Aquiloni
Aquiloni
Un Paese di Poesia

Si declama “Ce me l’addumanne"

Un dialogo interrotto tra il fanciullino e l'adulto

Continua la conversazione in rima on line di Sante Valentino, apprezzato e stimato per la sua vena poetica inesauribile e l'orgoglio campanilistico, pure espressioni dell'animo popolare tese a valorizzare in ogni circostanza il grande amore per le radici canosine fondate su tradizioni, arte letteraria e storia, patrimonio di valore inestimabile da tramandare e divulgare alle giovani generazioni e a tutti i livelli. Per questo periodo di emergenza sanitaria, da vivere in casa, consiglia un dialogo interrotto tra il fanciullino e l'adulto. Un motivo autobiografico o un'esortazione al lettore a riannodare quel filo, quella simbiosi empatica che si perpetua nel cammino della vita? Non possiamo saperlo ma rimane comunque l'invito del poeta a riprendere quell'ascolto con il fanciullino che "è in noi tutti sì che l'adulto non trascuri e travalichi il senso del vivere". Una poesia dal titolo "Ce me l'addumanne-Se me lo chiedi" tra le più belle del poeta Sante Valentino che ha inanellato numerosi successi nei concorsi letterari nazionali.

CE ME L'ADDUMANNE
Ce me l'addumanne te parle angòre
de li sciuche de nu uagnàune, de trocchele ca sonene;
pacce de vete streddiève quedda stratòdde
e le cumète annarièvene libbere jind'o vinde de premavère.
Ce me l'addumanne te fazze vulèje,
cum'a na volte, appese a na stòrje,
scémme cialéune jind'a le sàire d'aguste
che le falène e le candelène de li vrescegnùle;
spedetriémme 'mmézze a le stélle du cjle.
Ce te firme nu muménde e me dèje la mène
te pozze purtèje arrète o munne meje,
nan de l'ha scurdète?
Te fazze trè du calce o pallàune de pézze
e sgranèje che che mméne cundénde u resàrje de mamete.
Cammenémme 'nzimme tànne…!
U grete de la féste scuppiève sàup'a li chinghe poveridde,
recònne de scurtegghiéune amece;
na calasàune andeche ce spiève da le tégule rosse,
do mène de fàte felévene che néue li cheléure de la vete
e l'angele abballévene a fròtte sott'o titte nuste.
Muje, sì figghje du vinde;
chiéue nan bruscene 'nzimme l'ànzje noste
attùrne a cure frascìre,
suffiémme, 'ngandète, la fiamma mageche
che d'abbrustelésce u misere pène de la gioje
e le parete nérghe candévene le candelène vicchje.
Ce me l'addumanne te pozze angòre parlèje
péure ca muje nan dine chiéue lagreme de picce
e u pallàune t'ho sfescéute da mmène
e s'ho pérse 'ngille.

Sante Valentino

Se me lo chiedi
Se me lo chiedi ti parlerò ancora/dei giochi di un ragazzo, di trottole armoniose/pazza di vita sprizzava quella stradina/e gli aquiloni si alzavano liberi nel vento di primavera./Se me lo chiedi ti farò volare, /come una volta, appeso ad una favola,/ andavamo in giro nelle sere di agosto/ con le falene e le cantilene dei grilli;/scorazzavamo tra le stelle del cielo./Se ti fermi un attimo e mi dai la mano/posso ricondurti al mio mondo,/non l'hai dimenticato?/Ti farò tirare due calci alla palla di pezza/e sgranare con mani soddisfatte il rosario di tua madre./Camminavamo insieme allora…!/L'urlo della festa esplodeva sopra i miseri tetti,/rifugio di rondini amiche;/ un'agave antica ci spiava da tegole rosse,/due mani di fata tessevano per noi i colori della vita/e gli angeli danzavano a frotte sotto il nostro tetto./Ora, sei figlio del vento;/più non bruciano insieme le nostre ansie/intorno a quel braciere,/soffiavamo, rapiti, la fiamma magica/ad abbrustolire l'umile pane della gioia/e mura annerite scandivano nenie ancestrali./Se me lo chiedi posso ancora parlarti/anche se ora non hai più lacrime di capriccio/e il palloncino t'è sfuggito di mano/e si è perso nel cielo.
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Canosa: le emozioni del dialetto Canosa: le emozioni del dialetto I poeti Sante Valentino e Antonio Faretina ospiti della Pro Loco
Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Sante Valentino e Antonio Faretina gli ospiti della serata
Il campanile simbolo di un popolo e di un paese Il campanile simbolo di un popolo e di un paese "U Cambanèle" la poesia di Sante Valentino
Le orecchiette bianconere per la Juventus Le orecchiette bianconere per la Juventus La cucina pugliese per i Campioni d’Italia
Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Piedi d’estate sull’arena
Raccontiamo  ”U veche vécchje” Raccontiamo ”U veche vécchje” La strada di casa nei ricordi del poeta Sante Valentino
Piazza Galluppi a Canosa Piazza Galluppi a Canosa Dal formaggiaio “Ruvestino” con Pierino
La poesia si fa video : “U struzzône” La poesia si fa video : “U struzzône” A realizzarlo Diaferio, Lentini, Franco e Ciffo per ricordare Losmargiasso  
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.