U Chiangatìdde
U Chiangatìdde
Un Paese di Poesia

Sediamoci sàup'o chiangatìdde

Sante Valentino: "Un rito tipico dell'estate canosina"

Giorni d'estate trascorsi per ricercare "nu chiangatìdde" dove sedere per un breve riposo e recuperare la forma fisica dallo stress accumulato. "Sediamoci sàup'o chiangatìdde" è stato l'invito più volte ripetuto dal poeta dialettale Sante Valentino in questa estate che volge al termine per trascorrere qualche ora al tramonto della giornata sulla pietra sull'uscio della casa che è stata ritrovata nel Borgo Castello a Canosa di Puglia nei pressi della Chiesa di Santa Lucia. "U Chiangatìdde" s'intitola il componimento in dialetto per la rubrica " Un Paese di Poesia" di Canosaweb, del poeta Sante Valentino che ad agosto scorso ha partecipato alla serata dedicata alle poesie del compianto Savino Losmargiasso ed alla presentazione del libro intitolato "La Prove - La civiltà contadina raccontata in vernacolo" con l'autore Nunzio Pinnelli. Entrambi gli eventi per salvaguardare il dialetto canosino da tramandare alle giovani generazioni, in quanto rappresenta un'eredità culturale di straordinario valore ed è parte fondante dell'identità della comunità locale."""Durante l'estate si riprendono a volte vecchie abitudini paesane - ha dichiarato Sante Valentino nella presentazione della poesia dialettale - tra cui quella di sedersi fuori di casa sulla grande pietra "u chiangatìdde". Un rito che affonda le sue radici lontano nel tempo e molto diffuso il secolo scorso. "U chiangatìdde" un posto che ti riconciliava col mondo esterno, che ti raccordava coi vicini di casa, un luogo dove sedere la sera per ritrovare la quiete e rimirare le stelle, dove si conversava fino a tardi perché il caldo era opprimente e non concedeva tregua, come è successo anche quest'anno""".

U Chiangatìdde

Quàne la sàire chèle la scurôje
e acchemmògghje u vòche vècchje
père ca péure u cjle ascènne
a dórme sàup'a li tìtte;
do léuce rómbene appène l'ómbre
che na desturbèje cùre selénzje
ca párle scechìtte de le memòrje andòche
de chìre jùmene ca sott'o vèle de la léune
che la zàppa 'ngùdde se ne scèvene fòre
che turnèje a la calète du sàule
cu tascheppène chiòne
de li vèse du cjle e du cánde de la tèrre.
A quèss'àure, ce mìtte rècchje,
pùte sénde na preghìre c'anghiène
e pórte u còre 'nnànde o Segnòre.
Nàue, nan zò lamínde c'aggìrene
so véuce canescéute ca camìnene 'nzìmme,
gàvetene ddù attúrne e tórnene a 'ngundrárse.
C'é jà ca me pìgghje, no sàcce a dòce!
Stèce na léune stasàre appàse
ca m'appìcce d'occhjere…;
jind'o vòche môje vàiche a jòcchjere achiéuse
ma stí penzìre pèsene,
no sàcce percì nan ze ne vànne
a pérde 'mmèzze a le stèlle.
E mùje ca péure u jùrne se no scéute
e l'ùtema vàuce oramàje s'ho stutète
rète a le púrte hone manète la vàrre
e nu selénzje affùnne gnòtte l'ànema màje!
Me so stanghète de sciò cialéune
quèse quèse m'assètte n'ata vólte
a cùre chiangatìdde rète a chèse
a sénde arrète le stòrje ca fànne vulèje!
Sante Valentino
La pietra sull'uscio/quando la sera cala il buio/e copre il vecchio vicolo/sembra che anche il cielo scenda/a dormire sopra i tetti;/due luci squarciano appena l'ombra/per non disturbare quel silenzio/che parla solo di memorie antiche/di quegli uomini che sotto il velo della luna/con la zappa in spalla andavano in campagna/per tornare al tramonto/col tascapane pieno/dei baci del cielo e del canto della terra./A quest'ora, se ascolti,/puoi sentire una preghiera che sale/e porta il cuore innanzi al Signore./No, non sono lamenti che girano/sono voci conosciute che camminano insieme,/abitano qui intorno e tornano a incontrarsi./Cos'è che mi prende, non so dirlo!/C'è una luna stasera appesa/che mi accende gli occhi…;/nel mio vicolo vado ad occhi chiusi/ma questi pensieri pesano,/non so perché non se ne vanno/a perdere tra le stelle./E adesso che anche il giorno è andato/e l'ultima voce si è ormai spenta/ dietro le porte hanno infilato la barra/e un silenzio profondo ingoia l'anima mia!/Mi sono stancato di andare in giro/quasi quasi mi siedo un'altra volta/a quella pietra dietro casa/a riascoltare le favole che fanno volare!
Sante ValentinoSante Valentino e Nunzio PinnelliSante Valentino coi i poeti dialettali canosiniU Chiangatìdde Canosa
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Alle radici dell’identità Alle radici dell’identità Il dialetto un patrimonio immateriale e valoriale insopprimibile
La checòzze  di Ognissanti La checòzze di Ognissanti E' diventata un ponte con l'Aldilà nell'accogliere la visita delle anime dei Morti
La fontana rievoca "Nu cánde de nòtte" La fontana rievoca "Nu cánde de nòtte" La poesia dialettale di Sante Vantino
C’era una volta il massaro  e il gualano C’era una volta il massaro e il gualano Proverbio di buoi e pecore sul gualano
C'era una volta Il banditore di paese C'era una volta Il banditore di paese U scettabànne di Canosa di Puglia e il Trombetta del Veneto
Buona la prima “Prove” di Nunzio Pinnelli Buona la prima “Prove” di Nunzio Pinnelli Applausi alla presentazione con l’editore Renato Russo
Canosa: Esordio letterario per Nunzio Pinnelli Canosa: Esordio letterario per Nunzio Pinnelli A Palazzo Iliceto presenterà il libro  "La Prove-La civiltà contadina raccontata in vernacolo"
Uniti nella lingua del dialetto Uniti nella lingua del dialetto L'omaggio alla memoria del poeta Savino Losmargiasso
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.