Acqua
Acqua
Storia e dintorni

L’acqua va conservata e benedetta

La lezione dell'ingegnere Valentino

Il 22 marzo è la Giornata Mondiale dell'Acqua (World Water Day), ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, secondo le direttive dell'Agenda 21 della conferenza di Rio. L'edizione 2018 ha come titolo "La risposta è nella natura" e invita a valorizzare gli strumenti che la natura stessa fornisce, senza bisogno di andarne a trovare di nuovi. L'obiettivo 6 di Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile (programma d'azione per le persone, il pianeta e la prosperità, sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell'ONU) è tutto dedicato al valore dell'acqua: garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell'acqua e delle strutture igienico-sanitarie. Lo scorso 5 marzo, a Canosa di Puglia(BT) l'Università della Terza Età di Canosa di Puglia Sezione "Prof. Ovidio Gallo", presieduta dal dottor Sabino Trotta ha organizzato un incontro culturale dal titolo "Il valore dell'acqua" con l'intervento dell'ingegnere Nunzio Valentino in veste di relatore. «Papa Francesco con la sua "Laudato si" e gli scienziati del mondo condividono la grande preoccupazione della mancanza dell'acqua per tutti nel mondo. La scienza calcola infatti che potrebbero essere miliardi le persone che soffriranno la sete e moriranno di sete nei prossimi decenni. Dopo le guerre, la fame, la sete sarà causa di migrazioni, di guerre per il controllo del sistema acqua nel mondo. Esordisce così il neo 'Ambasciatore di Canosa nel Mondo' che ha proseguito ricordando il poeta inglese Wystan Hugh Auden e la sua definizione sull'importanza della disponibilità di acqua: "Migliaia di persone hanno vissuto senza amore, neanche una senza acqua". Senza acqua, muore la vita, la vegetazione, muoiono animali, anche insetti, le persone e i vegetali, la natura in generale. Come per l'aumento, senza serio controllo, della temperatura media globale terrestre che tanto effetto ha anche sul ciclo dell'acqua, «noi, Popolo del Mondo Epulone, viviamo nella illusiva sicurezza dell'abbondanza dell'acqua e la consumiamo, spesso la sprechiamo senza consumarla, a buon mercato. Chi invece, come i popoli subsahariani, ne sentono la terribile mancanza la venerano e la usano come un'arma. L'acqua è trascurata quando è troppa, maledetta quando è troppo poca».

Poi l'ingegnere Valentino entra nel merito enunciando che «l'acqua va invece conservata e benedetta: il nostro è un Pianeta Blu, l'acqua copre circa il 70% della superficie terrestre con i fiumi, i laghi, i mari, gli oceani. Fratello Sole, Sorella Acqua: è il sole che, attraverso l'atmosfera terrestre, abbondantemente inquinata dai gas serra, guida, regola il ciclo idrogeologico dell'acqua, fatto di pioggia, neve, ghiaccio, correnti fluviali a cielo aperto e/o sotterranee, laghi, mari, evaporazione, umidità. Anche oggi, se sapessimo rispettare questo ciclo, non avremmo circa 900 milioni di nostre sorelle e fratelli che non hanno la sicurezza di un bicchiere di acqua potabile al giorno e più di 2 miliardi e mezzo che non hanno strutture igienico-sanitarie adeguate. Per l'uomo l'acqua è vita in quanto il suo corpo è costituito dal 70% di acqua di natura esogena, quella che introduciamo da fuori, e di natura endogena, quella derivata dal metabolismo basale. Per risolvere il problema della disponibilità dell'acqua la ricetta è semplice se eseguita con azioni progressive, fatte a piccoli passi. L'acqua va risparmiata nella distribuzione, le condotte sono dei colabrodo che ne disperdono sino al 70% nei casi più disperati, nell'uso personale, va recuperata perché l'acqua è materia prima ed ad essa vanno applicati tutti i concetti dell'economia circolare». In conclusione, l'ingegnere Nunzio Valentino ha dichiarato che «la scienza è pronta a dare ricerca e cultura ed anche metodi di attenta sicura gestione per dare acqua potabile al mondo: di sete non si deve morire! Da nipote e figlio di contadini sono felice: possiamo pulire la falda acquifera che corre sotto le nostre campagne e purtroppo sotto e/o nei pressi di discariche di cui Canosa è famosa, non solo in Puglia. Le aree rurali possono con piccoli impianti mobili essere decontaminate. Può essere questo il futuro della nostra agricoltura green a Loconia, come in località Tufarelle. Grande può essere il ruolo delle comunità locali, fatte di uomini e donne, a cui spetta una specifica educazione sul tema acqua per i propri figli.» Nella Giornata Mondiale dell'Acqua si eleva il monito alla corretta e oculata gestione delle risorse idriche, preziose per la vita sul pianeta
Dott.Sabino Trotta e ing.Nunzio ValentinoIl valore dell'acqua - Nunzio ValentinoUTE Canosa relatore ing.Nunzio ValentinoIng.Valentino e Pres. Valente
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.