Canosa:  Luigi il fornaio
Canosa:  Luigi il fornaio
Un Paese di Poesia

Da Canosa di Puglia “L’addàure de le ppène”

La poesia in vernacolo a firma di Sante Valentino

La storia del pane ha accompagnato da sempre quella della civiltà umana. Ottenuto grazie alla cottura delle farine derivate dai cereali, questo alimento ha rappresentato nei secoli la base dell'alimentazione. La Puglia è una regione rinomata per la cerealicoltura, tanto da essere stata definita "il granaio d'Italia"e per la tradizione relativa alla produzione del pane. Il pane pugliese è tra i più richiesti nei banchi alimentari in tutta Italia per la pezzatura piuttosto grande, maggiore della media e a differenza di quello tradizionale delle altre regioni è buono anche nei giorni successivi alla sua preparazione. Si consuma affettato ed è perfetto per accompagnare il pasto ma anche per fare panini e bruschette. Il pane è così "intimamente" legato alla vita dell'uomo che ne è diventato parte integrante. Il pane è il risultato del lavoro nei campi e del buon esito dei raccolti. L'equilibrio di ogni società si è mantenuto, per millenni, sui raccolti, e soprattutto sul controllo centralizzato delle farine e sulla loro equa distribuzione tra la gente. Ogni volta che le carestie riducevano drasticamente le quantità disponibili di farina, nascevano rivolte popolari, spesso dall'esito tragico. Non a caso, secondo lo scrittore romano Giovenale, gli imperatori romani tenevano a bada il popolo mettendo in pratica il motto: «panem et circenses- cibo e divertimenti». Dal motto alla poesia in vernacolo «l'addàure de le ppène» a firma di Sante Valentino per arricchire la rubrica "Un Paese di Poesia" dedicata al dialetto «la lingua madre dei nostri nonni attraverso la quale la cultura si esprime e comunica la nostra identità. Icone indelebili scolpite negli occhi di un fanciullo che le ha portate con sé sul sentiero della vita. Un viatico conservato con cura nei meandri della memoria che aiuta il poeta a rituffarsi nelle sue radici per rigenerare la propria identità e ritrovare se stesso con quello spirito di appartenenza che ha sempre contraddistinto le sue opere. Un legame profondo di amore intenso, di esperienze condivise, di gratitudine che costituiscono il bagaglio spirituale che lo hanno aiutato ad andare avanti ed a rafforzare il legame col proprio paese.»
L'ADDÀURE DE LE PPÈNE
Cé nne sè téue de cùre uagnàune d'u pajòse

ca scappève che le stràtere e sse resbegghjève
la matòne che li sùne de nu cambanèle vècchje.
Jôje na l'agghje sendéute cchiéue cùre addàure
de le ppène stupète jind'a la càsce e jind'o còre,
u cànde de l'arlòggia vécchje a la léune de la sàire.
Na l'agghje chiù sendéute le vvéuce de la strète
e u cecerescèje de le mmàmmere 'nnánd'a le ppúrte;
li fiéure de l'aménle m'arrubbèvene d'òcchjere
e nna fundène sgurrève cìtta cìtte che cúnde séue…
E nno sàcce cé jà ca me pigghje mùje
quàne m'allundène e mme tròve arrète ddèje
jind'a chìre lùche ca canòsce a mmemòrje;
nan zàcce ce tùtte quèsse càpete péure a vvéue…
Mettìppe quère c'abbesugnève jind'o fangòtte
pìcche càuse ca m'accumbagnèvene strèta strète
da purtè 'ngùdde che quèra vòja lònga lònghe.
Ma percì me n'agghje duvéute sciòje
che truè u bèlle de tàje, pajòse môje:
li ggèranje sàup'a le'nghianète de prète,
li pannìtte jalzète rète a le vvetròne,
li scurtegghjéune a ffè vùle sàup'a le restòcce,
li féume de li càmene c'anghjànèvene 'ngìlle
li pròme vèse, li pànne stennéute o vínde…
Chèsa màje mùje me père nu lùche de preghìre!
Scechìtte ste cusarèdde m'agghje purtète
quère e ttánde c'avastève che d'abbrazzárte arrète.
Ma percì me n'agghje duvéute sciò, percì…
chiéue m'allundène e cchiéue me sénde veciòne,
chiéue adòcchje u cjle e cchiéue tórne 'ndrète
a ssénde arrète cùre addàure de le ppène!
Sante Valentino
LA FRAGRANZA DEL PANE/Cosa sai tu di quel ragazzo del paese/che correva per le strade e si svegliava/al mattino coi rintocchi di un vecchio campanile. /Io non l'ho sentito più quel profumo/ del pane conservato nella madia e nel cuore, / il canto del vecchio orologio alla luna della sera. /Non le ho più sentite le voci della strada/e il mormorio delle madri sulle porte;/ i fiori dei mandorli mi rubavano gli occhi/e una fontana scorreva silenziosa in solitudine…/E non so cos'è che mi prende ora/ quando mi allontano e mi ritrovo di nuovo lì/ in quei luoghi che conosco a memoria;/ non so se tutto questo capita anche a voi... /Misi quello che serviva nel fagotto/poche cose che mi accompagnavano strada facendo/ da portare addosso per quella via lunga. /Ma perché son dovuto andare via/ per trovare il bello di te, paese mio:/ i gerani sulle scalinate di pietra/ le tendine alzate dietro le vetrine/ le rondini a volteggiare sulle stoppie, / i fumi dei camini che salivano al cielo, /i primi baci, i panni stesi al vento…/Casa mia ora mi sembra un luogo di preghiera! / Solo queste piccole cose mi sono portato/ quel tanto che bastava per riabbracciarti. /Ma perché son dovuto andare, perché…/più mi allontano e più mi sento vicino, / più guardo il cielo e più torno indietro/ a risentire quella fragranza del pane!
Pane a prosciuttoIl pane del forno a legnaPane pugliesePane di Altamura
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La luna ispira la poesia "Na mme si decènne…"  La luna ispira la poesia "Na mme si decènne…"  Una lirica elegiaca di Sante Valentino
La mamma in quattro generazioni La mamma in quattro generazioni Tra proverbi in dialetto, italiano, latino e greco antico
Terzo posto per Cinzia Sinesi al Premio Internazionale di poesia e narrativa  "Città di Bitetto" Terzo posto per Cinzia Sinesi al Premio Internazionale di poesia e narrativa  "Città di Bitetto" Premiata la lirica dialettale “La nòtte de Natèle”
Addio, cuma Rosetta di Canosa! Addio, cuma Rosetta di Canosa! Massa Rosa, memoria di affetti, di tradizioni, di fede popolare
Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Storia semiseria di un antico vaso dei bisogni
Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” La poesia di Sante Valentino per la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali"
ODE ALLA MIA TERRA ODE ALLA MIA TERRA Il componimento natalizio del poeta Sante Valentino
Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Il più autorevole premio letterario promosso dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.