Canosa di Puglia Storni
Canosa di Puglia Storni
Vita di città

Canosa invasa dagli storni

Bellissime figure geometriche disegnate in volo

Sin dalle prime ore della mattinata odierna sono stati avvistati stormi di storni sul cielo di Canosa di Puglia(BT). Bellissime figure geometriche disegnate in volo da centinaia di storni o Sturnus vulgaris, la denominazione scientifica di questi uccelli passeriformi appartenenti alla famiglia Sturnidae, originari dell'Eurasia, presenti in tutti i continenti tranne l'America meridionale e l'Antartide. A detta di molti gli storni sono uccelli che non possono essere definiti migratori, né stanziali, in Italia. Infatti alcuni svernano nelle regioni dell'Italia meridionale per poi migrare nelle regioni settentrionali ai primi caldi, altri sono stanziali. Gli storni sono considerati uccelli nocivi per le coltivazioni di frutta, di olive e per le semine, perché grandi stormi di questi volatili possono distruggere interi raccolti, come più volte denunciato dai rappresentanti di Coldiretti Puglia. "Sta crescendo l'esasperazione nei campi e la tensione sale per gli stormi di storni che scorrazzano indisturbati mangiando le olive, danneggiando con le deiezioni le piazzole e gli ortaggi in pieno campo". Gli storni che in inverno conducono per lo più vita di gruppo, si differenziano dagli altri uccelli per la tecnica particolare che utilizzano per alimentarsi, spingendo il becco nel suolo, tra le foglie o tra le radici dell'erba per ricavare un foro. Mentre," il becco si apre, gli occhi ruotano in avanti, e gli consentono una visione binoculare della zona scoperta. Ciò è possibile grazie alla particolare muscolatura del becco e alla conformazione del cranio, che consente all'uccello di non inclinare la testa di lato per vedere a terra, come fanno tutti gli altri, dando modo alle eventuali prede di fuggire o di nascondersi." In ogni momento comunque gli occhi possono spostarsi all'indietro, permettendo al volatile di tenere la situazione circostante sempre sotto controllo.Le segnalazioni giunte alla Redazione di Canosaweb hanno evidenziato che gli storni hanno fatto anche delle soste sul Colle San Leucio, Colle San Pietro, in zona Murgetta e nei pressi della Chiesa di Costantinopoli a Canosa in tarda mattinata.
© - Riproduzione riservata
Foto a cura di Savino Mazzarella, Antonio Caputo e Marco Tullio Milanese
Canosa di Puglia StorniCanosa di Puglia StorniCanosa di Puglia StorniCanosa di Puglia Storni
  • Canosa di Puglia(BT)
  • Caccia
Altri contenuti a tema
Canosa: L'attrattività delle visite guidate Canosa: L'attrattività delle visite guidate Il turismo riprende vitalità con le iniziative della FAC
Sulla «Via Rosale» a Canosa Sulla «Via Rosale» a Canosa Ritrovate le radici storiche e toponomastiche
Canosa: benedetta la nuova edicola votiva Canosa: benedetta la nuova edicola votiva Dedicata alla Patrona Maria SS della Fonte
Canosa : questionari per il  nuovo piano particolareggiato per il centro storico Canosa : questionari per il nuovo piano particolareggiato per il centro storico Le spiegazioni dell'assessore alla Programmazione Territoriale, Sabina Lenoci
Ci lascia Michele Garribba Ci lascia Michele Garribba Storiografo del ‘900 a Canosa
Devozione per la Madonna della Fonte di Canosa Devozione per la Madonna della Fonte di Canosa Nei versi del Cantico dei Cantici e della Divina Commedia
1 Coronavirus: Corso San Sabino affollato Coronavirus: Corso San Sabino affollato Le foto sui social stanno facendo discutere
La luce di Cristo illumina la vita di ogni uomo La luce di Cristo illumina la vita di ogni uomo La Pasqua del Signore
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.