Stilus Magistri

Monumento a M. R. Imbriani: una pietra “altare della Patria” a Canosa di Puglia

Di un bronzo “mutato in strumento bellico” e riconsegnato alla storia dal popolo Riproduzione vietata anche parziale

Monumento a M. R. Imbriani: una pietra "altare della Patria" a Canosa di Puglia di un bronzo "mutato in strumento bellico" e riconsegnato alla storia dal popolo.
A Città di Castello riscoperte le radici scultoree della statua del 1907.


Le vie della storia scavano nei siti della nostra memoria, riscoprono le radici e promuovono le nostre coscienze. Così si è levata con patrio sentimento la voce del sig. Sabino Silvestri sulla scomparsa della statua originaria di Matteo Renato Imbriani; lo ringrazio per la condivisione civica e culturale, apportando le conoscenze in merito, assunte da testimonianze orali e da fonti archivistiche del Comune di Canosa.
  • Era l'anno 1907
Correva l'anno 1907, quando il popolo di Canosa erige due pregevoli monumenti: il monumento a M. R. Imbriani, "all'ombra dell'altare sacro alla Patria" e la lapide monumentale a Giuseppe Garibaldi nell'ingresso della Scuola Giovanni Bovio, dedicata "dagli insegnanti e dagli alunni delle Scuole popolari" e che evoca "la giustizia, la libertà, la fratellanza" in un'epoca di diffuso analfabetismo linguistico.
  • Un monumento dei Democratici di Puglia
Il monumento, "che la virtù civile di un popolo innalzò" nella piazzetta Erode Attico, a cura del Comitato presieduto dall'avv. Sabino Miccoli, ha una connotazione di storia patria, in quanto viene eretto e inaugurato nella domenica del 12 maggio 1907 in un convegno dei "Democratici di Puglia"; valorizza quindi la figura del Patriota e del Deputato al Parlamento, eletto nel 1889 e deceduto nel 1901, come attestano le fonti archivistiche: " la statua fusa in bronzo del gran Patriota Matteo Renato Imbriani, già Deputato al Parlamento Italiano, posta su di un piedistallo costruito in pietra, artisticamente lavorato".
Imbriani non vide il progetto dell'Acquedotto Pugliese, evocato dalla testimonianza della terra che lo aveva eletto: "vengo dalla Puglia assetata d'acqua e di giustizia"; i primi zampilli di acqua nelle fontane pubbliche portano la data del 1914, come si può leggere ancora a Canosa davanti alla Scuola Elementare "Giuseppe Mazzini" e in via Aurelio Saffi nel quartiere "Pozzo Nuovo".
Riceviamo grati una foto storica, del 12 maggio 1907 dell'inaugurazione del monumento, da don Mario Porro e dall'Archivio Vice Postulazione Padre Antonio Losito - Museo, in cui sono visibili i drappi (rosso e bianco) del Regno d'Italia, le bandiere delle Associazioni,la banda musicale e, presumibilmente, tre personaggi: Sindaco Sabino Caporale, Raffele Cotugno e il presidente del Comitato Sabino Miccoli: che bella!
  • Testimonianze orali popolari della rimozione della statua
La foto d'epoca, concessa dallo Studio Cioci, ci fa ammirare la statua originaria, rimossa e portata via dai Tedeschi come riporta la testimonianza di Fogetto Savino, di anni 89, confermata da altre fonti orali.
"Fùrene li Tedeske a purtarse Embriène. Jò nan tenève facce, ca purtève u distintive. Prevessò, pìgghjeme e prìkeme vòive. Quéra statue jève bélle!".
Non ritroviamo in quegli anni di guerra, atti scritti di questa "rapina bellica", certamente piovuta dall'alto, che il Comune ha dovuto subire, come avvenne in altre località defraudate dei Monumenti ai Caduti.
Nel 1940 siamo agli inizi del conflitto mondiale (1939-45), all'indomani del "Patto di Acciaio" tra il regime di Mussolini e la Germania e questa "rapina bellica" di Imbriani segna una pagina nera della sudditanza italiana al regime nefasto dei Tedeschi di Hitler: è la ragione militare, che in tempi di guerra prevale sulla ragione politica e soffoca la ragione culturale e spirituale di un popolo.
  • Il rifacimento della statua del 1955
Ma a Canosa di Puglia fu il Popolo ad essere defraudato, considerato che la statua fu promossa dal Comitato cittadino con una "pubblica sottoscrizione onde raccogliere le offerte dei cittadini, e con le somme raccolte erigere un monumento" a Matteo Renato Imbriani, "cittadino onorario di questo Comune". Ai piedi del Monumento si legge infatti: A M. R. IMBRIANI – IL POPOLO. 1907.
Per circa una generazione, per 15 anni, si scavò un buco nero a Canosa, con il piedistallo monumentale orfano della statua di Imbriani rifatta nel 1955, come attesta l'epigrafe incisa sul retro del monumento, riconsegnato al "gran patriota". Il 1955 segna la data del "cinquantenario" della Società Acquedotto Pugliese, istituita nel 1905.
