IL pergolato
IL pergolato
Un Paese di Poesia

La riscoperta del pergolato:"La préule"

Il ricordo nella poesia dialettale di Sante Valentino

In piena vendemmia 2020, nel rispetto delle norme anti Covid-19, il poeta Sante Valentino, vincitore del Premio Diomede 2014, riprende "il nostro discorso di cultura e di amore per il paese. Siamo a ottobre, periodo dell'uva e della vendemmia nel quale ci ritroviamo a vivere un periodo di festa e di allegria paesana, con i colori e i frutti della natura. Giosuè Carducci ce lo descrive nella sua poesia San Martino, '...per le vie del borgo dal ribollir dei tini va l'aspro odor dei vini l'anima a rallegrar..". A me è venuto in mente il ricordo di una vecchia pergola (La préule, in dialetto) rimasta lì per decenni bellissima e piena di grappoloni di uva bianca che era uno spettacolo a vedersi.Una tradizione contadina molto emblematica e significativa dell'arredo urbano e della laboriosità delle famiglie dell'epoca che si procacciavano risorse, aguzzando l'ingegno e conservando l'amore per la natura.""" Il pergolato di vite, era molto diffuso sia nelle masserie che nelle strade e nei cortili dei paesi nel Sud Italia, una tradizione rimasta in vita fino al Secondo Dopoguerra. Il pergolato di vite è un elemento architettonico ed estetico il cui fascino si sta riscoprendo in questi ultimi anni a Canosa di Puglia(BT), con locali rinomati che stanno contribuendo alla promozione e valorizzazione della "préule" attraverso la piantumazione, le insegne e le campagne pubblicitarie a tema. La riscoperta del pergolato contribuisce al recupero dei sapori di un tempo, sapori che sono rimasti sicuramente nel ricordo del poeta Sante Valentino che per l'occasione propone la poesia dialettale intitolata "La préule", la pergola di vite per un ambiente protetto dal sole e dalla rugiada serale dove trascorrere momenti indimenticabili.

La préule
Nan ge stè chiéue ddèje
se l'ho accarrète 'nnànde u tímbe;
cume aggerìve la fundène de "Chianga scritte"
la truive bélle jélte e chiàne de pàmbene.
Na jève la màje èppéure m'appartenève,
me la recòrde uagnàune
quàne le passève da nànde
che li sícchje chiòne d'àcque
parève ca me vulève dèje na mène
e allunghève chìre sarmínde
e me regalève l'òmbra sàue.
De staggéune me n'ho fàtte vedàje tànde
e na me stanghève mèje de revedélle
acchessì chiàne de quanníquele biànghe
parève na màmme c'allarghève le bràzze
e joje u sapève che ce jève cure abbràzze.
L'èstète ce la vedìve
se vestève che le frùnne nòve,
la préula màje,
ma u vírne, ca nan ge stève,
che nu chiànde cítte cítte
a jéune a jéune le facève cadàje.
Quàne le passève vecene me redève u còre,
jève cundénde ca la scève a truèje
parève ca me vulève regalèje cissà cè sòje
e me 'mbetève a fermàrme all'òmbra sàue;
…dèffòre gè scallévene le stràtere
sòtt'a le callíscene de li tímbe!

La pergola/ Non sta più lì/se l'è portata innanzi il tempo;/come svoltavi la fontana di "Chianga scritta"/la trovavi bella alta e piena di pampini./Non era la mia eppure mi apparteneva,/me la ricordo ragazzo/quando le passavo davanti/con i secchi pieni di acqua/sembrava che volesse darmi una mano/e allungava quei tralci/e mi regalava la sua ombra./Di stagioni me ne ha fatte vedere tante/e non mi stancavo mai di rivederla/così piena di grappoli bianchi/sembrava una mamma che allargava le braccia/e io lo sapevo per chi era quell'abbraccio./D'estate se la vedevate/si vestiva di foglie nuove,/la mia pergola,/ma l'inverno, che non c'ero,/con un pianto silenzioso/una per una le faceva cadere./Quando le passavo vicino mi rideva il cuore,/era contenta che l'andavo a trovare/sembra che volesse regalarmi chissà che cosa/e m'invitava a fermarmi alla sua ombra;/…fuori già scottavano le strade/sotto la calura dei tempi.
La préule Il pergolato Canosa di PugliaI pampini "La Préule"I pampini in via Doge Faliero Canosa di Puglia(BT)Pergolato   La préule Canosa di Puglia
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Canosa: le emozioni del dialetto Canosa: le emozioni del dialetto I poeti Sante Valentino e Antonio Faretina ospiti della Pro Loco
Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Sante Valentino e Antonio Faretina gli ospiti della serata
Il campanile simbolo di un popolo e di un paese Il campanile simbolo di un popolo e di un paese "U Cambanèle" la poesia di Sante Valentino
Le orecchiette bianconere per la Juventus Le orecchiette bianconere per la Juventus La cucina pugliese per i Campioni d’Italia
Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Impronte di vacanze a Margherita di Savoia Piedi d’estate sull’arena
Raccontiamo  ”U veche vécchje” Raccontiamo ”U veche vécchje” La strada di casa nei ricordi del poeta Sante Valentino
Piazza Galluppi a Canosa Piazza Galluppi a Canosa Dal formaggiaio “Ruvestino” con Pierino
La poesia si fa video : “U struzzône” La poesia si fa video : “U struzzône” A realizzarlo Diaferio, Lentini, Franco e Ciffo per ricordare Losmargiasso  
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.