Canosa Asinello di Savino Mansi
Canosa Asinello di Savino Mansi
Stilus Magistri

Sulle vie degli Asinelli

Passano i venditori ambulanti del 900 a Canosa

"Sulla via degli Asini" è un percorso turistico su una mulattiera selciata, così intitolata, su un lago in ValCavallina, in provincia di Bergamo.
"La via degli asini" è un percorso turistico a passo di asini nel Parco Nazionale del Circeo, sul litorale tirrenico del Lazio storico tra Sabaudia e Terracina.
E noi nel 17 gennaio, Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue locali, promossa dalla UNPLI, vogliamo evocare con la PRO LOCO di Canosa di Puglia, presieduta da Elia Marro, "le vie degli asinelli" del '900 percorse dai venditori ambulanti, che abbiamo conosciuto nell'infanzia.
Ricordi che vogliono dare dignità all'asinello Pasqualino dell'ASEC 2 di Canosa, che ci ha accompagnato con i bambini di Scuola con l'Asinello di Santa Lucia sul Borgo Antico del Castello, alla greppia di Natale, e ora nell'anno che viene già avviato del 2021, verso la Pasqua, da Betlemme a Gerusalemme e.... sulle vie del 900 a Canosa di Puglia.
La ricerca storica, radicata nella memoria del vissuto, è stata supportata dalle fotografie d'epoca dei figli dei suddetti venditori ambulanti, Pasqualino Pinnelli, Pietro Gala, Savino Mansi, Cenzino Dell'Olio, Leonardo Pirelli.
E' stata realizzato in stampa un quadretto di foto con questi personaggi di fatica di strada, cui rendiamo omaggio, insieme all'asinello, al "ciucciariello" (u ciucciarìdde).
Nel nostro libro di Dialettologia, "Sulle vie dei ciottoli", abbiamo riscoperto il "ciuccio", il "cicur", animale mansueto e di fatica, già attestato dallo scrittore latino Marco Terenzio Varrone del I sec. a. C. (De Lingua Latina, libro VII, 91, 1).

U ciucciarìdde de l'anne ca vène

Passe Natèle e la fanòve o Bammenìdde,
adénne, adénne se còce u pignatìdde,
arròve Pasque e se fanne le squarcìdde,
la nòtte se fànne d'òve jìnd'o panarìdde.
Torne e passe Pasqualìne u ciucciarìdde,
jà lu stésse ciucciarìdde de Betlémme,
trèse a la Térra Sànde de Gerusalémme,
cìtte porte 'n gròppe nu Re, u Segnòre,
u pòrte de féste tra le palme 'n glòrie,
sèpe ca pòje arròve la cràuce de morte,
ma rumène a la bòne e a la trista sòrte.
O Calvàrie cadò la Cràuce e fu stambète,
'n gròppe o ciucciarìdde rumanò segnète.

"Cicur" u chiamévene li Romani in latino,
na béstie domésteche e bòne dal mattino,
dal ciuccio napoletano al ciuco fiorentino.
Nane jà nu cavàdde, jà nu ciucciarìdde,
jà u cchiù bélle anemèle poverìdde,
cìtte e bùne a Canàuse, sàupe o Castìdde,
che li criatéure attùrne, attùrne a rutenìdde (1).
Neh! stu ciucciarìdde, cè cumenaziàune,
mu m'arrecòrde quane jève uagnàune,
che la strète de chèse passève Pasqualìne (2)
cu bélle ciucciarìdde gredève Pasqualìne,
vennève la saponina a cuma Nannìnne,
ennànze o suttène jessève péure Sabatìne.
Dòice u pruvérbie, "jà ciùcce de fatòche!",
"attàcche u ciùccie addà vòle u patréune",
tìmbe, m'arrecòrde quàne jémme uagnéune.
Passève Petrùcce u calzettère cu ciucciarìdde, (3)
se l'arrecorde péure cumbè Patruncìdde,
gredénne candève, "vestiti abiti, costumi abiti!" ♫ ♫
Passève cu ciucciarìdde Sabìne pizzevìcchje (4)
attùrne o pajòse addunève li fìrre vìcchje.
Passève Cenzìne u vescegghjàse, u panneccère, (5)
li pànne a spàdde, pòje cu ciucciarìdde chère,
e li pànne nan custèvene chère, ma merchète.
Péure Lunàrde purtève che la strète u merchète,
chiamève u ciùccie o le fèmene de strète?
"Rusenélle, Rusenélle! Lunarde orruète!" (6)
A spàdde, cu ciucciarìdde e po' che la Balille,
purtève u merchète ambulande attùrne a la Ville,
che nòve figghje fìnghe a pajòse frestìre,
vennève pànne e jàbete quàne jève la fire,
e s'arrecòrdene jòsce li figghje d'ajìre.

