San Sabino
San Sabino
Stilus Magistri

San Zavòne poveridde

Buona Festa di San Sabino

La sare de virne mangiànne u callide (1)
arròve la feste de San Zavòne poveridde (2),
u nove febbrèje jà jurne de féste,
te sinde poverìdde ma cu core onéste,
le fèmene vanne a la chise a dòice le raziéune (3)
e u prévete dòice la mésse 'nzìme a li uagnéune.

Li cristiène vanne abbàsce a San Zavòne
e jéune a l'aute te sìnde cchiù veciòne,
nu gradàune la volte fanne la schèla sànde (4)
e abbàsce o Seccòrpe o Segnore se cànde.

U nove febbrèje s'arrecorde la morte
quanne u Paravòse japròje la porte…
partòje a settant'anne fin'a Custantenòpele (5),
u Pèpe le disse: "Che jésse tutte nu pòpele" ,
a cinte e cinch'anne sperè, Serve du Segnòre,
la festa sàu vène dope la Cannelòre. (6)
dope la féste e le pène de San Bièse,
dòice u pruvérbie "la murénna trèse".
Aiéute e prutégge tutte li Canusòne,
a Canause nasciòje e fu Véscove San Zavòne.

Jòsce passe la banne attùrne o pajòse.
attàneme passéggie, giacche e cammòse,
do fùrne jésse l'addàure du cunìgghjie,
mangene 'nzime mamme e figghjie.

Frìdde de sare, jésse la precessiàune
vèce apprisse u vécchie e u uagnàune,
a la bancarédde se vénne la cupète (7)
e a chèse se mange dolce na pezzète.

Jà bélle la Chise de San Zavòne,
ma sò cchiù bélle tutte li Canusòne,
ca stànne lundène, ca stànne veciòne.
E so bélle péure tànda frestìre
ca sànne légge la storie d'ajìre
e vènnene a Canàuse, pajòse du Castìdde,
de san Zavòne ricche e poverìdde,
u pròme d'Agùste, u nòve de Febbrère,
a nu Sànde bélle, bùne e ovère.

M'arrecòrde, criatéure, la nonna Rusenélle
abbàsce a seccòrpe che za' Fondélle,
e jò ascénne jòsce cu sègne de la Cràuce,
jà da tùtte u pòpele ca prèghe la vàuce.
Cùsse jà u jùrne ca san Zavòne mòre,
cu ségne de la cràuce 'nnànze o Segnòre.
maestro Peppino Di Nunno

La sera d'inverno, mangiando il pane arrostito
arriva la festa di San Sabino poverello,
il nove febbraio è giorno di festa,
ti senti poverello ma col cuore onesto,
la donne vanno in Chiesa a dire le preghiere
e il prete dice la messa insieme ai ragazzi.

I cristiani vanno giù al succorpo
e l'un l'altro ti senti più vicino,
un gradino per volta fanno la scala santa
e giù al succorpo al Signore si canta.

Il nove febbraio si ricorda la morte
quando il Paradiso aprì la porta....
partì a settant'anni fino a Costantinopoli,
il Papa gli disse: "per essere un solo popolo" ,
a cento e cinque anni spirò, Servo del Signore,
la festa sua viene dopo la Candelora,
dopo la festa ed il pane di san Biagio,
dice il proverbio "la merenda entra".
Aiuta e protegge tutti i Canosini,
a Canosa nacque e fu Vescovo San Sabino.

Oggi passa la banda attorno al paese,
mio padre passeggia con giacca e camicia,
dal forno esce l'aroma del coniglio,
mangiano insieme madre e figlia.

Freddo di sera, esce la processione,
va seguendo il vecchio e il bambino,
alla bancarella si vende la copeta
e a casa se mangia dolce un pezzetto.

È bella la Chiesa di San Sabino,
ma sono più belli tutti i Canosini,
che stanno lontano, che stanno vicini.
E sono pure belli tanti forestieri
che sanno leggere la storia di ieri
e vengono a Canosa, paese del Castello,
di san Sabino ricco e poverello,
il primo di Agosto , il nove febbraio,
ad un Santo bello, buono e vero.

