Alberto Sordi
Alberto Sordi
Un Paese di Poesia

Non tutti sanno la filastrocca “La cialánghe”

Composta dal poeta Sante Valentino

Un proverbiale detto paesano che il poeta Sante Valentino fa suo e lo trasforma in una brillante filastrocca "La cialánghe" a rime baciate dal risvolto grottesco allorché descrive con dovizia di particolari la sintomatologia della fame e l'appagamento di essa con i relativi effetti che ne derivano. Il termine "cialánghe" è un termine atavico che veniva per lo più usato nel periodo della civiltà contadina, anche se ancora in uso, per indicare un comportamento famelico delle persone ma che trovava origine e fondamento in una patologia felina che si curava in tenera età con l'amputazione della parte terminale della coda per ovviare ad un eccesso di fame che portava ad un incontrollato aumento di peso. Filastrocca di simpatica e spiritosa descrizione molto orecchiabile e che ben si concilia col clima carnevalesco di questo periodo e che può essere stornellata nelle riunioni conviviali.
La cialánghe (Filastrocca ispirata a un proverbio e musicata al ritmo di una tarantella pugliese)

E quàne la pànze stè vacánde
Nan ze sòne e nan ze cánde (due volte) Ritornello

Quàne t'acciàffe 'ngànne la cialánghe
Te frìche a tatèje che tùtte le chiánghe. Rit.

Quàne t'azzìcche a ffèje na ciallèdde
Te ràsceche tùtte u fùnne de la tièdde. Rit.

Quàne te pìnne 'ngúrpe li ververìzze
Te fè a la carrènne du chèpe de salzìzze. Rit.

Quàne te sínde u béuche jind'o stòmeche
Arràffe tùtte péure ca te vènnene le còleche. Rit.

Quàne cùm'a nu lúrde te sùzze u mùsse
Te stéusce cu vràzze e mmànghe te fè rùsse. Rit.

Quàne vèje attúrne attúrne a la callère
Na ddèje adénzje mánghe a la cummère. Rit.

Quàne t'azzenòsce che li faséule
T'adùcchje attúrne ce stè da séule. Rit.

Quàne te mìtte li pìte sòtt'o tàvele
Sénza criánze adduvínde nu diàvele. Rit.

Quàne annàsche l'addàure du piàtte
T'arràvugghje tùtte péure ce scecàtte. Rit.

Quàne t'abbùtte e te pìgghje la papàgne
Gruffelòsce e nan zínde mánghe cu càgne. Rit.

La fame

E quando la pancia sta vuota
Non si suona e non si canta. Ritornello

Quando ti prende per la gola la fame
Ti mangi il nonno con tutte le pietre.

Quando cominci a farti uno stuzzichino
Ti pulisci tutto il fondo della casseruola.

Quando ti prendono i gorgoglii intestinali
Ti fai di corsa due capi di salsiccia.

Quando ti viene il buco allo stomaco
Afferri tutto pure che ti vengono le coliche.

Quando come uno lordo ti sporchi il muso
Ti pulisci col braccio e neppure diventi rosso.

Quando vai intorno alla caldaia
Non dai retta neppure alla comare.

Quando t'abbuffi coi fagioli
Ti guardi intorno se stai da solo.

Quando metti i piedi sotto al tavolo
Senza creanza diventi un diavolo.

Quando annusi l'odore del piatto
Raggomitoli tutto pure se crepi.

Quando ti gonfi e ti prende la cecaggine
Russi e non senti manco per il cavolo.
Sante Valentino
  • Dialetto
  • Sante Valentino
Altri contenuti a tema
Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Storia semiseria di un antico vaso dei bisogni
Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” La poesia di Sante Valentino per la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali"
ODE ALLA MIA TERRA ODE ALLA MIA TERRA Il componimento natalizio del poeta Sante Valentino
Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Il più autorevole premio letterario promosso dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia
Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Gli Angeli nel componimento dialettale di Sante Valentino
La poesia “Umanità perduta” di Sante Valentino La poesia “Umanità perduta” di Sante Valentino Sarà ospite dell'Università della Terza Età "Ovidio Gallo" di Canosa
Canosa: ai turisti “Stàteve bbùne !” Canosa: ai turisti “Stàteve bbùne !” L'ultimo componimento dialettale di Sante Valentino
Canosa: Si declama  “sei quanto una pianta di perchiazza” Canosa: Si declama “sei quanto una pianta di perchiazza” Dal proverbio all’erba da insalata, dall’Antica Roma ai nostri giorni
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.