Braciere
Braciere
Un Paese di Poesia

Alla riscoperta dei luoghi dell'anima

“Na sàire de nuvémbre” la poesia autobiografica di Sante Valentino

Per la rubrica "Un paese di Poesia", un'altra perla del poeta Sante Valentino, intitolata "Na sàire de nuvémbre-Una sera di novembre", un componimento autobiografico dedicato alla riscoperta dei luoghi dell'anima. In questi versi emerge prepotente il richiamo della propria terra riallacciandosi al grande Pablo Neruda che affermava:"O terra aspettami, rendimi i tuoi doni puri, le torri del silenzio che salirono dalla sommità delle radici: voglio imparare a tornare...". Con la poesia "Na sàire de nuvémbre", il poeta Sante Valentino rievoca: "Il mio paese, la mia strada, la mia casa: i luoghi dell'anima dove sono nato e cresciuto, dove ho vissuto anni indimenticabili scolpiti col fuoco nei miei occhi e nel mio cuore. Concedetemi voi che mi leggete questo inno d'amore a tutto ciò che mi appartiene e che rivivo con profonda intensità nei momenti in cui mi avventuro sui sentieri della mia ricerca esistenziale. Ripercorriamo insieme la via delle nostre comuni radici e della nostra identità per ritrovarci in quel mondo costruito sull'amore , la condivisione, la generosità".

Na sàire de nuvémbre
Jeje sò nète a nu pàjese de vàsce
ca ogné jùrne se jènghje de sàule,
nazzechète da le vràzze de n'àngele
sòtt'o títte de na chèsa biànghe.
Sò nète na sàire de nuvémbre
jind'a na stratòdde chjàne de scurôje
che nu lambarídde o zìnne de la strète
e nu vrescegnùle ca sémbe candève.
Scecattescève jind'o camene nu fucarídde,
nu frascìre annariéve cínde stròrje,
veciòne o paràte appuggète na zàppe
appàse o lítte na crònne de resàrje.
Sòtt'o títte arrenghète sérte e preghìre,
jind'a n'àngule aschennéute nu vanghetídde;
dèffòre la nòtte tuzzelève a la pòrte
e ce arrugnève sòtt'a le cuvírte.
E jéve ddèje ca tucchìppe u cjle:
cítta cítte s'affaccève la léune,
na vàuce appeccève d'òcchjere màje,
na mèna càlle me nazzechève li pìcce.
C'arrambechémme la sàire 'mmézz'a le stélle
nu tezzàune c'abbambève ogné muménde,
sàup'o tavelìre l'addàure de le pène
benedítte sémbe che nu tàgghje de cràuce.
Na m'addumannète addà jève cùre pòste
- cùre pàjese ca se jenghjève de sàule-
véue càpete, jeje u pòrte jind'o còre
e quèra strète ca me la sònne angòre!

Sante Valentino

UNA SERA DI NOVEMBRE/Io
sono nato in un paese del sud/che ogni giorno si empie di sole,/cullato dalle braccia di un angelo/sotto il tetto di una casa bianca./Sono nato una sera di novembre/in una stradina piena di buio/con un lampioncino in fondo alla strada/e un grillo che sempre cantava/.Crepitava nel camino un focherello,/un braciere innalzava cento favole,/vicino alla parete poggiata una zappa/appesa al letto una corona del rosario./Al soffitto allineati serti e preghiere,/in un angolo nascosto uno sgabello;/fuori la notte bussava alla porta/e ci rannicchiava sotto le coperte./Ed era lì che toccai il cielo:/silenziosa s'affacciava la luna,/una voce accendeva i miei occhi,/una mano calda mi cullava i capricci./Ci arrampicavamo la sera tra le stelle,/un tizzone ci arrossiva ogni momento,/sulla spianatoia il profumo del pane/benedetto sempre con un taglio di croce./Non chiedetemi dov'era quel posto/- quel paese che s'empiva di sole-/voi capite, io lo porto nel cuore/e quella strada che la sogno ancora!
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Sante Valentino al XXII Congresso dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali Sante Valentino al XXII Congresso dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali E' il Presidente dei revisori dei conti
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Il componimento dialettale di Sante Valentino
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Si declama “Li  pecàbbele  vìcchje”
Una parola di donna in dialetto Una parola di donna in dialetto La bella “pempesélla” di paese
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.