Canosa Fornaci
Canosa Fornaci
Un Paese di Poesia

Si declama “Li mùgnele”

I capricci nella poesia di Sante Valentino

A cadenza quasi mensile, giunge per i lettori di Canosaweb, primo portale cittadino, la poesia in vernacolo di Sante Valentino che rappresenta uno spazio di dialogo con se stesso, teso a fermare sensazioni, emozioni, ricordi di termini come "Li mùgnele" andati nel dimenticatoio, nell'oblio, in disuso. "Li mùgnele" è un componimento alla stregua di un quadro, pregno di una nostalgica quotidianità con i racconti in versi dialettali, veicoli di cultura, attraverso esperienze di vita vissuta e saperi da tramandare alle giovani generazioni. Riscoperta del dialetto che più appartiene alla tradizione locale, forse un po' accantonata, che merita di essere attenzionata e quanto più possibile salvaguardata e valorizzata, come ripete da tempo il poeta Sante Valentino nelle sue dichiarazioni in pubblico e nei contatti epistolari.

LI MÙGNELE
Uagné, na me faciòte pandechè angòre,
annùciteme n'ata volte nu bèlle callìdde
cunzète che na cràucia d'ùgghje,
du premedulìcchje e nu pìzzeche d'arìghene:
l'agghj'assaprèlle…!
Mùje nan ze sénde chiéue de cummàtte u tavelìre
e u laghenatéure na la stènne chiéue la làghene.
Mùje gnùtte scechìtte cafè
e senza fè rutenìdde te mìtte la màscherine
e cùrre a la recònne ca dèffòre aggiòre u maletímbe.

M'hone fatte adduvendèje cum'a nu pìsceche
ca rutelàsce e ho pegghjète u chèpabbàsce!
Annùciteme, uagné, ammacchère jòsce
nu súrse de cùre triùsche du pajòse
ca sciùvele rìtte rìtte abbàsce
e facìteme annaschèje l'addàure du pegnatìdde
me vògghje addecrièje nu pìcche.
Mettete péure véue rècchje e sendete
cé tènnene da dòce chire fèmmene
ca stànne a ciaulescèje o zìnne de la strete.
Vulève truèje na pezzète de gràite
che 'mbastè arrète na rese
quane li penzìre vanne a braccètte
che la pecundrôje e s'ascònnene
jind'a la cère de d'òcchjere.
Facetammìlle vedàje n'ata volte, uagné,
quèra fèdde de léune aschennéute rète a le nùvele
quàne scolchè da rète o pannètte e na la tròve,
me la vògghje purtèje apprìsse
quane vàiche cialéune e me pérde strèta strète...
cum'o féume de la ciumenèra vècchje !
Sante Valentino

I capricci
/
Ragazzi, non fatemi stare ancora in ansia,/portatemi un'altra volta una bella bruschetta/ condita con una croce di olio,/ due pomodorini e un pizzico di origano:/la devo assaggiare…!/Ora non si sente più di muovere la spianatoia/ e il matterello non la spiana più la sfoglia di pasta./ Ora ingoi solo caffè / e senza fare assembramento metti la mascherina/ e corri al riparo perché fuori c'è il cattivo tempo./ Mi hanno fatto diventare come un sasso / che rotola ed ha preso la discesa!/ Portatemi, ragazzi, almeno oggi/ un sorso di quel vinello del paese/ che scende dritto dritto giù/ e fatemi annusare l'odore della pentola/ voglio deliziarmi un pò./Mettete pure voi l'orecchio e sentite/ cosa hanno da dire quelle donne/ che stanno ciarlando in fondo alla strada./Volevo trovare un pezzo di argilla/ per impastare di nuovo un sorriso/ quando i pensieri vanno a braccetto/ con la malinconia e si nascondono negli occhi imbronciati./ Fatemela vedere un'altra volta, ragazzi,/ quella fetta di luna nascosta dietro le nuvole/ quando sbircio dietro la tendina e non la trovo,/ voglio portarmela appresso/ quando vado in giro e mi perdo per strada…/ come il fumo della vecchia ciminiera!
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Il componimento dialettale di Sante Valentino
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Si declama “Li  pecàbbele  vìcchje”
Una parola di donna in dialetto Una parola di donna in dialetto La bella “pempesélla” di paese
In dialetto la prima poesia del 2022 In dialetto la prima poesia del 2022 S'intitola "U Crucefisse de San Zavòne" di Sante Valentino
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.