Canosa 31/12/2020 Ph Savino Mazzarella
Canosa 31/12/2020 Ph Savino Mazzarella
Un Paese di Poesia

Capodanno in vernacolo

"La nòtte" la lirica di Sante Valentino

La notte: un ciclo ancestrale della terra in attesa della luce del giorno, in attesa di un barlume, di un riverbero come può essere " la ciàule" che trafigge il buio. Con la poesia in vernacolo "La nòtte" il poeta Sante Valentino ci descrive così questa metafora della vita pervasa a volte dalla notte più profonda come in questo momento critico attanagliato dalla pandemia e ci esorta ad alzare lo sguardo, a guardare il cielo in attesa di uno spiraglio che ridia la speranza. Nella sua lirica dal titolo "La notte" ci ricorda che ogni uomo anela inesorabilmente alla luce e interpella il vicino viandante suo simile che come lui si avventura per risalire la china dal buio verso quella stella che illumina il sentiero. "Che questa lunga notte pandemica esaurisca il suo nefasto corso e ci apra nel buio uno spiraglio di luce e di speranza" E' l' augurio del poeta Sante Valentino per un felice e sereno anno nuovo

La nòtte
Angòre na nòtte, nu cjle schéure
e sénza stélle ca m'acchemmògghje;
angòre nu lùcchele suffuchète 'ngànne…
Sàup'a sta strète nan de sénde nescéune
e scappème apprìsse a nu sùnne.
Dìmme, téue ca me càmene o cùste,
sé cùsse tertéure àrreve dèje
addà pòzze sculchèje d'arràsse,
dìmme, percì la nòtte…,
percì la nòtte arravògghje u mùnne
e me vòtte 'ngérche de la léune.
Facìteme arrambechèje chiù séuse
ad agguandèje na spère de léuce
addà na me pòzze pérde e pòzze sciôje
a jòcchjere achiéuse sénza cadàje.
Fòrse me n'avéss'ada scappèje
addà u grete nan ze pote pérde,
fòrse m'avéss'ada n'ascònne,
ma na jàje quère ca vògghje
da chìsse mène jalzète ca
angòre s'acciàffene a nu cjle
lundène e sénza còre.
Che piaciàre, japrìteme arrète
quèra fenéstre c'adòcchje dèffòre
sàup'a cùre tertéure sénza cumbòne
e àrreve fìngh'o zìnne du sùnne
addà ogné sàire me ne vàiche
a cògghje le ciàule che la nòtte!

Sante Valentino
La notte/Ancora una notte, un cielo buio/e senza stelle che mi copre/ancora un urlo soffocato in gola…/Su questa strada non ti sente nessuno/e inseguiamo un sogno./Dimmi, tu che mi cammini a fianco,/se questo sentiero arriva lì/dove possa sbirciare lontano,/dimmi, perché la notte…,/perché la notte copre il mondo/e mi spinge in cerca della luna./Fatemi arrampicare più su/ad afferrare una spera di luce/dove non possa perdermi e possa andare/a occhi chiusi senza cadere./Forse dovrei fuggire dove il grido non possa perdersi,/forse dovrei nascondermi,/ma non è quello che voglio/da queste mani imploranti che/ancora s'afferrano a un cielo/distante e senza cuore./Per favore, schiudetemi ancora/quella finestra che guarda fuori/su quel sentiero senza confini/e conduce fino al limitare del sogno/dove ogni sera m'incammino/a cogliere riverberi per la notte!
Foto di Savino Mazzarella
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Il componimento dialettale di Sante Valentino
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Si declama “Li  pecàbbele  vìcchje”
Una parola di donna in dialetto Una parola di donna in dialetto La bella “pempesélla” di paese
In dialetto la prima poesia del 2022 In dialetto la prima poesia del 2022 S'intitola "U Crucefisse de San Zavòne" di Sante Valentino
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.