Contadini di Canosa
Contadini di Canosa
Un Paese di Poesia

Canosa: Dalla civiltà contadina “Li stìgghje de li nònne”-

La poesia dialettale di Sante Valentino sugli utensili dei  nonni

La poesia dialettale di Sante Valentino intitolata "Li stìgghje de li nònne"- Gli utensili dei nonni- è un documento di antropologia culturale riguardante la civiltà contadina relativa al secolo scorso e descritta con dovizia di alcuni termini desueti e di arcaismi recuperati e restituiti alla memoria collettiva. "Un mondo agreste dei nostri avi – riferisce il poeta Sante Valentino per la rubrica "Un Paese di Poesia"- riletto attraverso l'elencazione di alcuni utensili domestici e di lavoro di allora quando la povertà e le privazioni accompagnavano la vita quotidiana degli uomini che per sbarcare il lunario attingevano volentieri a quella saggezza paremiologica frutto dell'esperienza atavica dei padri."

Li stìgghje de li nònne

Quànd'ácque ho passète sòtt'o pónde
me père ajìre quànne de nòtte de nòtte
pròme ca venève u matutòne nonònne
se ne scève fòre cu ciucciarìdde e u chène pómbe.
Dòpe na sciurnète a cummàtte che la tèrre
turnève sdrenète o pagghjère e s'arreseriève
tùtte u piàtte péure c'avève acchiangulète,
la sàire pòje tutte quànde attúrne o piàtte spèse
addà jidde facève le párziéune, u vechèle
sémbe acculemète che fàrse na trète de triùsche.
Tànne gavetèvene tùtt'nzimme jind'o suttène
che li mattéune russe de gràite e nu scuvírte;
na schèle anghianève a la trappe e o tavelète.
Chèsa chèse se truèvene tánda ciangianèlle
ma la càùsa chiù còmete jève cure vanghetìdde
o candàune addà s'assettèvene a pegghiè fiète.
M'arecòrde cùme ad ajìre, sàup'a la pórte
le sérte appàse de premedòle e diavelìcchje,
nu staddàune ca jessève da jind'o paràte,
na préule sòtt'a nu canèle e nu trajòne
che le sdánghe; na zàuche che na fercèdde,
e li turcenìdde ad arròste sàup'a la furnacèdde.
Tatàje dòpe ca s'avève spunzète u cuchelìcchje
jind'a l'acquasèle, assettète sàup'o chiangatìdde,
che nu remunduàrje vécchje jind'o tascòne,
sòtt'o mestàzze se mettève a fumèje u secárle.
Nonònne, cu taccatòne 'nghèpe, a chèpa sòtte,
a gramenèje sàup'o tavelìre a fèje strascenète e cuppetìdde;
la scecanète sémbe sott'a chiève se nàune se l'arreserièvene.
Jind'a chìre càsere na manghève nescéune:
u munecacìdde zumbève sàup'o lìtte e la famìgghje
se mettève attúrne o frascìre cu caccavètte de l'acque;
l'addàure du pegnatìdde, 'mbè, te 'mbriachève.
'Nnánd'a le ppúrte dèffòre nu mendàune de taccarèdde,
o lète de jinde nu stacciàune cu scupelìcchje de li papùnne,
jind'o stepàune la càppe e l'àbbete de zegròne,
la navìcule accustète o lìtte e o cendràune appòse
li uarnemínde d'u ciùcce, u brescecàune e la várde.
Arrenghète o paràte u fercàune, la fálce, u serracchje, e u rastìdde;
'Ndérre nu cìcene, na zàppe, u zappàune, u zappùdde,
nu lambère, u calaréule, u candarìdde, na pegnète
e tànda bagattèlle che na freddìzze ca scuffelève.
Na manghève nínde, la felìscene appettève li paróte,
e aschennéute rète a la canacàmbre truìve u cafenatéure, u trepìte,
na fasòne, nu garafàune, u capasàune, la gàvete e nu galtàune 'ndrachèse.
Sàup'a li trestídde du lìtte u saccàune chiòne de pàgghje
ca quàne t'aggerìve facève remàure e te jenghjève de pólve,
e sòtte u petèle e u ruàgne quaché jéune se stupève u tavéute.
Stèvene tutte 'ngumbagnôje: ciùcce, cunìgghje, gaddòne e chène;
jind'o gattaréule quàtta quàtte trasève la gàtte,
u sórge se la felève e se 'mbezzève jind'o mastrìlle.
Mafallànne, ma jève de chiéue m'arecórde,
nu uagnàune che l'arvelìzza 'mmòcche e u cèrèllìne
che li sìcchje de l'ácque jenghjève la rasàule
e sàup'a li tìtte manève u dénte nérghe.
A li menìnne cu gruppecìdde le dèvene u decòtte
e a ce pegghjève li pambanìzze le facèvene u "scecánde".
La cialánghe na manghève e mánghe la vrème;
se mastechève tùtte quère ca se truève:
pestàzze, pastenèche, túrse e fòche secchète;
ogné tánde nu piàtte de martenàse e fèfe arrappète,
pène e jèue jève la merènne se nàune fèfe e cìcere arrestéute.
A Pasque stève sémbe u rùcele du cunigghje o fúrne
e a Pasquètte u cutturìdde, taràdde che dd'òve e squarcìdde.
A Natéle: pèttele, sfegghjète e 'ngarteddète.
Mafallànne, ma jève assèje de chiéue, ahi vòglje!
De l'ànne passète ce na me gè scurdète
ma se me faciòte assaprèje le frettèlle de lambascéune
fórse se resbègghje la memòrje e tórne arrète uagnàune!
Sante Valentino
