Pasquale Iacobone
Pasquale Iacobone
Storia e dintorni

In memoria di papà Pasquale

Nicola Iacobone pubblica la II edizione del libro sul ciclismo

Nel giorno di San Pasquale, la ricorrenza dell'onomastico del compianto padre, Nicola Iacobone, sportivo doc canosino ha reso noto di aver portato a termine la stampa di 100 copie della II Edizione della pubblicazione dal titolo "Pasquale Iacobone. Decano del ciclismo canosino". La storia del ciclismo canosino e non solo si arricchisce di ulteriori testimonianze e cronache agonistiche grazie al prezioso contributo della Famiglia Iacobone, partendo dal capostipite Pasquale, premiato a Lecce nel febbraio 1997, dal Comitato Regionale Pugliese con la Medaglia d'Argento al merito sportivo per una vita nella Federazione Ciclistica Italiana. Il book illustrativo, dedicato a "Pasquale Iacobone. Decano del ciclismo canosino", comprende decenni di ciclismo che hanno visto "Paddocc", come era soprannominato in vita, sempre in prima fila nell'organizzazione della Coppa San Sabino e di altre più famose come il passaggio del Giro d'Italia a Canosa nel 1984. La prefazione porta le firme dei giornalisti Nicola Carlone e Paolo Pinnelli, degli amministratori locali Domenico Di Pinto e Michele Gala e di Bartolo Carbone che ha seguito l'evolversi della stampa di questa pubblicazione . Documenti, classifiche, fotografie e ritagli di giornale con la Famiglia Iacobone impegnata nelle competizioni ciclistiche, tutte note a livello nazionale per oltre un cinquantennio. In particolare il capostipite : Pasquale (1922-2010) , tra i primi organizzatori della Coppa San Sabino di ciclismo in onore del santo patrono; al figlio Nicola (classe 1947) ex corridore, giudice di gara, consigliere regionale F.C.I. per dodici anni ed organizzatore delle più importanti corse ciclistiche locali, all'altro figlio Antonio(classe 1950) attualmente residente a Imola, ex corridore con 56 gare vinte in carriera, tra le quali un campionato regionale allievi nel 1967, la 18ª Coppa S. Sabino nel 1969 e la partecipazione al Giro d'Italia per dilettanti oltre ad aver militato nella Compagnia Atleti del Centro Sportivo Esercito della Cecchignola a Roma insieme al campione Francesco Moser; al nipote Pasquale(classe 1973) giudice di gara per un quinquennio. Di padre in figli fino ai nipoti, tutti propensi a promuovere a 360° il ciclismo che secondo le ultime statistiche è la seconda disciplina sportiva più seguita e praticata in Italia, alle spalle del calcio per il numero elevato di adepti in tutte le fasce di età, dai bimbi agli anziani, entusiasti di utilizzare la bicicletta come mezzo di trasporto, di svago e di aggregazione. Ormai la bici ed il ciclismo amatoriale, dilettantistico e professionistico sono divenuti parti integranti della storia nazionale e locale che ha visto tra i protagonisti la Famiglia Iacobone e la loro grande passione per le due ruote, una simbiosi indissolubile e perfetta racchiusa in questo book illustrativo e storico, dal 1950 al 2015. Per certi versi, molto riduttivo vista la mole di documenti, notizie e foto raccolte in questi anni su eventi vissuti da protagonisti tra manifestazioni, incontri, visite ufficiali e gare, a disposizione d'ora in avanti di tutta la comunità.

I "primi" 50 anni della Coppa San Sabino oltre alle numerose gare nazionali ed internazionali organizzate dalla Famiglia Iacobone a Canosa di Puglia(BT) e dintorni, da nord a sud Italia riscuotendo unanimi consensi e stima da parte del pubblico, della stampa e degli addetti ai lavori, rappresentano pagine indelebili di storia ciclistica, tutte pregne di valore affettivo e sociale da tramandare alle giovani generazioni. Campioni del ciclismo come Francesco Moser e Vito Di Tano, solo per citarne alcuni, personaggi del passato e del presente tra i quali giudici e commissari di gara, patron e sponsor, atleti ed autorità, cerimonie di portata nazionale e locale come: la deposizione della ghirlanda di alloro al Monumento dei Caduti nella villa comunale, la processione pre-gara con le suonate della banda, la prorompente voce del compianto Peppuccio Matarrese sul traguardo per i finali di corsa in onore del Santo Patrono, il passaggio del Giro d'Italia nel 1984 e nel 2013 con la mostra dei cimeli nel Museo Dei Vescovi a Canosa di Puglia. Tutti eventi che rimarranno nella memoria e nella storia del ciclismo canosino grazie alla Famiglia Iacobone, al suo instancabile impegno ed inesauribile dedizione per uno sport di grande richiamo e popolarità che ha radici profonde e tradizioni consolidate attraverso gli anni. Una risorsa preziosa per tutti gli appassionati, il fiore all'occhiello di Canosa di Puglia "Città d'Arte e di Cultura Ciclistica", frutto di un laborioso lavoro collettivo e di esperienze acquisite on the road, a tracciare percorsi fatti di salite e discese, significativa metafora della vita, sempre in sella o in ammiraglia per giungere al fatidico traguardo del libro della Famiglia Iacobone, dedicato al suo capostipite Pasquale e al ciclismo dove la vittoria arriva sempre da molto lontano e mai per caso. Un album sulla storia del ciclismo firmato da Nicola Iacobone, che a grande richiesta ha pubblicato la II Edizione tutta da condividere perchè i ricordi racchiudono la passione e l'impegno, la costanza e il coraggio di fare le cose in grande stile, nel ricordo dell'indimenticabile "papà Pasquale", stimato da tutti .
Pasquale Iacobone. Decano del ciclismo canosinoPasquale Iacobone. Decano del ciclismo canosinoPasquale Iacobone. Decano del ciclismo canosinoPasquale Iacobone. Decano del ciclismo canosinoMoser a CanosaMoser e Nicola IacoboneMoser e Iacobone NicolaFrancesco Moser
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.