Canosa Fornaci
Canosa Fornaci
Un Paese di Poesia

Riaffiora alla memoria "U paràte de l’úrte"

Il componimento  in vernacolo del poeta Sante Valentino

S'intitola "U paràte de l'úrte - Il muro dell'orto" il componimento in vernacolo del poeta Sante Valentino per la rubrica " Un Paese di Poesia" di Canosaweb, il primo portale cittadino. "E' attinta dalla mia memoria storica che farà ripercorrere a molti lo stesso sentiero" riferisce il poeta canosino che vive a Roma nella breve dichiarazione rilasciata per la presentazione del poesia in dialetto: "Ci sono ricordi indelebili custoditi nella mente e nel cuore di ognuno che il tempo non può cancellare perché scolpiti 'col fuoco negli occhi fanciulli…'. In Corso Traiano, uno dei vicoli dove il poeta è vissuto, è ancora visibile il vecchio muro dell'orto, le alte ciminiere delle fornaci ed in lontananza la sagoma del monte Vulture. Una lirica pervasa di pathos e ricca di quadretti che riecheggiano la storia di un ragazzo cresciuto nell'armonia e nel folclore dei vicoli di "Canosa di Puglia – Città d'Arte e di Cultura" vernacolare che il poeta Sante Valentino sa rappresentare fieramente in tutte le circostanze alla stregua di un serbatoio inesausto di saggezza
.U paràte de l'úrte
Stèje angòre ddèje paràte vècchje de l'úrte
ca túrne arrète prepoténde
a li penzìre môje?
T'affaccìve jílte
a le d'òcchjere de nu uagnàune
ca s'assettève dèssòtte
e pòje s'arrambechève
ad aducchièje u cjle.
Chiéue nan de cérche e chiéue téue túrne
sàup'a li tertéure de la memòrje,
ma chiéue nan zàcce c'angòre
stéupe treséure d'érve e de scequàcquele
e cùre granète vècchje
ca me 'mbetève ad allunghè la mène.
Ascunnìve geléuse a la calète du sàule
nu mònde ca se jalzève d'arràsse
e me vuttève a pegghjè u vùle.
Li scurtegghjéune te vulèvene sàupe
dòpe u giòre attúrne a na casèdde
c'addunève la sàire veciòne a la pórte
le lìvene sudète du zappatàure.
'Mbaccescève quèra falène
attúrne attúrne o lambiàune
e sòtt'a le ciàule de la léune,
quàne se 'nvelèvene li recùrde,
arrenghève stòrje e candelène
pròme d'azzecchèje n'àta còrse
a cògghje u gròte de la strète.
Jôje nan d'àgghje scurdète paràte vècchje de l'úrte
amòce môje de tànne…!

IL MURO DELL'ORTO/Sei ancora lì vecchio muro dell'orto/che ritorni prepotente /ai miei pensieri? /Ti affacciavi alto/agli occhi di un ragazzo/che sedeva lì sotto/e poi s'arrampicava/a guardare il cielo. /Più non ti cerco e più tu ritorni/ sui sentieri della memoria, / ma più non so se ancora/custodisci tesori d'erba e di papaveri/e quel vecchio melograno/che m'invitava ad allungare la mano. /Nascondevi geloso nell'ora del crepuscolo/un monte che si alzava di lontano/e mi spingeva a prendere il volo. /Le rondini ti volavano sopra/dopo il giro intorno ad una casetta/che raccoglieva la sera vicino all'uscio/la sudata legna del contadino. /Impazzava quella falena intorno al lampione/ e sotto i riverberi di luna, /nell'ora che s'inanellavano i ricordi, /allineavo storie e cantilene/prima d'iniziare un'altra corsa/ a cogliere il grido della strada. Io non ti ho dimenticato vecchio muro dell'orto/ amico mio di allora…!


  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Sediamoci sàup'o chiangatìdde Sediamoci sàup'o chiangatìdde Sante Valentino: "Un rito tipico dell'estate canosina"
C'era una volta Il banditore di paese C'era una volta Il banditore di paese U scettabànne di Canosa di Puglia e il Trombetta del Veneto
Buona la prima “Prove” di Nunzio Pinnelli Buona la prima “Prove” di Nunzio Pinnelli Applausi alla presentazione con l’editore Renato Russo
Canosa: Esordio letterario per Nunzio Pinnelli Canosa: Esordio letterario per Nunzio Pinnelli A Palazzo Iliceto presenterà il libro  "La Prove-La civiltà contadina raccontata in vernacolo"
Uniti nella lingua del dialetto Uniti nella lingua del dialetto L'omaggio alla memoria del poeta Savino Losmargiasso
Canosa: Dialettiamo con le poesie di Losmargiasso Canosa: Dialettiamo con le poesie di Losmargiasso A Palazzo Iliceto, l'incontro culturale della Pro Loco
Si declama “Li mùgnele” Si declama “Li mùgnele” I capricci nella poesia di Sante Valentino
Il dialetto canosino per la Giornata Internazionale della Lingua Madre Il dialetto canosino per la Giornata Internazionale della Lingua Madre La poesia "Na paràula nòste" di Sante Valentino
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.