Fontana 'Mbriene
Fontana 'Mbriene
Un Paese di Poesia

La fontana rievoca "Nu cánde de nòtte"

La poesia dialettale di Sante Vantino

Un altro componimento lirico di Sante Valentino per la rubrica "Un Paese di Poesia" di Canosaweb, portato a termine con una scrittura curata ed approfondita. S'intitola "NU CÁNDE DE NÒTTE", un canto notturno per ricordare una fontana, rievocando gli anni giovanili trascorsi a Canosa di Puglia. Il poeta dialettale instaura un rapporto in rime con la stessa, quasi personalizzandola, attraverso un dialogo, "un'intesa dove poter ritrovare sentimenti ed emozioni del tempo. La fontana di 'chianca scritta' che ha dissetato generazioni col suo getto continuo e fresco; un richiamo che rivive sicuramente nella mente e nel cuore di molti che intorno a lei si sono avvicendati" La storica fontana di corso Garibaldi a Canosa di Puglia è un simbolo dell'Acquedotto Pugliese: altezza 128 cm, base circolare 38 cm, forma conica, corredata di cappello e vaschetta di recupero delle acque, totalmente in ghisa, rubinetto a getto intermittente con meccanismo interno in ottone. Sono i 'segni particolari' della fontana di 'chianca scritta' alla quale sono state dedicate poesie a testimonianza dell'affetto incondizionato che i canosini hanno riservato e continuano a riservare a questo dispositivo architettonico, fonte di vita e di ispirazione poetica.
NU CÁNDE DE NÒTTE
Mùje, jà na ròcchje ca nan dórne a vàve
a quera fundène sott'a chèse
cume ce fòsse ca nan dénghe chiù sècche,
ma la sècche stèce e jà tánde
cum'a cùre latúrne ca scechème sémbe
e nan ammupèsce mèje.
L'ùtema vólte ca sò vìppete
fu quàne me ne scìppe armadechète
e che li 'ngjòne 'ngùdde
lassànne chir'alòve a chiánge
che le vràzze jalzète sòtt'a le nnùvele.
E nu granète jind'a l'úrte allasìppe,
li vrìcce sàup'a le 'nghjanète
e d'arràsse a sparèsce u cjle nùste.
Jèvene jòsce chìre
ca c'ascunnèmme rète a le púrte
all'àure ca passèvene li zannìre
e le cechèle nan ze stanghèvene
de candè u prìsce de l'èstète.
Mùje, péure l'ómbra màje se n'ho scéute
e la léune s'ho 'ppannète de nu suspòre.
Ma ce trove arrète la strète,
agghjà turnèje n'ata vólte
a quèra chèsa biánghe
'mmezz'a li scequacquele du màse de màgge,
a quèra fundène du zìnne de la strète.
Agghjà turnèje,
che vedàje ce de nòtte cánde angòre
péure mùje ca na la sénde chiéue…!

Sante Valentino
CANTO NOTTURNO/Adesso, è da tanto che non torno a bere/ a quella fontana sotto casa/come se non avessi più sete,/ ma la sete c'è ed è tanta/come quel lamento che piagnucola sempre/e non zittisce mai./ L'ultima volta che ho bevuto/fu quando andai via triste/ e angustiato/lasciando quegli ulivi a piangere/a braccia alzate sotto le nuvole./E un melograno nell'orto lasciai,/i sassi sulle salite/e di lontano a perdersi il nostro cielo./Erano meriggi quelli/che ci nascondevamo dietro le porte/nell'ora che passavano i mariuoli,/e le cicale non smettevano/di cantare la gioia dell'estate/ Adesso, pure la mia ombra se n'è andata/e la luna s'è velata d'un sospiro./Ma se ritrovo la strada/tornerò un'altra volta/a quella casetta bianca/tra i papaveri di maggio,/a quella fontana in fondo alla strada./Devo tornare,/per vedere se di notte canta ancora/anche ora che non la sento più…!
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Il componimento dialettale di Sante Valentino
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Si declama “Li  pecàbbele  vìcchje”
Una parola di donna in dialetto Una parola di donna in dialetto La bella “pempesélla” di paese
In dialetto la prima poesia del 2022 In dialetto la prima poesia del 2022 S'intitola "U Crucefisse de San Zavòne" di Sante Valentino
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.