Agro Mafie San Marco in Lamis
Agro Mafie San Marco in Lamis

Agromafie :In crescita il volume d’affari

Coldiretti Puglia: ”La malavita tenta di approfittare della situazione di difficoltà”

Da 25 anni ogni 21 marzo dal 1996 si celebra la Giornata della Memoria e dell'Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie che ha riunito famiglie e studenti a San Marco in Lamis(FG) per ricordare le vittime di mafia, con il 2021 che è iniziato con oltre 200mila pugliesi costrette a chiedere aiuto per mangiarea causa della crisi economica e occupazionale causata dal Covid, un numero praticamente raddoppiato rispetto allo scorso anno, tra i quali la criminalità trova terreno fertile per infiltrarsi. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, in occasione dell'iniziativa organizzata dall'associazione Libera di San Marco in Lamis, a cui ha partecipato Coldiretti Foggia che ha commemorato, tra gli altri, i due imprenditori agricoli soci, i fratelli Luigi e Aurelio Luciani, vittime di un agguato mafioso nell'agosto 2017, la cui unica colpa fu di essersi trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato, al lavoro in campagna.

La malavita tenta di approfittare della situazione di difficoltà in cui si trova una fetta crescente di persone costrette a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente – sottolinea la Coldiretti – ai pacchi alimentari, anche per le limitazioni rese necessarie dalla pandemia. Fra i nuovi poveri – precisa la Coldiretti Puglia – ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid. Persone e famiglie che mai prima d'ora – precisa la Coldiretti regionale – avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche.

Crescono, infatti, gli interessi delle organizzazioni criminali nel settore del cibo che è divenuto una delle aree prioritarie di investimento della malavita che ne comprende la strategicità in tempo di crisi perché consente di infiltrarsi in modo capillare nella società civile e condizionare la via quotidiana della persone. Con la crisi le mafie si appropriano – sottolinea la Coldiretti regionale – di vasti comparti dell'agroalimentare dai campi agli scaffali, dai tavoli dei ristoranti fino ai banchi di bar e pasticcerie, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma anche compromettendo in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani e il valore del marchio Made in Italy.

L'intensità dell'associazionismo criminale è elevata nel Mezzogiorno, con il grado di penetrazione forte e stabile – secondo i dati dell'Osservatorio sulla criminalità in agricoltura di Coldiretti - sul versante adriatico con Foggia 67,4; Brindisi 51,6, Barletta Andria Trani 40,9, Bari 40,9, Taranto 39,4 e Lecce 37,4. Dai mercati ai supermercati, dai trasporti ai ristoranti – denuncia Coldiretti Puglia - dall'agricoltura all'allevamento, dalla carne alla frutta fino al caffè alle corse dei cavalli, oltre all'utilizzo illecito dei fondi comunitari destinati all'agricoltura come il PSR, il volume d'affari delle agromafie cresce con attività che riguardano l'intera filiera agroalimentare. In questo modo, la malavita si appropria di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma anche compromettendo in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti e il valore del marchio Made in Italy. Gli ottimi risultati dell'attività di contrasto confermano la necessità di tenere alta la guardia e di stringere le maglie ancora larghe della legislazione – insiste Coldiretti Puglia - con la riforma dei reati in materia agroalimentare perché l'innovazione tecnologica e i nuovi sistemi di produzione e distribuzione globali rendono ancora più pericolose le frodi agroalimentari che per questo vanno perseguite con un sistema punitivo più adeguato con l'approvazione delle proposte di riforma dei reati alimentari presentate da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell'Osservatorio Agromafie.

Con i classici strumenti dell'estorsione e dell'intimidazione le agromafie impongono i prezzi dei prodotti agricoli, l'affidamento di servizi e appalti, la vendita di determinate produzioni agli esercizi commerciali che a volte, approfittando della crisi economica, arrivano a rilevare direttamente grazie alle disponibilità di capitali ottenuti da altre attività criminose. Non solo si appropriano di vasti comparti dell'agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l'imprenditoria onesta, ma compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy. I poteri criminali si "annidano" nel percorso che uva da vino, olio, frutta e verdura, carne e pesce, devono compiere per raggiungere le tavole degli italiani passando per alcuni grandi mercati di scambio fino alla grande distribuzione. La Puglia è una regione a forte vocazione agricola ed è per questo che il business delle agromafie è divenuto particolarmente appetibile. Capitolo a parte merita infatti – conclude Coldiretti Puglia - il mercato parallelo di prodotti agricoli provenienti da migliaia di chilometri di distanza, spesso sofisticati, spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono, per cui viene illegalmente utilizzato il marchio 'made in Puglia', a danno dell'imprenditoria agricola pugliese e dei consumatori.
  • Coldiretti Puglia
  • Libera
Altri contenuti a tema
Maltempo: gelata notturna killer in Puglia Maltempo: gelata notturna killer in Puglia Coldiretti Puglia: "Ha devastato i raccolti"
Covid: Crack da 150 mln  per i 900 agriturismi pugliesi Covid: Crack da 150 mln per i 900 agriturismi pugliesi Coldiretti Puglia: "Chiusura in primavera taglia le prospettive di ripresa"
Il cibo è la voce principale del budget delle famiglie Il cibo è la voce principale del budget delle famiglie Coldiretti Puglia: "Senza turismo a rischio i 311 tesori alimentari tradizionali dei borghi di Puglia"
Agnello a tavola per rispettare le tradizioni pasquali Agnello a tavola per rispettare le tradizioni pasquali Coldiretti Puglia: "I piatti della transumanza tramandati da secoli"
Pasqua blindata, pranzo in solitudine Pasqua blindata, pranzo in solitudine L'emergenza pandemia ha ristretto le tavole e impoverito i menu della festa
Agriturismi :  Al via il secondo bando misura 21 PSR Agriturismi : Al via il secondo bando misura 21 PSR Coldiretti Puglia: "Settemila euro ad ogni operatore agrituristico nelle campagne"
1 Al via la bruciatura delle stoppie nei parchi e aree protette Al via la bruciatura delle stoppie nei parchi e aree protette Approvato dal Consiglio regionale l’emendamento proposto dal consigliere Francesco Ventola,
Pasqua  2021:azzerati viaggi e gite fuori porta Pasqua 2021:azzerati viaggi e gite fuori porta Il passaporto vaccinale Ue potrà salvare almeno il turismo straniero in Puglia
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.