Il Comune di Canosa, dopo il conflitto bellico e la povertà del dopoguerra, recupera questo vuoto e con dignità riconsegna alla comunità e alla storia la figura di Imbriani.
La delibera di Consiglio Comunale, C. C. n. 106 del 1954 all'epoca del Sindaco De Salvia Sabino, attesta "il contributo di Lire 200.000 per il ripristino del monumento a M. R. Imbriani", promosso dal Comitato presieduto dal dott. Franco Saccinto" .
La delibera all'unanimità cita la raccolta di fondi da parte del Comitato di £. 558.000 per una spesa prevista di £. 1.500.000, cui concorse anche i Vigli Urbani nel "girare per il paese con una cassettina per riscuotere l'obolo dei cittadini".
La delibera riporta l'intervento del Consigliere Giuseppe Matarrese, che come Consigliere Provinciale chiese un Contributo per Canosa, interprete anche del contributo della Provincia di Bari ad istituire la Biblioteca a Corato intitolata a M. R. Imbriani. Apprezziamo la figura dell'on.le Giuseppe Matarrese, già Sindaco nel 1948, con cui ho condiviso la presenza in Consiglio comunale negli anni 70.
C. C. n.106/1954: "Il Consiglio, premesso che nel 1940, per esigenze di guerra in Canosa venne abbattuto, per essere mutato in strumento bellico, il monumento a M. R. Imbriani, che la cittadinanza di questo Comune aveva eretto a chi si era adoperato perché la Puglia sitibonda avesse il suo acquedotto".
La statua attuale fu fusa nella Fonderia Artigianale Laganà di Napoli, come attesta l'incisione ai piedi del bronzo.
  • Il conflitto bellico oscura le pagine della Bibbia e le opere d'arte.
I popoli evocati dal profeta Isaia, nella Bibbia, "forgeranno le loro spade in vomeri / le loro lance in falci" (Is. Cap, 2, v. 4), trasformando le armi in strumenti di pace e di lavoro, ma la Guerra mondiale del nazismo ha trasformato i bronzi di storia e di arte in …bronzi di cannone e in armi!
Viene da chiedersi quale sia stato il ruolo dei Regi Ispettori ai Beni Artistici dell'epoca, visto che il monumento fu suggellato come "patrimonio artistico".
Nel periodo epidemico, nel 1919, si disponeva di imbiancare con calce viva i monumenti pubblici e privati, ma una nota del Prefetto, a seguito del richiamo del Ministero, chiedeva che "le opere d'arte siano risparmiate, anche nei particolari, da simili brutture" e di accordarsi con i Regi Ispettori alle Antichità. Ma la Guerra mondiale fu peggio dell'epidemia!
Mi chiedo quanto bronzo distruttivo di cannone abbia prodotto la fusione del bronzo costruttivo della statua.
È vero che altri monumenti bronzei d'Italia furono miseramente distrutti e rifusi per strumenti bellici, ma forse il regime politico sfruttò con pregiudizio storico l'occasione per cancellare la figura democratica, repubblicana del patriota Imbriani?
  • La consegna della statua al Comune di Canosa nel 1907
A noi posteri l'ardua sentenza, mentre sentiamo il dovere morale e civico, di leggere, custodire e valorizzare questo " monumento che costituisce patrimonio artistico, consegnato al Comune di Canosa di Puglia rappresentato dal Sindaco Sig. Caporale avvocato Sabino".
La consegna del monumento fu curata "dall'avv. Sabino Miccoli, di Luigi, quale Presidente del Comitato cittadino". Con la fotografia d'epoca di S. Violante, la tipografia Rossignoli, su disposizioni del Comune, stampò anche delle Cartoline Postali, che hanno inviato i saluti scritti a mano da Canosa di Puglia.
  • Proposte per la salvaguardia del monumento
Seguendo l'esempio del Comitato Cittadino del 1903-1907, vogliano oggi le benemerite Associazioni Pro Loco e la Fondazione Archeologica, di concerto con l'Amministrazione comunale, assumere l'iniziativa di una rifondazione del monumento con il concorso delle Scuole, per la pulitura della statua, il cui ossido di rame sta imbrattando il piedistallo monumentale in pietra, per la ricollocazione della lapide della toponomastica di "Piazza Erode Attico", l'Imbriani della Canusium Apuliae dell'epoca romana; lì c'era anche via Erode Attico davanti al Palazzo Salomone.
Il canonico don Vito Di Nunno mi mostrò una fotografia dell'angolo del Palazzo Salomone con la lapide "Piazza Erode Attico", la cui toponomastica è rimasta invariata nel tempo: piazza Imbriani è un'accezione popolare di riferimento, generata anche dalla scomparsa della lapide dell'illustre cittadino ateniese di "un innesto greco su tronco latino", riferito a "noi" Pugliesi dal discorso commemorativo del 1907 e di nuovo comparso con apprezzamento nel pannello illustrativo di Piazza Terme, come artefice dell'acquedotto di epoca romana di Canuiusm.
