L’acque d’ ‘Mbriène
L’acque d’ ‘Mbriène
Stilus Magistri

L’acqua di Imbriani “Volésse benedìtte"

Una poesia a tema per la Giornata Nazionale del Dialetto

Ricorrono ottanta anni da quando nel 1940 fu rimossa indegnamente la statua di pregio artistico di Matteo Renato Imbriani per farne cannoni da guerra. "Li Tedésche su purtànne" come raccontavano i testimoni, "per essere mutato in strumento bellico". Per 15 anni il monumento fino al 1955 rimase orfano del bronzo di Elmo Palazzi di Città di Castello, che ha acquisito nella Biblioteca comunale negli anni scorsi la mia ricerca storica presso l'Archivio Storico Comunale. Ma è stato mio nonno paterno, Pasquale Di Nunno, nato il 1870 e deceduto nella nostra casa quando avevo 12 anni, ad essere maestro dell'acqua di Imbriani dal tempo dei sette pozzi comunali, alla inaugurazione del monumento di Imbriani nel 1907, alla fontanina dell'Acquedotto Pugliese del 1914, la cui foto personale è stata acquisita agli atti a Bari. Il monumento fu eretto in Piazza Erode Attico, artefice illustre dell'Acquedotto romano in Canusium, mentre resta il titolo della piazza caduto nell'oblio, e al contempo abbiamo ricevuto la foto del busto dal Museo Archeologico Nazionale di Atene, con la condivisione eccellente dell'Ambasciatore del tempo della Repubblica Ellenica a Roma.
Nella Giornata Nazionale del Dialetto del 17 Gennaio, nella condivisione della Pro Loco di Canosa nella persona del Presidente Elia Marro, che ha promosso un incontro sul tema "MATTEO RENATO IMBRIANI ED I 100 ANNI DELL' AQP" con l'ingegnere Nunzio Valentino, il dottor Emilio Lagrotta e l'ingegnere Andrea Pugliese. abbiamo composto, dedicato e divulgato una poesia in dialetto: "l'acqua di Imbriani", memoria del vissuto dei padri, dell'Archivio Storico Comunale, dell'arte bronzea, della fontana pubblica dei quartieri del '900, del valore ambientale dell'acqua, la quale nel "Laudato si'" è "utile , umile, preziosa e casta", rievocata da Papa Francesco nell'Enciclica omonima, ma spesso insidiata dall'incuria e dall'inquinamento.
L'acque d' 'Mbriène

"Volésse benedìtte cùre 'Mbriène"
decève u nonne Pasquèle cu becchìre 'n mène.
Crescève che l'acque de li pùzze du Cheméune,
do Puzzìlle, da Puzze Landénne se carescève,
che le strate du pajòse l'acquajùle passeve,
passève che li varròle e u ciucciarìdde,
s'accattève l'acque e jémme poverìdde.
M'arrecòrde u nonne Pasquèle, jève uagnàune,
parlève di 'Mbriene, de Dante e de la Staziàune,
do jòcchjere celeste, muròje sàupe o lìtte,
a fràteme e a màje ci ò rumèse 'n bìtte.

"Volésse benedìtte cùre 'Mbriène"
decève u nonne Pasquèle cu becchìre 'n mène.
Arruè la fundèna pubbliche pròme de la Guérre,
purtè l'acque a la Puglie assecchète de térre,
u disse 'Mbriène enzime a Bovio o Parlaménde,
jéve Repubblechène e u Re no détte a sénde.

Cè stòrie stè scrìtte a l'Archìvie du Munecìpie,
mu ve la dòche e la scròve do prencìpie.
Fu na féste a 'Mbriène u novecìnde e sétte,
o nonne Pasquèle l'anne jévene trendasétte,
don Vito Di Nunno me japrò na futugrafòje,
do Palazze de Selemòne stève donna Maròje.
U Quarànde, mu fànne uttànd'ànne,
se purténne a 'Mbriène e fu nu dànne,
«per essere mutato in strumento bellico».
Cè pecchète! cùre bronze jève n'artìste,
u nonne me disse, "fu nu jùrne triste",
fu nu delàaure de còre a cùre ca l'ò viste,
chiangèrene péure le làcreme de Criste,
li Tedésche, u contrarie del profeta Isaia,
ca ferrève vòmere da spàtere in profezia.

