Le Pillole

La Canosa migliore: i “zinnannero” ed i” zinnanna”

I “facioni” ed i “dicioni “romani.

I commenti alla mia pillola "Preparare la svolta evitando che il carro sbandi" sono stati tanti e la Redazione di Canosaweb ha voluto riassumere quelli più significativi in un articolo del 20 settembre. Ultimo, in ordine temporale, l"intervento dello scrittore Romolo Chiancone . Sono grato a tutti i Canosini che sui social e su Canosaweb hanno voluto significare il loro pensiero sul tema da me posto. Per correttezza è opportuna una risposta integrata che, in parallelo, sia di ulteriore chiarimento al mio pensiero e soprattutto di stimolo al dibattito sul presente e sul futuro di Canosa. Il mio ruolo, in questa partita, è solo quello di opinionista, attento alla realtà Canosina, indifferente alle risse politiche locali, desideroso di scoprire in umiltà la situazione della città di cui pure ho una precisa libera idea. Quindi nessuna "impostazione sentimentale" ma solo un'analisi personale, puntuale della Canosa di oggi, non tralasciando la Canosa di domani. Mi dispiace che il mio articolato ragionamento, condiviso da tanti Canosini, che ha dovuto toccare, per necessità di esame, l'operato dell'attuale Amministrazione, abbia avuto commento negativo da parte dell'Avvocato Salvatore Paulicelli, già Sindaco di Canosa. Mi dispiace inoltre costatare, a posteriori, che la mia umile richiesta di chiarimenti sull'esistenza di progetti futuri finanziabili abbia trovato il silenzio assoluto da parte del Sindaco, dei suoi Assessori e persino dei Dirigenti del Comune.

Certo la Canosa migliore c'è, l'ho scritto cento volte almeno, ed il grido di andare avanti senza perdere altro tempo utile nasce dalla consapevolezza della esistenza reale di una Canosa migliore, come meglio esemplificato dall' avvocato Enzo Princigalli. Andare avanti, senza guardare a destra o a sinistra è per me la sola ricetta fattibile in questo momento per il futuro di Canosa. All'opinionista interessano i fatti, il feeling della gente, e tanta parte di Canosa oggi "sente" lo stato della città con le parole del Sig. Cosimo Di Nunno: "Paese in costante declino". Anche l' ingegnere Andrea Pugliese, in maniera più sfumata, è dello stesso avviso quando sottolinea una città in cui burocrazia e partiti non funzionano e proposte di metodo partecipativo condiviso sono altezzosamente trascurate dalla burocrazia, dalla Politica. Continuo a chiedere se esistono o meno progetti proposti per finanziamenti pubblici futuri. Nella situazione attuale io credo che la Canosa migliore non debba farsi contaminare dalla Politica, brava ad assorbire il buono nelle sabbie mobili dei "zinnannero e zinnanna", definizione del consigliere comunale Pellegrino.

Il modello a cui penso è quello della città di Latina, dove il popolo migliore di destra e di sinistra, di fronte a uno sfascio, fatto anche di implicazioni malavitose, si è unito per cambiare non pagina ma il libro della città. Di fatto la Canosa migliore include la Chiesa Canosina, non si meravigli Romolo Chiancone, perchè è vero faro oggi della voglia di rinascita e di pratica applicazione di welfare condiviso e partecipato. Papa Francesco rispetta una sana suddivisione tra laicità e fede ,ma invita con la Misericordia i Cattolici ad impegnarsi nella vita politica per avere forte sponda di rispetto dei principi chiave del nostro, del mio Credo .

Ed adesso parliamo di idee, di evoluzione progettuale susseguente, lasciando le parole fuori la porta. Salvatore Paulicelli non può, conoscendomi da cinquat'anni anni, chiedere a me due o tre cose concrete per Canosa. La mia vita, mai condizionata direttamente dalla Politica, è costellata di cose concrete, di progetti pensati e realizzati in Italia ed in molti paesi del Mondo. Mi motiva molto l'attivare un concorso di idee, ma va fatto rigidamente al di fuori di una campagna elettorale che già cammina nelle vie della città.

Mi ha fatto sorridere la teoria dei "facioni e dicioni"; Lui , Salvatore, amante convinto della Politica di parte dovrebbe seriamente considerare che chi non ha mestiere politico, ed io non ho tale attitudine , deve ponderare seriamente scelte di "discesa in campo" a sessantacinque anni. Sono pronto a dare disponibilità di supporto attivo, ma serve che la futura Amministrazione abbia volontà di ascolto, sopratutto dopo che la rissa elettorale è finita e resta la difficoltà di ricominciare . Nella situazione attuale, fatta di pesanti problemi di ordine pubblico e di delinquenza malavitosa e bombarola , non si può pensare realisticamente che Canosa possa attrarre investimenti produttivi privati. Bisogna ripartire con idee e progetti a finanziamento pubblico .

Ancora le idee, e mi piace ricordare il "Barone Rampante" di Italo Calvino: "Quando ho più idee degli altri, do agli altri queste idee, se le accettano; e questo è comandare". Il mio dubbio è quel "se le accettano", ad oggi con le notizie che arrivano dalla piazza politica Canosina "nihil novi sub coelo", ergo non le accettano,le evitano. Ma io sono fiducioso nel pensiero profondo dei miei concittadini e sono pronto a partecipare al tavolo delle idee. Prima di concludere ringrazio Romolo Chiancone per il riferimento al progetto minimale Castello, ricordo al Vice Presidente di CanoSIamo che la decisione di proporre al Comune di Canosa uno studio gratuito di rivisitazione della zona Castello fu assunta a valle di specifico Direttivo, a cui seguì la mia lettera al Sindaco, copia a Confindustria BAT del Febbraio scorso. Canosa migliore suona le campane, abbraccia il Tuo vecchio Ponte, fatti avanti!
Nunzio Valentino
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.