Cattedrale S.Sabino Canosa
Cattedrale S.Sabino Canosa
Un Paese di Poesia

PAJOSE MOJE

Il poeta Sante Valentino inaugura la rubrica "Un Paese di Poesia"

Con la poesia in vernacolo "PAJOSE MOJE" prende il via una nuova rubrica di Canosaweb dal titolo "UN PAESE DI POESIA" che sarà curata dal poeta canosino Sante Valentino, attualmente residente a Roma, dove ha lavorato nella Banca d'Italia, rivestendo ruoli di prestigio. In questi anni ha pubblicato diverse sillogi ed alcune pergamene storico-linguistiche dedicate al suo "amato" paese natìo, riscuotendo numerosi successi a livello nazionale. Tra gli obiettivi del poeta canosino, quello di tutelare e valorizzare il dialetto, un patrimonio linguistico di valore inestimabile da tramandare e divulgare a tutti i livelli ed alle nuove generazioni anche sui social, potenti mezzi della comunicazione e della conversazione rapida ed istantanea. Il dialetto canosino, di origine latina, è una lingua a tutti gli effetti con la sua grammatica, la sua fonetica e, pertanto "chi si approccia alla scrittura deve rispettare i canoni, le regole della sintassi e della morfologia linguistica". La prima poesia "PAJOSE MOJE" della rubrica "UN PAESE DI POESIA" tocca il cuore e invita i canosini lontani ad un rientro per rivivere le gioie di un tempo. I ricordi, l'orgoglio campanilistico, il grande amore per le proprie radici fondate su tradizioni e cultura grazie all''inesauribile vena poetica di Sante Valentino che da oggi è on line per i lettori di Canosaweb, primo portale cittadino. Interagire e condividere la bellezza del dialetto che deve continuare a vivere e resistere ai neologismi e anglicismi ricorrenti nel parlato quotidiano, attraverso i suoi lemmi melodici ricchi di storia e consuetudini vernacolari ben radicate nella comunità canosina.

PAJOSE MOJE
E chiéue t'arecorde
e chiéue me pérde jind'a li penzìre, pajese meje,
sùspere de jùrne strutte 'nzimme
angallescéute o callàure de cure fùche
c'angòre cove sott'a nu mendàune de cérne.
E mèje abbéche l'affànne de chiss'occhjere
c'aggirene sàup'a nuvele ca scappene
'mmezze a circhje de memòrje ca s'allarghene.
E pénze arrète a chir'anne, vulète cum'o vinde,
quàne scémme cialeune 'mmezze a le stélle,
'mmézz'a stratòdde de chianghe sénza timbe
o passe che li càmene sémbe appeccéte
che li scurtegghjéune a scecamèje saup'a li titte.
E me férme a li pàrete che le préule,
a na vàuce c'andunève candelène
che la léune c'ascennève sàup'a le càsere
a de la pèce a la calète du sàule.
Cissà ce t'ho rumese 'mbítte
na vàuce de cure saléute de li figghje,
de cure lamínde méute de le mammere!
E chiéue t'adòcchje muje e chiéue nan de canòsce
ca chiéue scappe da la glorje andeche
ca torne da staggéune allaschéure
a porgete nu cíle a mène chiàne.
Cum'a n'abbràzze jà u retùrne a le stratere tàue
ma nan ze jalze ca u cànde de na pène;
forse foglje hon'a da cadàje angòre,
forse fùche hon'a da jàrde a bruscè destene,
nète all'òmbre de nu cambanèle ca grete
o vínde de la sàire!

Sante Valentino

PAESE MIO
E più ti ricordo
e più mi perdo nei pensieri , paese mio,
sospiri di giorni spesi insieme
scaldati al calore di quel fuoco
che ancora cova sotto un cumulo di cenere.
E mai si placa l'affanno di questi occhi
che girano sopra nuvole fuggiasche
tra cerchi di memoria che si spandono.
E ripenso a quegli anni volati come il vento,
quando vagavamo tra le stelle,
tra i vicoli di pietra senza tempo
al passo coi camini sempre accesi
con le rondini a garrire sopra i tetti.
E mi fermo ai muri con le pergole,
a una voce che intonava filastrocche
con la luna che scendeva sulle case
a rendere la pace coi tramonti.
Chissà se ti è rimasto dentro al petto
un'eco di quell'addio dei tuoi figli,
di quel lamento muto delle madri!
E più ti guardo adesso e più non ti conosco
che più rifuggi dall'antica gloria
che torna da stagioni oscure
a porgerti un cielo a piene mani.
Come un abbraccio è il ritorno alle tue strade
ma non si alza che il canto di una pena:
forse foglie cadranno ancora,
forse fuochi arderanno a bruciare destini,
nati all'ombra di un campanile che urla
al vento della sera!
  • Dialetto
Un Paese di Poesia

Un Paese di Poesia

Il dialetto:patrimonio immateriale da tutelare e valorizzare

Indice rubrica
Altri contenuti a tema
La granatina d’estate del ‘900 La granatina d’estate del ‘900 U grattamarianne nei ricordi d’infanzia
Il dialetto canosino sbarca a   Los Angeles Il dialetto canosino sbarca a Los Angeles Francesco Allegro ha presentato “Appiccj u televisor”
Buone Palme a tutti! Buone Palme a tutti! Il proverbio delle Palme “pàlma ‘mbòsse / grégna gròsse”.
Losmargiasso, fedelissmo interprete di un linguaggio di popolo Losmargiasso, fedelissmo interprete di un linguaggio di popolo Premiato dall’Università della Terza Età di Canosa
Dialettando  e conciliando il sonno Dialettando e conciliando il sonno “Mu vène paulùcce”
I personaggi delle nostre tradizioni I personaggi delle nostre tradizioni Il poeta dialettale Savino Losmargiasso all'U.T.E.
Dialettando sul bel petto di donna: “La petterròne” Dialettando sul bel petto di donna: “La petterròne” Giovedì grasso a Canosa
Grazie Canosini di Torino! Grazie Canosini di Torino! Il "nostro amato dialetto" ci accomuna come memoria e identità
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.