Le Pillole

...una Canosa migliore

Ci siamo guardati alle spalle ed eravamo solo un manipolo di eroi ... pochi per fare una rivoluzione

LE PILLOLE DI NUNZIO VALENTINO ............. UNA CANOSA MIGLIORE

Crediamo che i nostri cittadini meritino una CANOSA migliore .... questo il titolo di un sofferto ,leale , partecipato articolo del caro Mariano Caputo ,presidente del circolo ACLI cittadino e consigliere regionale della stessa benemerita associazione.
Non potevamo non partecipare a questo alto grido di dolore , sappiamo infatti quanto dura è la realtà della nostra città ,avendola pagata per intero sulla nostra pelle . Ma anche le più o meno velate intimidazioni non ci hanno fermato ed adesso che siamo in ottima compagnia , un sorriso accarezza il nostro sguardo pensando che possiamo avere ancora fiducia nella capacità di reazione dei nostri concittadini. La nostra battaglia era cominciata ,come ricorderete, con la voglia di fare a Canosa una " Rivoluzione Gentile " ,prima delle elezioni comunali .

Ci siamo guardati alle spalle ed eravamo solo un manipolo di eroi ... pochi per fare una rivoluzione ! Abbiamo lasciato il passo e ci siamo schierati con il nuovo che sembrava potesse avanzare , abbiamo ricevuto dai vincitori un silenzio che speriamo operoso e vergognose offese dalla passata maggioranza . Non ci fermeranno con un fare che alla meglio può essere definito "provinciale" , noi andremo avanti .
Come i Canosini sanno, stiamo lavorando ad un tavolo di idee saggie ,speriamo ,per uno sviluppo positivo e sostenibile di Canosa;pensiamo di proporre le idee in un convegno "fuori porta",direbbero a Roma, a Torino o a Milano dove ,come a Roma,forte è la voglia di resurrezione di queste nostre sconquassate radici . Stavamo prendendo contatti anche a Canosa e l"interesse della gente perbene ,stanca del lento declino cittadino ,l"avevamo sentito tutto.

A Canosa si chiudono giornali di opinione ( il BOEMONDO , a cui con libertà mai condizionata di opinione, abbiamo partecipato ) e nessuno dice niente ,scriviamo personalmente al sindaco ,per due volte, e siamo ancora in attesa di un segno di interesse o di non interesse , parecchi nostri concittadini stanno patendo con onore la fame e non succede niente ,se si esclude il lavoro silenzioso di chi del dolore della fame ha fatto una parte del Suo Credo, i migliori nostri ragazzi vanno via e restano a pascolare nell"orto di famiglia quelli che sanno oggi arrabbattarsi, guadagnando con il sacrificio dell"inciucio domani uno scanno di politica dazione.
Canosino,ma fino a quando avrai la pazienza di digerire questa Politica,di maggioranza e di opposizione,che ti sta portando al baratro tra tante chiacchiere e pochi fatti ?

Perchè non sali sul ring cittadino con una doppia spugna ,cosi li raffreddi tutti questi battaglieri contendenti ?
Abbiamo sempre pensato con rispetto alla POLITICA ,di Aristotelica memoria, al servizio del Paese , costruita sulla competenza e sulla trasparenza di chi all"arte della politica si vota . Nonno Nunzio avrebbe detto la musica ,caro nipote mio, è buona ma i maestri non sono all"altezza dell"eccellente spartito !

Non Vi sopportiamo più cari mestieranti della Politica,ignoranti e senza idee se va bene ,ladri se va male !!!!
Perdonate questo triste sfogo ,ma vogliamo andare avanti ed allora ai Canosini che ancora aspettano il cambiamento ,ma restano dentro casa ,diciamo : rispondiamo all"appello delle ACLI , proponendo , prima della fine dell"anno, una grande popolare manifestazione ,aperta a Tutti ,anche a quella politica che si sapesse mettere in fila senza chiedere primazia alcuna .
Questo agognato abbraccio popolare ci renderà più forti sulla via di uno sviluppo cittadino che non può più aspettare.

nunzio.valentino@rosetti.it
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.