Valige
Valige
Un Paese di Poesia

Buon Ferragosto con le rime di Sante Valentino

La poesia dal titolo "LI FÌGGHJE DU VÍNDE"

Per festeggiare Ferragosto, la cui origine è antica che sta ad indicare fin dai tempi delle Feriae Augusti, un periodo di riposo assoluto, ecco un altro componimento in rime dialettali di Sante Valentino. La festività del 15 agosto è stata istituita dal primo imperatore romano Augusto, nel 18 avanti Cristo come ricorrenza di mezza estate e momento di riposo dalle attività lavorative, ma nel corso degli anni la festa, inizialmente pagana, è stata trasformata nelle giornata scelta dalla Chiesa per celebrare l'Assunzione di Maria come previsto dal dogma proclamato da Papa Pio XII il 1° novembre 1950. Una festa cui gli italiani sono molto legati anche perché cade nel pieno delle vacanze estive: il Ferragosti, tradizionalmente una giornata da trascorrere insieme alla famiglia e agli amici. Nei momenti di relax di Ferragosto si propone la lettura di una poesia dialettale che s'intitola "LI FÌGGHJE DU VÍNDE" in italiano "I figli del vento " o altra definizione " I figli della diaspora" che "l'età moderna continua ad indicare quale fenomeno sociale che contribuisce purtroppo decisamente al depauperamento di quel patrimonio di cultura e di crescita demografica dei paesi del sud. Un esodo storico che si perpetua tra la decadenza socio-economica di quei territori e la solitudine degli anziani costretti ad attendere un ritorno sempre più duro da sopportare e da vivere. Un dramma esistenziale che il poeta fa suo rileggendo il cammino di chi va e di chi resta descrivendo l'impari agone della vita legata al tema dell'emigrazione; una lirica di alta drammaticità e di profondo pathos che ci riporta una realtà purtroppo ben visibile ai nostri occhi che accompagna il destino di chi è nato nei nostri paesi." L'opera in rima per Ferragosto di Sante Valentino nell'ambito della rubrica "Un Paese di Poesia", molto seguita dai lettori di Canosaweb , primo portale cittadino online

LI FÌGGHJE DU VÍNDE

Agghje vìste pegghièje u vùle
da jind'o nòte a tànda vucìlle
c'hone apérte le scìdde e se n'hone vulète.
Péure téue nan d'ha vultète 'ndrète
e nan ha putèute vedàje chìre e dò jòcchjere
ca te scappèvene apprìsse da na pórta sgarrazzète.
T'agghje viste allunghèje u pàsse
e scioratìnne cìtte cìtte a chèpa sòtte;
t'agghje vìste còrre apprìsse a le nnùvele
ca se ne scèvene sémbe chiù d'arràsse;
t'agghje viste addunè penzìre e suspòre
da mètte jind'o fangòtte sàup'a le spàdde
e accanzèje jind'a nu timbe sénza cumbòne
addà la stòrje se repète mìlle e mìlle vòlte
e le làcreme andòche angòre 'mbònnene
le fàcce scavète da le staggéune.
Muje ca la pórte s'ho chiéuse rète a li pàsse
e le premavère de na vólte te tórnene 'mménde
nan de rumène ca scechitte na preghìre
d'annarièje o cjle a mmène jalzète.
Nan zendènne, no sendènne ce u còre te tuzzelàsce
adùcchje scechitte quèra strèta longa lònghe
e nan de fermànne, vèje, vèje fínghe abbàsce.
Jôje la sénde lo stèsse la vàucia tàue
ca s'ho pérse jind'a cùre vínde
u sénde cùre cùrreve ca t'acciàffe 'mbìtte
e t'annuvelàsce péure l'àneme.
Nan ge facènne chèse se sínde nu laminde
mùje ca chiù nínde pòtene ste mmène màje
e attúrne tánda jòcchjere s'hone achiéuse
sàup'a la pecundrôje de ce se no scéute,
sàup'a la pène de ce ho rumèse!
Sante Valentino
I FIGLI DEL VENTO/
Ho visto prendere il volo/ dal nido a tanti uccelli/che hanno aperto le ali e sono volati. /Pure tu non ti sei voltato indietro/e non hai potuto vedere quei due occhi/ che ti correvano dietro da una porta socchiusa. /Ti ho visto allungare il passo/ e andartene in silenzio a testa china;/ t'ho visto correre dietro le nuvole/ che se ne andavano sempre più lontano; /t'ho visto raccogliere pensieri e sospiri /da mettere nel fagotto sulle spalle/ e andare avanti in un tempo senza confini/ dove la storia si ripete mille e mille volte/ e le lacrime antiche ancora bagnano/ i volti scavati dalle stagioni. / Ora che la porta si è chiusa dietro i passi/ e le primavere di un tempo ti tornano in mente/ non ti resta che solo una preghiera/ da elevare al cielo a mani alzate. / Non sentire, non lo ascoltare se il cuore ti bussa/ guarda solo quella strada lunga/ e non fermarti, vai, vai fino in fondo. /Io la sento lo stesso la tua voce/ che si è persa in quel vento/ lo avverto quel tuo risentimento che ti stringe il petto/ e ti obnubila pure l'anima. / Non farci caso se ascolti un lamento/ ora che nulla più possono queste mie mani/ e tutt'intorno tanti occhi si sono chiusi/ sulla malinconia di chi è andato via/ sulla pena di chi è rimasto!


  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Alla Pro Loco Canosa, una menzione speciale  per “Salva la tua lingua locale” Alla Pro Loco Canosa, una menzione speciale per “Salva la tua lingua locale” A Roma, la cerimonia del concorso letterario nazionale giunto alla decima edizione
Canosa: I ciottoli delle vie del Castello parlano in dialetto Canosa: I ciottoli delle vie del Castello parlano in dialetto Primo giorno di Carnevale
Canosa: Un linguaggio smarrito, “na parlèta pérse” Canosa: Un linguaggio smarrito, “na parlèta pérse” La poesia di Sante Valentino per la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle lingue locali “,
Canosa: Le tante sfaccettature del dialetto Canosa: Le tante sfaccettature del dialetto Celebrata la “Giornata Nazionale del dialetto e delle lingue locali” a cura della Pro Loco
Canosa: Il calzone della tradizione Canosa: Il calzone della tradizione E' una focaccia salata farcita con sponsali
Canosa:  U NATÈLE NÙSTE Canosa: U NATÈLE NÙSTE La strenna natalizia in vernacolo di Sante Valentino
I ragazzi del Sud :“Li uagnéune de vàsce” I ragazzi del Sud :“Li uagnéune de vàsce” La poesia dialettale di  Sante Valentino
Nunzio Pinnelli e "Il vernacolo nella civiltà contadina" Nunzio Pinnelli e "Il vernacolo nella civiltà contadina" Sarà ospite dell'Università della Terza Età "Ovidio Gallo" di Canosa di Puglia
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.