Cielo
Cielo
Un Paese di Poesia

Si declama :"Nu candàune"

La poesia dialettale di Sante Valentino

In molti hanno definito settembre il mese dell'anno che ha l'arduo compito di chiudere l'estate e portare verso temperature più tenui e il rientro definitivo dalle vacanze. Nonostante tutto settembre è un mese romantico e affascinante! Per questo mese non poteva mancare il componimento in rime dialettali di Sante Valentino per la rubrica "Un Paese di Poesia" molto seguita dagli utenti di Canosaweb, primo portale cittadino. Un'altra poesia in vernacolo che s'intitola "Nu candàune" in italiano " Un cantuccio" con un invito del poeta molto significativo : "C'è sempre un inverno gelido che a volte ritorna, che deprime e porta angoscia e tristezza, un momento critico nel quale l'uomo inesorabilmente solo cerca un riparo o un conforto che gli ridia certezza e serenità. Questa metafora della vita che spesso ricorre nei momenti di depressione e di sconforto ci dice che questi momenti a volte ci sovrastano e ci angustiano ma dobbiamo trovare la forza di reagire per ritrovare quelle soluzioni che ci ridiano quella spinta necessaria per riemergere e rilanciarci più combattivi nell'agone dell'esistenza." Sante Valentino invita a non lasciarsi abbattere e ricercare sempre un pensiero positivo, un barlume di speranza quale rifugio in attesa che il sole torni a splendere sul nostro cammino.

Nu candàune
E me sò truète 'mmézz'a na strète
accarrète 'nnánde da na vòrja gelète
ca trasève affùnne jind'a le sgarràzze,
m'arravugghjève e me vuttève a le lárghe
luànneme u fiète e péure u sùnne.
E me ne scève cialéune a chépa sòtte
sénza paréule e sénza uagghjardôje
tuzzelànne a le ppúrte de nu pajòse,
nescéune japrève, nescéune me parlève
de na stòrja lònga lònghe fìngh'o cjle
ca me strengève l'àneme e u còre.
A la carrènne scappève sénza fermárme
cercànne na cumbòne can nan ze vedève
che d'arruèje veciòne a na recònne
aschennéute jind'a nu vòche ca canuscève.
Aggerève cùm'a nu cúrle 'mmézz'a le prète,
'ngùdde na vesàzze chjàne de júrne
e rète nu súlche affùnne de memòrje.
A nu suspòre m'acciaffève e po' fuscève
a cerchè nu lambarìdde o na lucernèdde
ca me facève acchiè la rètte
e m'appeccève d'òcchjere jind'a la nòtte.
E me ne scève 'ngérche de cùre tìtte
addà putève nazzechè li penzìre môje
aspettànne u júrne nùve e la schiaréute:
nu candàune…addà putève abbrazzè arrète
li sùnne môje e angallèscele n'àt'e pìcche
veciòne a cùre fùche ca nan z'ho stutète
e ca m'arràsse e me fèce luè da 'ngùdde
la pecundrôje ca m'annegghiàsce u sàùle!
Sante Valentino
Un cantuccio/E mi son trovato in mezzo ad una strada/ sospinto da una borea gelida/ che penetrava profonda nelle fessure, /mi avvolgeva e mi spingeva al largo/ togliendomi il fiato e pure il sonno. / E me ne andavo in giro a testa bassa/ senza parole e senza ardire/ bussando alle porte di un paese,/ nessuno apriva nessuno mi parlava/ di una storia lunga fino al cielo/ che mi stringeva l'anima e il cuore. / Di corsa fuggivo senza fermarmi/ cercando un confine che non si vedeva/ per giungere vicino ad un riparo/ nascosto in un vicolo a me noto./Giravo come una trottolina tra le pietre, /addosso una bisaccia piena di giorni/e dietro un solco profondo di memorie. /Ad un sospiro m'afferravo e poi fuggivo/ in cerca di un lumino o una lucerna/che mi facesse trovare la direzione/ e mi accendesse gli occhi nella notte./E me ne andavo in cerca di quel tetto/ dove poter cullare i miei pensieri/ in attesa del nuovo giorno e della schiarita:/ un cantuccio…dove poter riabbracciare/ i miei sogni e scaldarli ancora un po'/ vicino a quel fuoco che non si è spento/e che mi allontana e mi toglie di dosso/ la malinconia che mi offusca il sole!
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Canosa: Dalla civiltà contadina  “Li stìgghje de li nònne”- Canosa: Dalla civiltà contadina “Li stìgghje de li nònne”- La poesia dialettale di Sante Valentino sugli utensili dei  nonni
Canosa: E’ tempo di serti di pomodori Canosa: E’ tempo di serti di pomodori L’arte antica pugliese dei nostri padri
Buon Ferragosto con le rime di Sante Valentino Buon Ferragosto con le rime di Sante Valentino La poesia dal titolo "LI FÌGGHJE DU VÍNDE"
Canosa: Nunzio Pinnelli presenta il secondo lavoro letterario Canosa: Nunzio Pinnelli presenta il secondo lavoro letterario S'intitola “La Massaroje-La civiltà contadina raccontata in vernacolo"
Mentre ricordo “Na vecchiarèdde” Mentre ricordo “Na vecchiarèdde” Il componimento dialettale del poeta Sante Valentino
Sante Valentino al XXII Congresso dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali Sante Valentino al XXII Congresso dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali E' il Presidente dei revisori dei conti
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.