Storia e dintorni

Un piccolo acquerello racconta una pagina di storia della nostra città

Bambini che chiedono biscotti in Canosa di Apuglia

Un acquerello disegnato da un soldato pittore inglese a Canosa nel 1943 quando le truppe dell' 8^ Armata britannica arrivarono a Canosa; è online sul sito dell'Imperial War Museum:

E' "solo" un piccolo acquerello; ma racconta una pagina di storia della nostra città: gli inglesi a Canosa nel 1943. Lo ha disegnato un pittore inglese arruolato nelle truppe dell'8^ Armata Britannica: Edward J.I. Ardizzone. Lo abbiamo ritrovato, online, sul sito dell'Imperial War Museum, il Museo e Archivio Britannico che raccoglie documenti, memoriali, lasciti relativi alle guerre combattute dai soldati britannici.
"Bambini che chiedono biscotti in Canosa di Apuglia" è il titolo dell'acquerello.

Nella didascalia leggiamo quanto segue:

ITEM NAME:
Children Begging for Biscuits in Canosa di Apuglia, Italy
PRODUCTION DATE:
1943
MAKER:
Ardizzone, Edward Jeffrey Irving CBE, RA
OBJECT TYPE:
drawing
FORMAT DESCRIPTION:
drawing
FURTHER INFORMATION:
image: A view of an Italian square with a church in the background. A jeep driven by two British soldiers is parked in the square and is surrounded by children, reaching up to the soldiers. Behind them a woman with a baby stands on the curb. Another child plays in the gutter at her feet.

"Visione di una piazza italiana con una chiesa sullo sfondo [probabilmente San Sabino, ndr]; una jeep guidata da due soldati britannici parcheggiata nella piazza e circondata da bambini protesi verso i soldati. Dietro di loro una donna in piedi con un bambino. Ai suoi piedi un bambino gioca sulla strada".

E' "solo" un piccolo acquerello: ma dentro si può leggere e capire tanto della Canosa del 1943.


Francesco Morra
Acquerello
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.