stazione
stazione
Un Paese di Poesia

Dal 3 giugno 2020, si declama “Scemannínne”

Il poeta Sante Valentino: “Proponiamoci dunque per un ritorno al nostro paese”

Alla vigilia del 3 giugno 2020 quando in Italia si potrà ricominciare a spostarsi da una regione all'altra, ci si potrà muovere ovunque per qualsiasi motivo senza autocertificazione e senza doversi sottoporre ad alcuna quarantena, il poeta Sante Valentino presenta il componimento dialettale "Scemannínne" per la rubrica "Un Paese di Poesia" molto seguita su Canosaweb, primo portale cittadino, e sui social."""In questo periodo in cui l'onda assassina del coronavirus ha infestato il mondo creando morti e disagi sociali ci stringiamo, più che mai solidali, intorno agli affetti ritornando, appena possibile, nei luoghi della nostra storia""".- Esordisce così il canosino Sante Valentino nella breve dichiarazione di presentazione della poesia in vernacolo dal titolo 'Scemannínne' - """Proponiamoci dunque per un ritorno al nostro paese, offrendo nei limiti consentiti, un contributo ed un conforto con la nostra presenza. La nostra Canosa ha bisogno di tutti i suoi figli per poter rinascere un'altra volta come descritto nella millenaria storia del passato che non la vide mai soccombere nonostante le molteplici avversità. Rivolgo il mio appello a tutti i canosini perchè ognuno con vero spirito di appartenenza tenda la propria mano.Questo mio invito – conclude Valentino - lo propongo in chiave poetico-dialettale con la poesia dal titolo "Scemanninne""".

SCEMANNÍNNE


Néue, ca me pegghjète
u tertéure de li sùnne
e ce na me vulète lundène
purtànne a tracòlle nu pesemàure,
scemannínne mùje, turnème
sénza penzè dò vòlte
a chìre stràtere nòste.
L'ama truélle na pòrta sgarrazzète,
nu chiangatidde 'nnànd'a chèse
add'assettàrce a nazzechè l'àneme,
a sénde arrète le candelène de li vriscegnùle.
Scemannínne uagnè, mettímece a la recònne,
na vedete ca deffòre aggiòre u maletímbe,
turnème arrète ddèje, d'adda me partéute.
addunéme ste quatte ciangianélle
e curròme rítte rítte
addà turnévene a premavère
li scurtegghjéune, ca canuscévene
la veje e le ciumenère
add'avévene allassète li nete.
Turnème a sénde arrète u vínde,
c'annariève'ngílle le cumète,
e u prísce de le staggéune
ca zumbévene sàup'a le gràste.
Dèbbàsce hone rumèse angòre
tanda sunarídde da sénde
e tanda stòrje da raccundèje…
Nan ge pùteme sbarbagliè proprje mùje
péure ca la léune s'ho schennéute
e nan ge fèce truèje la rétte
ma u còre, cùdde, vèce a jidde a jidde
addà u fùche màne fascídde
e le pène tène l'addàure du cjle.
Sante Valentino

ANDIAMOCENE Noi che abbiamo preso/il sentiero dei sogni/e ce ne siamo andati lontano,/portando sulle spalle un peso/andiamocene adesso, torniamo/senza pensarci due volte/a quelle nostre strade./La troveremo una porta socchiusa,/una lastra di pietra davanti casa/dove sederci a dondolare l'anima,/ a risentire i ritornelli dei grilli./Andiamocene ragazzi mettiamoci al riparo/ non vedete che là fuori aleggia il cattivo tempo./Torniamo di nuovo lì, da dove siamo partiti/raccogliamo queste quattro cianfrusaglie/e corriamo dritti/dove tonavano a primavera/le rondini che sapevano/la via e i comignoli/dove avevano lasciato i nidi./Torniamo a riascoltare il vento,/che innalzava al cielo gli aquiloni/e la gioia delle stagioni/che saltellavano sui vasi./ Laggiù sono rimasti ancora/tanti sonagli da riascoltare /e tante favole da raccontare…/Non possiamo distrarci proprio ora/anche se la luna si è nascosta/e non ci fa trovare più la dirittura/ma il cuore, quello, va da solo/dove il fuoco innalza scintille/e il pane ha la fragranza del cielo.
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La culla, “navicella” dei neonati La culla, “navicella” dei neonati La “navicula” dall’Antica Grecia all’Antica Roma, alle Regioni italiane del ‘900, a casa mia
Alla riscoperta dei luoghi dell'anima Alla riscoperta dei luoghi dell'anima “Na sàire de nuvémbre” la poesia autobiografica di Sante Valentino
Nei ricordi “Le véuce de tànne” Nei ricordi “Le véuce de tànne” La poesia di Sante Valentino per Ognissanti
La riscoperta del pergolato:"La préule" La riscoperta del pergolato:"La préule" Il ricordo nella poesia dialettale di Sante Valentino
Canosa: le emozioni del dialetto Canosa: le emozioni del dialetto I poeti Sante Valentino e Antonio Faretina ospiti della Pro Loco
Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Con la Pro Loco Canosa va in scena il dialetto Sante Valentino e Antonio Faretina gli ospiti della serata
Il campanile simbolo di un popolo e di un paese Il campanile simbolo di un popolo e di un paese "U Cambanèle" la poesia di Sante Valentino
Le orecchiette bianconere per la Juventus Le orecchiette bianconere per la Juventus La cucina pugliese per i Campioni d’Italia
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.