Stilus Magistri

Il Paradiso a Canosa

Il bisogno di conoscere e riscoprire le nostre radici italiche e cristiane

Questa mattina,19 settembre, ho incontrato una coppia di circa 70 anni nel visitare la Cattedrale San Sabino. La settimana scorsa incontrai una coppia di circa 60 anni di Amburgo. Il turista e pellegrino di Verona oggi mi ha detto: "Ma voi avete il Paradiso! Io ho alle spalle studi di Istituto Professionale, ma sento il bisogno di conoscere e riscoprire le nostre radici italiche e cristiane".
Questo Paradiso sarà visitato a breve nel Museo Sabiniano, ma c'è un Paradiso più grande, come nei cieli di Dante Alighieri, che attende di essere visitato in un Museo Archeologico, fulcro culturale del territorio, sognato, annunciato,...e forse naufragato!
Uniamo le forze civili e politiche per andare tutti in Paradiso, nel Museo dei Principi, Imperatori e Vescovi.
Un giorno di domenica del 1985 il Ministro dei Beni Culturali on.le Nino Gullotti in visita privata a Canosa di Puglia con la illuminata consorte, entusiasta della vista a San Leucio, al Battistero ed infine in Cattedrale, guidato dall'allora Segretario comunale dott. Nino Catano e dall'emerito dott. Nino Lavermicocca della Soprintendenza, ci invitò a Roma nella sede del Ministero per il restauro della Cattedrale in stato di deterioramento e per avviare un progetto per Canosa. Ero testimone all'incontro nel richiamare la Sua attenzione all'epigrafe sabiniana dei Prevosti. Siamo andati poi a Roma per presentare la vetrina di Canosa.
Anche oggi possiamo invitare il Ministro Bondi e recarci a Roma nel Palazzo in via Del Collegio Romano per non far naufragare il sogno del Museo Archeologico, senza spirito di parte o di partito, ma con lo spirito civico della nostra cultura.
Anche i nostri tesori nel passato sono emigrati nei musei d'Italia e d'Europa, anche i nostri Principi ed Imperatori sono emigrati.
Diamo loro nella dignità della nostra gente la Casa che meritano, un Museo per la memoria e l'identità della nostra storia e per lo sviluppo della nostra città.


maestro Peppino Di Nunno
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.