Pàsse u ciucciarìdde de l'anne ca vène,
porte da fadeghè e ognè jùrne le pène,
odà passè stu còvid de mòrte e de pène,
odà turnè auànne cchiù bélle, cchiù sène.
Arràgghje e u dòce u ciucciarìdde Pasqualino,
ammènde, canòsce ognè pàsse umano e divino.

maestro Peppino Di Nunno

Giornata Nazionale del Dialetto - Ass. PRO LOCO CANOSA
La poesia si offre come epilogo di una trilogia, dall'asinello di Santa Lucia, dall'asinello di Natale , "de la stàdde", all'asinello dell'anno che viene, che riscopre il mite "ciucciarìdde" dei venditori ambulanti del '900 che ho visto passare da bambino nella mia strada nativa di via Regina Elena ( la strada di Falcetta, le materassaie).

Usi, Costumi e personaggi del '900
Nota (1) Nella Festa di Santa Lucia, di vigilia, nel borgo Antico del Castello a Canosa, è salito a portare doni, come usanza, l'asinello di Santa Lucia, detto "Pasqualino", accompagnato dall'Associazione Equestre dalle stalle tufacee di Costantinopoli.
Nota (2) Ricordi di strada di un cordiale "venditore ambulante", detto "Pasqualine de la medeciòne", all'Anagrafe, Pinnelli Pasquale, (nato il 1915 e deduto l' 1 marzo 1984) in via Terenzio Mamiani,n. 43. Già prima del mattino preparava con il suo asinello il carrettino, vendendo per strada saponina e altri generi di merceria.
Nota (3) Petrùcce u calzettère, Pietro Gala, col suo carrettino vendeva tessuti e abbigliamento, partendo da via Masaniello, 25. L'asinello detto "checnòdde" (dim. femm. di Cecco), come ricorda il figlio avv. Michele Gala, già Sindaco di Canosa, che figura nella foto del 1954, in piedi a fianco all'asinello con in groppa il fratello Costanzo.
Nota (4) Sabìne pizzevicchje, Savino Mansi, da via Leoncavallo. Con la moglie, "sasòra Rusenélle", raccoglieva e riciclava indumenti vecchi e ferri vecchi, dando in cambio un prodotto nuovo, un piatto, un bicchiere o altro. Ne è custode la famiglia Pasquale Scolletta, già Segretario della Scuola Elementare De Muro Lomanto. Nella foto del 1971 nonno Sabino regge in braccio sull'asinello il piccolo nipotino Michele Scolletta. Ne fa degna memoria oggi l'altro nipotino Sabino Scolletta del 1964, attualmente Professore Ordinario in Scienze Mediche all'Università di Siena, noto in Neurochirurgia nella cura di Zanardi.
Lo stesso ricorda il bancone dove il nonno martellava i ferri vecchi, separandoli, e che venivano ritirati da commercianti anche da fuori Regione. Era un centro ecologico antesignano!
Nota (5) Cenzìne u vescegghiàse (originario di Bisceglie), pannacciaio, Vincenzo Dell'Olio, padre di Nicola Dell'Olio, custode di tradizioni in foto. Portava a spalla il fagotto dei panni e poi con l'asinello.
Nota (6) Lunàrde, Leonardo Pirelli, padre di nove figli. pannacciaio prima con i tessuti a spalla, poi con l'asinello e infine con l'auto Balilla fino a paesi forestieri. Ed il progresso è avvenuto ai tempi odierni nei figli diligenti.
Un secolo di saluti all'asinello dei venditori ambulanti.

Canosa L'asinello di Savino MansiCanosa L'asinello di Pietro GalaCanosa L'asinello di Savino MansiCanosa L'asinello di Leonardo PirelliCanosa di Puglia  : L'asinello di pizzevicchjeVilardi Michele e Vincenzo Dell'OlioPasqualino PinnelliPietro Gala Petrùcce u calzettère - Canosa di Puglia
  • Pro Loco
  • Canosa di Puglia(BT)
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
La Pro Loco Canosa a sostegno dell’AISM La Pro Loco Canosa a sostegno dell’AISM Raccolti fondi per la ricerca sulla sclerosi multipla
Per la costruzione di un futuro migliore Per la costruzione di un futuro migliore Lettera aperta al sindaco di Canosa
“Bentornata Gardensia”  per sostenere la ricerca sulla sclerosi multipla “Bentornata Gardensia” per sostenere la ricerca sulla sclerosi multipla A Canosa, la Pro Loco nelle piazze
Canosa:  Rischio incendi boschivi Canosa: Rischio incendi boschivi Il sindaco Morra ha firmato l'ordinanza n.44
Canosa: un Centro Polifunzionale per la Famiglia Canosa: un Centro Polifunzionale per la Famiglia Candidato a finanziamento il progetto
Canosa:  manutenzione stradale in Piazza della Repubblica e Corso San Sabino Canosa: manutenzione stradale in Piazza della Repubblica e Corso San Sabino La dichiarazione del sindaco Morra
Via Francigena: L’esercito dei volontari per la pulizia Via Francigena: L’esercito dei volontari per la pulizia I ringraziamenti del presidente Rosa Anna Asselta
Canosa: nel ricordo della Fiera del bestiame Canosa: nel ricordo della Fiera del bestiame Una vetrina storica in zona Costantinopoli
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.