Sante Valentino
Sante Valentino
Un Paese di Poesia

Canosa: Un linguaggio smarrito, “na parlèta pérse”

La poesia di Sante Valentino per la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle lingue locali “,

Il 17 gennaio si celebra la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle lingue locali ", un'occasione per ridare slancio alla "nostra lingua madre così duramente segnata nella sua originalità dalle molteplici aggressioni disgregatrici in corso". Per questa ricorrenza, il poeta Sante Valentino propone "Na parlèta pérse" , una nuova composizione in quartine a rima alternata con diverse citazioni arcaiche, finalizzata a dare rilevanza ad alcuni termini che facevano parte "del nostro linguaggio del secolo scorso. Il recupero della nostra storia linguistica si accompagna alla valorizzazione della storia e delle tradizioni del territorio e come tale è un progetto che va perseguito e sostenuto costantemente per rivitalizzare la nostra memoria ed offrire ai posteri una testimonianza del loro passato". La poesia dialettale "Na parlèta pérse" è una riscoperta legata alla natura identitaria, di espressione della storia popolare e della cultura del territorio locale.

NA PARLÈTA PÉRSE
Cume jàje ca ve n'avòte scurdète de néue
ame passète 'nzìme tanda bèlle muménde
e all'assacràise nan ge avòte nnumenète cchiéue,
péure ca stèmme sàup'a la vòcche de la ggénde.

Ce ve le raccónde cchiéue mùje chìre stòrje e patòrje
cum'a quàne decìve le rrazziéune assettète o frascìre,
ma na vv'arecurdète cchiéue mánghe de cùre andecessòrje
ca decève tanda bèlle paréule sénza mèje nu vetepìre.

Ame fàtte tanda trascúrse 'ngumbagnôje de tatàje e tetùcce,
ce tenèvene 'mbonde a la léngue sasòre e u scèttabbanne
arragghjève 'ndialètte péure u ciùcce de 'mbè Nanùcce
e nan ge stanghèmme mèje de repète li fàtte de mafallanne.

Jèmme na vàucia scechìtte: u maccatéure e u mandesòne,
u checherùzze, la scecanète, u sgalliffe e u cunzepròne,
u petèle e u ruàgne, la canacámbre e u petegòne,
u custeménde e u tapène, u mòneche e u scallòne.

Quàne ce accucchjèmme raccundèmme li calannàrje
candèmme allègre scambulìtte, sturnèlle e ccandelène
le pparéule jessèvene do còre e se ne scèvene che l'árje
e mmèje u cetràune zumbève ''nghéule a l'urtelène.

Péure ca cérte vólte ce 'mbunnèmme u mùsse o vechèle
e u cervìdde s'annegghjève e se revultève all'ammérse
'nghèpe rumanève sémbe nu pìzzeche de quère sèle
ca cunzève la gnàgnere de quèra parlèta nòsta pérse!
Sante Valentino

"NA PARLÈTA PÉRSE" - Un linguaggio smarrito
./Com'è che vi siete dimenticati di noi/ abbiamo trascorso insieme tanti bei momenti/ e all'improvviso non ci avete più chiamato, / pure che eravamo sulla bocca delle persone./Chi ve le racconta più ora quelle storie e storielle/ come quando dicevate le orazioni seduti al braciere,/ ma non vi ricordate più neppure di quell'antecessore/ che proferiva tante belle parole senza mai un vituperio./ Abbiamo fatto tanti discorsi in compagnia di papà e del fratello maggiore/ ci tenevano sulla punta della lingua la sorella maggiore e il banditore/ ragliava in dialetto pure l'asino di compare Antonio/ e non ci stancavamo mai di ripetere gli episodi dell'anno scorso./ Eravamo una sola voce: il fazzolettone rosso e il grembiule,/ un pezzo del filone del pane, la pagnotta grande, il gaglioffo e il procugino,/il pitale e il vaso da notte, il silos di canne e il botteghino,/ il vestito della festa e il pastrano, il trabiccolo e lo scaldino./ Quando ci riunivamo raccontavamo le malefatte/ cantavamo felici aneddoti, stornelli e filastrocche/ le parole uscivano dal cuore e andavano per l'aria/ e mai non si era coerenti al tema. /Anche se alcune volte ci bagnavamo la bocca al boccale/ e il cervello si annebbiava e si rigirava al contrario/ in testa restava sempre un pizzico di quella saggezza/ che condiva l'intelligenza di quella nostra parlata smarrita!
  • Dialetto
  • Sante Valentino
Altri contenuti a tema
Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Storia semiseria di un antico vaso dei bisogni
Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” La poesia di Sante Valentino per la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali"
ODE ALLA MIA TERRA ODE ALLA MIA TERRA Il componimento natalizio del poeta Sante Valentino
Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Il più autorevole premio letterario promosso dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia
Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Gli Angeli nel componimento dialettale di Sante Valentino
La poesia “Umanità perduta” di Sante Valentino La poesia “Umanità perduta” di Sante Valentino Sarà ospite dell'Università della Terza Età "Ovidio Gallo" di Canosa
Canosa: ai turisti “Stàteve bbùne !” Canosa: ai turisti “Stàteve bbùne !” L'ultimo componimento dialettale di Sante Valentino
Canosa: Si declama  “sei quanto una pianta di perchiazza” Canosa: Si declama “sei quanto una pianta di perchiazza” Dal proverbio all’erba da insalata, dall’Antica Roma ai nostri giorni
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.