezione di Canosa ITALIA NOSTRA ONLUS
  • Contrada Tufarelle
  • Italia Nostra Sezione di Canosa
Altri contenuti a tema
Sforziamoci di vedere la nostra città con gli stessi occhi del visitatore Sforziamoci di vedere la nostra città con gli stessi occhi del visitatore Limitone, Presidente Sezione di Canosa di ITALIA NOSTRA scrive a CanoSIamo
Tufarelle: messa in sicurezza della discarica Co.Be.Ma. Tufarelle: messa in sicurezza della discarica Co.Be.Ma. La Provincia di BAT ha approvato il progetto definitivo
Bene il C.U.R.A (Corridoio Ecologico Urbano Archeologico) ma serve più coraggio Bene il C.U.R.A (Corridoio Ecologico Urbano Archeologico) ma serve più coraggio Comunicato congiunto della FAC e Italia Nostra
Canosa deturpata dall'abbandono dei rifiuti Canosa deturpata dall'abbandono dei rifiuti La nota di Mario Riccardo Limitone, Presidente di Italia Nostra Onlus Sezione di Canosa
Il disastro dei rifiuti abbandonati sulle strade Il disastro dei rifiuti abbandonati sulle strade Il resoconto della 4^ domenica di pulizie straordinarie
Tufarelle: decisioni del Consiglio di Stato e Tribunale di Trani Tufarelle: decisioni del Consiglio di Stato e Tribunale di Trani La disamina del sindaco Morra
Uliveti tappezzati da rifiuti di ogni specie Uliveti tappezzati da rifiuti di ogni specie Seconda domenica di pulizie straordinarie
Buona la prima  domenica di pulizia straordinaria Buona la prima domenica di pulizia straordinaria In campo i volontari,coordinati da ITALIA NOSTRA Canosa
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.