Canosa Cattedrale San Sabino
Canosa Cattedrale San Sabino
Un Paese di Poesia

Tutti a casa "ACCIUPPENATEVE"

L’esortazione del poeta Sante Valentino a non uscire

Da Roma giunge la poesia di Sante Valentino in vernacolo canosino dal titolo "Acciuppenateve". Un'esortazione del poeta ai canosini che vivono lontano a mettersi in ascolto di quel richiamo del campanile che inesorabilmente arriva alle loro orecchie e che per estensione "possiamo avvicinare all'invito" di questi giorni di pandemia rivolto a tutti a rimanere a casa per rallentare i contagi. Il verbo "Acciuppenateve" è un ordine perentorio a non uscire di casa per evitare "gli strali del mostro invisibile". La poesia è un cimelio letterario di paremiologia dove sono raccolti diversi modi di dire e forme idiomatiche di uso corrente che sono un retaggio della cultura popolare locale.
Acciuppenateve
acciuppenateve duje
e na ve jalzete fin'a quande
na vu deche jeje;
na v'avaste quanda furne avete fatte,
quanda jazze avete sceute cacanne
e jind'a quanda cutone v'avete manete!
Avete attaraddete la caute
e a la secherdeure avete peghjete u vule
senza vultarve na volte de chepe rete.
Add'avete sceute paranne valistre
ca na v'acchjive?
Ve so' cerchete ogn'e pendaune de strete
e so' sceute luanne cappidde a tegneuse!
Scummette c'avete sceute truanne cafurchje
e addà stive chiandive u zippe.
Na deche c'aviva da stè sembe 'ngutterrete
e ca v'aviv'ada mette o candaune
ma veue ve n'avete sceute
'ngerche de coppe de maletimbe
e angore ve ne sceute cialeune atturne atturne,
facenne recchje de mercande
peure a cure surdellene, c'ho bracheute
ca nan bozze negheje, jò vere,
nan ze fece meje li fatte seue.
Ma jeje u sacce…,
ca nan begghjete reggitte manghe la notte,
ca ve vultete e v'aggerete jind'o litte
cume ce fosse ca tenete li ververizze 'ngurpe.
Ma ve l'addumannete
ce jaje cure pesemaure o stomeche
ca nan abbeche meje
e ve dece u turmende jaure, punde e mumende?
Naue, nan gendre la cepodda creute
c'avete mese jind'a l'acquasele;
avete pegghjete jasse che fegheure.
Jà tutte n'auta cause, jaje!
Acciuppenateve,
acciuppenateve nu picche du muje,

saup'o chiangatidde,
e mettete la recchje o vinde;
se pote deje ca u sendete n'ata volte
u cambanele de San Zavene:
-scechitte jidde vu pote dece
ce ueje, vo cumbenete quera valece-.


SEDETEVI…Sedetevi,sedetevi qui/e non vi alzate fin quando ve lo dico io,/non vi basta quanti giri avete fatto,quanti posti avete toccato/ed in quante bettole siete entrati!/Avete attorcigliato la coda e all'improvviso avete preso il volo/senza girarvi una volta all'indietro./Dove siete andati a trattenervi che non vi trovavate?/ Vi ho cercato ad ogni angolo di strada e interpellato persino gente antipatica!/Scommetto che siete andati in cerca di ritrovi e dove vi trovavate mettevate radici./Non dico che dovevate stare inchiodati in casa/e che dovevate stare al cantuccio/ma voi siete andati in giro a perdere tempo/e ancora vagate intorno intorno/facendo orecchio da mercante pure a quel ronzio che è ormai rauco/che non posso negare, è vero,non si fa mai gli affari suoi./Ma io lo so…che non riposate neanche la notte,/che vi rivoltate continuamente nel letto come se aveste mal di pancia./Ma ve lo chiedete cos'è quel peso sullo stomaco/che non si placa mai e vi tormenta ogni momento?/No, non centra la cipolla cruda che avete messo nell'acquasale;/avete preso un abbaglio./E' tutta un'altra cosa, è!/Sedetevi,sedetevi un po' qui, adesso,/sulla pietra di casa, e mettete l'orecchio al vento/può darsi che lo risentiate il campanile di San Sabino:/-solo lui può dirvi che guaio, vi ha combinato quella valigia-.
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Màrze de virùsse Màrze de virùsse Il secondo componimento in rime dialettali del Maestro Peppino Di Nunno
Riaccendiamo il focolare:'MBUCHEME U FUCHE Riaccendiamo il focolare:'MBUCHEME U FUCHE La poesia in vernacolo di Sante Valentino ai tempi del coronavirus
Si declama “Ce me l’addumanne" Si declama “Ce me l’addumanne" Un dialogo interrotto tra il fanciullino e l'adulto
L’acqua di Imbriani “Volésse benedìtte" L’acqua di Imbriani “Volésse benedìtte" Una poesia a tema per la Giornata Nazionale del Dialetto
Si declama in dialetto "U TATARAUNE" Si declama in dialetto "U TATARAUNE" La prima poesia dell'anno di Sante Valentino
Una buona fine e un buon principio Una buona fine e un buon principio Il messaggio augurale di Canosaweb, il primo portale cittadino
Il Natale di Savino Losmargiasso Il Natale di Savino Losmargiasso Ha declamato nel corso della pièce "A Christmas Carol"
Buon Natale a tutti “Li   Crestiène” Buon Natale a tutti “Li   Crestiène” il dialetto è uno scrigno storico e linguistico di intercultura
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.