Gli utensili dei nonni/Quanta acqua è passata sotto il ponte/mi sembra ieri quando notte tempo/ prima che cominciasse ad albeggiare mio nonno/ se ne andava in campagna con l'asinello e il cane volpino/. Dopo una giornata dedicata a lavorare la terra/ tornava sfinito a casa sua e si ripuliva/tutto il piatto pure che s'era ammassato. /la sera poi tutt'intorno al grande piatto piano/dove lui faceva le porzioni, il boccale /sempre ricolmo per farsi una bevuta di vinello. /Allora abitavano tutt'insieme al pianterreno/con i mattoni rossi di argilla e un cortiletto;/ una scala saliva all'abbaino e al tavolato./Per casa si trovavano tante bagattelle/ ma la cosa più comoda era quello sgabello / all'angoletto dove si sedevano a riposare./Ricordo fosse ieri, sulla porta/i serti appesi di pomodori e peperoncini/un fico selvatico che usciva dal muro,/ una pergola sotto la grondaia e un traino/ con le stanghe; una corda con una forcina,/ e gli involtini d'interiora di agnello ad arrostire sui fornelli./ Mio padre dopo aver bagnato il panetto tondo/ nell'acquasale, seduto sula pietra avanti casa,/ con un vecchio orologio nel taschino,/ sotto i baffi si metteva a fumare il sigaro./Mia nonna, col copricapo, a testa in giù,/a impastare sulla spianatoia a fare strascinati e orecchiette;/ la pagnotta sempre sotto chiave altrimenti la facevano fuori./ In quelle case non mancava nessuno:/ il folletto saltava sul letto e la famiglia/ si radunava intorno al braciere con la pentolina dell'acqua;/ l'odore della pignatta, bé; t'inebriava./ Davanti agli usci al di fuori un mucchio di legna,/ all'interno un bastone con lo scopino per le ragnatele,/ nell'armadio la cappa e l'abito di zigrino,/ la culla vicino al letto e al chiodo appesi/ i finimenti dell'asino, la brusca e il basto./ Allineati al muro il forcone, la falce, il saracco e il rastrello,/ Per terra un orciolo, una zappa, un piccone, una zappetta,/ un lampioncino, una casseruola, un catino, una pignatta/ e tante cianfrusaglie con uno sgabello di ferula che cascava./ Non mancava niente, la fuliggine dipingeva le pareti,/ e nascosto dietro il silos a canne trovavi una bagnarola di terracotta, un tripode, /un piccolo orcio, una giara, un orcio grande, la madia e un mastello usato./Sul trespolo il pagliericcio / che quando ti rigiravi faceva rumore e ti riempivi di polvere/ e sotto l'orinale e il vaso da notte qualcuno si conservava la bara./ Stavano tutti in compagnia: asini, conigli, galline e cani;/ Nella gattaiola quatta quatta entrava la gatta,/ il sorcio se la filava e s'infilava nella trappola./Adesso è un anno, ma era di più mi ricordo/un ragazzo con la liquirizia in bocca e il basco,/ con i secchi riempiva l'orcio di acqua/e sopra i tetti gettava il dente annerito./Ai piccolini congestionati propinavano il decotto/ e a chi aveva preso paura gli facevano lo "spavento"./La fame non mancava e neanche la voracità;/ si masticava tutto ciò che si trovava:/ carrube, carote, torsoli e fichi secchi;/ ogni tanto un piatto di purè di fave e fave lesse./pane e uva era a la merenda altrimenti fave e ceci arrostiti. /A Pasqua c'era sempre il tegame del coniglio al forno/ e a pasquetta lo spezzatino, i taralli all'uovo e le ciambelle (scarcelle)./ A Natale: frittelle, sfogliatelle e cartellate./ Adesso è quasi un anno, ma era molto di più, ahi voglia!/ Dell'anno scorso ce ne siamo già dimenticati/ ma se mi fate assaggiare le frittelle coi lampascioni/forse si risveglia la memoria e ritorno bambino!
  • Dialetto
  • Sante Valentino
Altri contenuti a tema
Alla Pro Loco Canosa, una menzione speciale  per “Salva la tua lingua locale” Alla Pro Loco Canosa, una menzione speciale per “Salva la tua lingua locale” A Roma, la cerimonia del concorso letterario nazionale giunto alla decima edizione
Canosa: I ciottoli delle vie del Castello parlano in dialetto Canosa: I ciottoli delle vie del Castello parlano in dialetto Primo giorno di Carnevale
Canosa: Un linguaggio smarrito, “na parlèta pérse” Canosa: Un linguaggio smarrito, “na parlèta pérse” La poesia di Sante Valentino per la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle lingue locali “,
Canosa: Le tante sfaccettature del dialetto Canosa: Le tante sfaccettature del dialetto Celebrata la “Giornata Nazionale del dialetto e delle lingue locali” a cura della Pro Loco
Canosa: Il calzone della tradizione Canosa: Il calzone della tradizione E' una focaccia salata farcita con sponsali
Canosa:  U NATÈLE NÙSTE Canosa: U NATÈLE NÙSTE La strenna natalizia in vernacolo di Sante Valentino
I ragazzi del Sud :“Li uagnéune de vàsce” I ragazzi del Sud :“Li uagnéune de vàsce” La poesia dialettale di  Sante Valentino
Nunzio Pinnelli e "Il vernacolo nella civiltà contadina" Nunzio Pinnelli e "Il vernacolo nella civiltà contadina" Sarà ospite dell'Università della Terza Età "Ovidio Gallo" di Canosa di Puglia
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.