Mi ricordo da bambino nonna Rosinella
giù al Succorpo con zia Fontella
ed io scendo oggi con il Segno della Croce,
è da tutto il popolo che prega la voce.
Questo è il giorno in cui san Sabino muore,
con il Segno della Croce dinanzi al Signore.
Note della poesia
Nota (1) callìdde: fetta di pane arrostito condito con olio d'oliva, usato in inverno

Nota (2) San Zavòne poverdìdde: la festività del 9 febbraio è quella più importante a livello religioso, rappresentando la morte del Santo, il "dies natalis". A livello sociale è ridotta rispetto a quella del 1° agosto, detta "San Zavòne ricche", in cui si rinnova in estate la memoria della traslazione del corpo del Santo nella attuale Cattedrale nell'anno 800.

Nota (3) raziéune: il termine indica le preghiere, per assonanza al latino " orationes"

Nota (4) schèla sànde: la SCALA SANTA. É la scala che porta giù al Succorpo della Cattedrale o Cripta, che custodisce le spoglie del Beato Sabino ai piedi dell'altare dei Santi Martiri Giovanni e Paolo. Nella pietà popolare i fedeli scendono un gradino per volta, recitando alcune preghiere e risalgono indietro pregando senza mai volgere le spalle alla tomba del Santo.

Nota (5) Custandenòpele: La città di Costantinopoli (attuale Istanbul) fu méta del viaggio che il Vescovo compì nell'anno 536 a 75 anni, a capo (legatus) di una delegazione apostolica, per incarico di Papa Agapito. La missione aveva lo scopo di curare il dialogo tra la Chiesa d'Occidente e la Chiesa d'Oriente.

Nota (6) Cannelòre: festa religiosa del 2 febbraio in cui avviene la benedizione delle candele, custodite poi in casa, come luce spirituale. Con la festa di san Biagio il detto proverbiale indica l'allungamento della luce solare nel giorno e il bisogno di fare merenda: "A san Bièse la murenna trèse, a san Zavòne la murenna enzòne" (A san Biagio la merenda entra, a san Sabino la merenda in seno, in grembo).

Nota (7) cupète: il Torrone, dolce tipico dell'Italia meridionale, viene definito "Copéta" ed è composto di mandorle o nocciole, miele e albume d'uovo amalgamati e cotti a bagnomaria. Già nel 1° secolo d. C. Marziale lo cita come dolce di Benevento: "Cupedia" (desiderata). Dall'idioma latino, Cupedia, si passa all'idioma popolare e dialettale, Copeta.
Maestro Peppino Di Nunno
Buona Festa di San Sabino e Auguri ai Savino e alle Sabine e ai Sabini
2018 Processione S.SabinoSan Benedetto e San SabinoCranio S. Sabino (trafugato)Festa  S.Sabino 2017Corteo Storico:Traslazione del Corpo di S.Sabino2018 Processione S.SabinoArchivio Processione S.Sabino2018 S.Sabino Patrono di Canosa di Puglia
  • San Sabino
  • Cattedrale
  • Canosa
  • Vescovo
Altri contenuti a tema
I costumi della traslazione di San Sabino I costumi della traslazione di San Sabino Le professoresse Di Ruvo, Carella e  Lansisera  all'UTE per parlarne
I Santi in dialetto I Santi in dialetto Proverbi dei nonni
Passata in cielo la nonna di Canosa Passata in cielo la nonna di Canosa Si è spenta a 106 anni Lucia Fiore
Criticità igienico-sanitarie all'Istituto “L.Einaudi” Criticità igienico-sanitarie all'Istituto “L.Einaudi” Il sindaco Morra interpella il Presidente Giorgino
Clorpirifos quale futuro? Clorpirifos quale futuro? Un convegno su un insetticida fosforganico al Centro Servizi Culturali "Teresa Pastore"
Festa di San Sabino a Torino Festa di San Sabino a Torino Il programma delle celebrazioni
Lavori di manutenzione nella Villa Comunale Lavori di manutenzione nella Villa Comunale Controlli ai due pini di Aleppo nell'aiuola
Modificare il PUG per aiutare le iniziative produttive Modificare il PUG per aiutare le iniziative produttive Presentato un o.d.g. per il prossimo Consiglio Comunale
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.