Venòme a jòsce e la statua nòve
stè sùzze da l'acque quanne chiòve,
volèsse fàtte na lavète de fàcce,
acchessì cchiù decènde s'affàcce,
s'affàcce e saléute tutte li Canusòne
e pére li turiste ca pàssene la matòne.

Di Erode Attico, di Atene, raccònde la chiazze,
faciòje l'acquedotte romano a vràzze, a vràzze,
e la Madònne de san Zavòne se chiamè de la Fònde,
Vèra Premìzie en precessiàune e de grazie jà Fònde.

Ma quéra chiazze ò pérse la làpede, nàune u tìtele,
quane ve reselvòte a remétte a pòste u tìtele?
Piazza Erode Attico e la statua d''Mbriène,
so' du acquedòtte de storie a mène, a mène.

Pèure Orazio passè da Canàuse, mangè a la tavérne,
mannàgge! pène tuste e jàcque de pùzze le dérne,
e fu tutte na crìtehe da Canàuse a la Roma etérne.

A parlè de 'Mbriène m'ò venéute la sécche,
mu vàche a vàive a la fundène,
e m'arrecorde quane purtève l'acque a chèse,
che li sìcchje de zinghe sàupe a le vràzze,
sàupe a le spadde che jénghje la rasàule,
ogne jùrne che le frìdde o sott'o sàule,
pòje, cè prìsce, arruè l'acqua corrénde,
jève uagnàune e jève presènde,
d'ottone jève cure bélle rubbenétte,
e mu l'acqua jà salète che la bullètte.

A parlè de 'Mbriène m'ò venéute la sécche,
mu vàche a vàive a la fundène,
a la fundène de l'acque c'ò criète u Segnore,
rumanésse bèlle da quane se nasce a quane se more!
Buona acqua a tutti!


Maestro Peppino Di Nunno
Giornata Nazionale del Dialetto UNPLI 2020
Associazione Pro Loco di Canosa di Puglia
M. R. ImbrianiGiovanni Bovio e Matteo R. Imbriani1907. Imbriani a Canosa di Puglia - CopiaImbriani - 1907
  • Pro Loco
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Sediamoci sàup'o chiangatìdde Sediamoci sàup'o chiangatìdde Sante Valentino: "Un rito tipico dell'estate canosina"
OFANTO LA VIA DEL FIUME OFANTO LA VIA DEL FIUME Il libro di Filli Rossi che sarà presentato a Canosa
C'era una volta Il banditore di paese C'era una volta Il banditore di paese U scettabànne di Canosa di Puglia e il Trombetta del Veneto
JAZZ IN VERSI con l'autrice Anna Di Chio  JAZZ IN VERSI con l'autrice Anna Di Chio  Interverrà la book blogger Luciana Fredella
Buona la prima “Prove” di Nunzio Pinnelli Buona la prima “Prove” di Nunzio Pinnelli Applausi alla presentazione con l’editore Renato Russo
Canosa: Esordio letterario per Nunzio Pinnelli Canosa: Esordio letterario per Nunzio Pinnelli A Palazzo Iliceto presenterà il libro  "La Prove-La civiltà contadina raccontata in vernacolo"
Tipicamente Canosa: enogastronomia e cultura per la  promozione del territorio Tipicamente Canosa: enogastronomia e cultura per la promozione del territorio Le dichiarazioni del presidente Pro Loco Canosa, Elia Marro
Tipicamente Canosa:  “Vite Roma Bari A/R” Tipicamente Canosa: “Vite Roma Bari A/R” Luciana Fredella ha presentato il libro di Alfonso Pistilli e Francesco Imbrici
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.