San Sabino
San Sabino
Stilus Magistri

I Santi in dialetto

Proverbi dei nonni

Il riferimento del sonno alla figura evangelizzatrice di San Paolo, "mu vène paulùcce", non è unico ed episodico, ma ritroviamo altri accostamenti significativi e figurativi tra proverbi dialettali e iconografia dei Santi. Nei miei studi pubblicati di Dialettologia riportiamo alcuni esempi. "Sand'Andùne / màscekere e sùne" (nel primo giorno di Carnevale di Sant'Antonio Abate del 17 gennaio); " u fùche de sand'Andònie", ad indicare l'herpes zoster e la tradizione dei falò e oggi della fòcara di Novoli; "tène la chèpe cùme a sand'Alfònze", cioè inclinata come viene rappresentato Sant'Alfonso a causa di una severa artrosi cervicale; "o sunnète a sanda Brìgede", "ha sognato a Santa Brigida" con l'approssimarsi della morte in riferimento ad un'orazione quaresimale a santa Brigida di Svezia; "u vèse de Giéude", "il bacio di Giuda", significativo di tradimento, di non sincerità; "scàlze all'Engurnète", con riferimento ai pellegrinaggi all'Incoronata di Foggia; "desciéune e senza mésse", "a digiuno e senza messa", con riferimento al digiuno prima della celebrazione eucaristica, a significare che una persona si è preparata ma poi non si è recata a Messa. Dialettando con i Santi ricorrono poi invenzioni significative quali: "sande nìnde", "santo niente" per conservare il rispetto dei Santi; "san Benedìtte, mange le castagne e stàtte cìtte" evocato dalla gente nella festa della Madonna di Costantinopoli a Canosa, ma dove la statua col dito alla bocca esprime la regola benedettina del silenzio, "de taciturnitate": "la mène de San Zavòne" , "la mano di San Sabino", ad indicare la protezione sulla città del Santo Vescovo Patrono, nella visione popolare raccontata del terremoto del 1930 sulle case di Canosa; "san Zavòne poverìdde", "san Zavòne ricche"; "jà bélle cùme a na Madònne", "è bella come una Madonna"; "sànde Mangiàune fèce quattòdece grazie", "San Mangione fa 14 grazie" in confronto a Sant'Antonio che fa 13 grazie, a significare la negativa situazione di offerte materiali per ottenere favori. Ma in dialetto prevaleva la fede nel Signore, nella Madonna, in Dio: "Déu t'aiéute!", "Déu t'aiéute!", "Che Dio ti aiuti!". E ogni momento si concludeva con l'auspicio di un Amen, di un "così sia!", di una cosa nuova da avverarsi: "passésse l'Àngele e decésse amménde!", "che passi l'Angelo e dica Amen". Questa espressioni dialettali connotano da un lato la tendenza della gente a chiosare il vissuto e dall'altro lo stretto legame tra Santi, cristianità, vita della Chiesa e mentalità popolare sapienziale. Non cade foglia che dio non voglia! Espressione in dialetto.Parlando con i Santi
Maestro Peppino Di Nunno
  • San Sabino
Altri contenuti a tema
San Sabino  “Uomo di Dio” San Sabino “Uomo di Dio” Si celebra la Festa Patronale
Tutto pronto per la traslazione delle spoglie del patrono San Sabino Tutto pronto per la traslazione delle spoglie del patrono San Sabino A Canosa, il Corteo storico di rievocazione
Memoria della inaugurazione del busto di San Sabino Memoria della inaugurazione del busto di San Sabino Ha avuto inizio la Novena
A scuola di archeologia A scuola di archeologia Michela Cianti e Sandro Sardella in veste di docenti esperti
I costumi della traslazione di San Sabino I costumi della traslazione di San Sabino Le professoresse Di Ruvo, Carella e  Lansisera  all'UTE per parlarne
Passata in cielo la nonna di Canosa Passata in cielo la nonna di Canosa Si è spenta a 106 anni Lucia Fiore
Festa di San Sabino a Torino Festa di San Sabino a Torino Il programma delle celebrazioni
San Sabino:il santissimo Vescovo, degno di ogni gloria San Sabino:il santissimo Vescovo, degno di ogni gloria Venerazione solenne a Barletta e a Bari
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.