Castelle di Canosa di Puglia
Castelle di Canosa di Puglia
Un Paese di Poesia

Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE”

Il componimento dialettale di Sante Valentino

Tra storia e poesia "U CASTÌDDE NÙSTE", il componimento dialettale di Sante Valentino per la rubrica "Un Paese di Poesia" di Canosaweb che si arricchisce di rime e sentimenti. "Il nostro antico maniero, uno dei più importanti di Puglia nell'antichità, un tempo orgoglio e vanto della polis canosina dove principi e condottieri si sono avvicendati nel corso dei secoli. Oggi per incuria e negligenza giace in totale abbandono; non ci sono parole per descrivere quella che fu la fortezza inespugnabile della nostra antica acropoli precipitato adesso a emblema della decadenza…!"Ha commentato così il poeta Sante Valentino sull'opera dedicata al Castello altomedievale di Canosa, di cui restano solo ruderi. La struttura si presentava a pianta esagonale irregolare con due lati all'incirca paralleli sul versante meridionale e con sei torri angolari a pianta quadrangolare. Ai giorni nostri sono riuscite a giungere resti delle cortine e delle torri, di cui tre sporgono di poco rispetto al piano di calpestio. La torre sudorientale è la più alta, superando gli 8 metri, ed è quella che si è conservata di più, nell'area dove un tempo vi era l'acropoli, le cui rovine vennero incorporate nella struttura difensiva dell'antica Canusium.
U CASTÌDDE NÙSTE

Ne gritene de stòrje vicchje chìre prète
c'adòcchiene ammussète e sénza paréule,
li muragghjéune attúrne hone ammepéute
e le nnuvele vagabbónde se ne vànne a le lárghe.
M'arecórde la vòrje ca frescechève jind'a le sgarràzze,
na mòrre de uagnéune ca sciuquève dèsséuse
e se devertève a scettèje abbàsce le tòfere
cume facève pròme cure fattàure'mbème
ca se le vennève e le rutelève a l'ascennéute.
Jôje l'adòcchje sémbe cure castidde nùste
sdrupète e abbacchiète sàup'o tòppe
c'aspètte sémbe u muménde che d'abbuvèsce
péure ca mùje nan dène chiéue uagghjàrdôje.
A ogné vànne ca m'aggiòre me vène apprìsse
s'affàcce sàup'o pajòse e sàup'a le càsere
e me fèce penzèje a quàne s'adergèvene le tòrre
pròme ca u tramòte u scuffelève da sàupe sòtte.
Me chiànge u còre a vedèlle redùtte acchessì…
Quànda vòlte l'àgghje aducchjète da uagnàune
quànda vòlte pegghjève u vùle che chìre cumète
c'annariève'ngille cum'a li penzìre môje
quàne me perdéve che la fandasôje a cerchèje
li palummère addà turnèvene li pàlumme.
Príngepe e regnánde gavetèvene jind'o palàzze
li carciarète 'nghjéuse jind'a li sutterràgne
e veciòne la chjise addà stève manzegnàure.
Muje schitte li scurtegghjéune u grìtene da veciòne
e la léune cìtta cìtte l'aggiòre sémbe attúrne.
Quànda vòlte l'agghje ammerète, quànda vòlte,
ma na me stànghe mèje d'aducchjàlle…,
me père nu vécchje ca s'ho mòse l'aneme 'mbéce
e aspétte…aspètte ca fórse u vàiche a truèje...!

Sante Valentino
IL NOSTRO CASTELLO/Ne urlano di storie antiche quelle pietre/che guardano imbronciate e senza parole, /i muraglioni intorno sono ammutoliti/e le nuvole vagabonde se ne vanno al largo./ Ricordo la tramontana che fischiava nelle fessure,/ uno stuolo di ragazzi che giocava lassù/ e si divertiva a gettare giù i tufi/come faceva prima quell'infame fattore/che li vendeva e li rotolava sul pendio./ Io lo guardo sempre quel castello nostro/ rovinato e avvilito sulla collina/ che attende sempre il momento per risorgere/anche se ora non ha più l'ardire. /Da ogni parte mi giro mi viene appresso/ s'affaccia sul paese e sulle case/ e mi fa pensare a quando si alzavano le torri/ prima che il terremoto lo crollava da sopra sotto. /Mi piange il cuore nel vederlo così ridotto…/Quante volte l'ho guardato da ragazzo /quante volte prendevo il volo con quegli aquiloni/ che innalzava al cielo come i miei pensieri/quando mi perdevo con la fantasia a cercare/ le colombaie dove tornavano i piccioni. / Principi e imperatori abitavano nel palazzo/ i prigionieri rinchiusi nei sotterranei/ e vicino la chiesa dove risiedeva monsignore./ Adesso solo le rondini gli garriscono da vicino/ e la luna silenziosa gli gira sempre intorno,/ Quante volte l'ho ammirato, quante volte,/ ma non mi stanco mai di guardarlo…,/ mi sembra un vecchio che si è messo l'anima in pace/ e aspetta…aspetta che forse lo vada a trovare…!
  • Dialetto
  • Borgo Castello
Altri contenuti a tema
Canosa: Devozione per Santa Rita “Vedova e Religiosa” Canosa: Devozione per Santa Rita “Vedova e Religiosa” E' tornata la processione per le vie cittadine
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Sulle pietre del Castello di Canosa Sulle pietre del Castello di Canosa Le ricerche storiche del Maestro Giuseppe Di Nunno
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Si declama “Li  pecàbbele  vìcchje”
Canosa, centro storico del Castello: A che punto siamo con il piano di ‘rivitalizzazione’ ? Canosa, centro storico del Castello: A che punto siamo con il piano di ‘rivitalizzazione’ ? La nota della Segreteria PD
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.