Si collochi anche, come in Piazza Terme, un pannello esplicativo della storia del monumento di Storia Maestra di vita, con la foto della statua originaria. Si collochi anche, con uno scambio, una fontana pubblica che riporti l'iscrizione "ACQUEDOTTO PUGLIESE . 1914", documento dei primi zampilli di Puglia, a cui la mia generazione si è accostata con i secchi di zinco a spalla per portare l'acqua in casa. La Società dell'Acquedotto Pugliese fu istituita nel 1905.
  • Appello al Comune di Canosa
Voglia il Sig. Sindaco, dott. Ernesto La Salvia, sensibile al patrimonio culturale cittadino, inserire il monumento nel percorso celebrativo della festa della Repubblica del 2 Giugno, nelle radici della REIPVBLICAE del 1907, di una data corretta dalla mia ricerca e riconsegnata al monumento.
Quella pietra storica di Canusium Apuliae evoca la Res Publica romana, risalendo alle radici di Duemila anni.
Oggi, dopo un secolo dal 1907, come cultore di storia patria, latore del progetto volontario Ob Amorem Patriae, portato al MIUR e al Quirinale, ho iniziato la ricerca storica del monumento nel 2011 con la lettura della pietra sul retro del monumento, che nel basamento ha l'impronta della canosinità, in quanto opera di Nicola Conte, "maestro scalpellino" canosino, che utilizzò la "pietra Porcina di Minervino Murge": sono apprezzabili i rilievi delle foglie di quercia ai quattro angoli del basamento.
  • Riscoperta la statua a Città di Castello in Umbria
Leggendo le pagine dell'Archivio Storico Comunale, ho avuto la gioia e l'onore di ritrovare le radici scultoree della statua bronzea di Imbriani, comunicandole alla dott.sa Alba Ghelli, Dirigente della Biblioteca comunale "Giosuè Carducci" di Città di Castello, in Umbria, che diede i natali allo scultore Elmo Palazzi, la cui gipsoteca (gr. gypsos = gesso), custodisce i calchi in gesso dello scultore. Il suo nome è stato ritrovato nell'Archivio Storico Comunale di Canosa: " la statua fusa in bronzo al naturale sul modello dello scultore Professor Elmo Palazzi di Città di Castello".
Città di Castello ha apprezzato le ricerche storiche, acquisendole nella Biblioteca Comunale, nella cui collezione non figurava l'opera di Imbriani di Canosa di Puglia.
Il sito apprezzato dello storico Alvaro Tacchini di Città di Castello, ci ha concesso le foto dello scultore, consapevoli che all'epoca lo scultore aveva vinto un Concorso di idee a Canosa di Puglia: abbiamo così ricostruito le radici del monumento, riconsegnandolo alla terra che diede i natali "all'arte squisita d'un geniale scultore" (discorso commemorativo d'inaugurazione).
Canosa di Puglia e Città di Castello in Umbria si riscoprono nel legame di arte e di storia del monumento a M. R. Imbriani, memoria storica riscoperta, pagina di Puglia, di cultura educativa e di Democrazia repubblicana.
È stato anche riscoperto il legame con la Biblioteca comunale "M. R. Imbriani" di San Martino Valle Caudina (AV), che custodisce la Casa Giulia, dove Imbriani morì il 12 settembre 1901.
  • Dialogo con le Istituzioni
Personalmente provvederò a consegnare al Sindaco dott. Ernesto La Salvia e all'Assessore prof. Sabino Facciolongo, questa memoria storica del monumento, ringraziandoli per l'accoglienza e la sensibilità già mostrata alla mia voce sul tema. Imbriani non è solo cartolina d'epoca, ma patrimonio culturale di Canosa e della Puglia, per il quale è mio intento elaborare una pubblicazione cartacea e indirizzarla alla Scuola come offerta formativa.
È un pregevole monumento, era una cartolina d'epoca; oggi dopo due anni di studio è una pagina di Storia Patria: vogliate citare le fonti e il mio lavoro volontario di dedizione, nella diffusione delle conoscenze, evitando "rapine culturali", come avvenuto a volte, da alcune parti.
  • La pietra sacra di un'ara, "altare sacro alla Patria"
Questo è un monumento "sacro", come riporta il manifesto rosso dell'8 maggio 1907 per l'inaugurazione del monumento ed il Convegno dei Democratici e degli ITALIANI DI PUGLIA, "all'ombra dell'altare che si è fatto sorgere in Canosa, sacro alla Patria", che evoca ancora oggi il discorso commemorativo di Raffaele Cotugno, nativo di Ruvo e Deputato alla Camera, che sottolineò "l'Imbrianesimo", come movimento di pensiero, attestato ancora oggi nell'azione, nell'Archivio Storico della Camera dei Deputati..
La mano di Imbriani si posa su un libro, sulla cui costola è scritto, I DIRITTI DEGLI ITALIANI, e su cui in origine nel bozzetto era scritto: I DIRITTI DEGLI UMILI.
"Quel libro sopra un frammento di ara dei tempi gloriosi della Repubblica Romana, viene soffocato da un masso che porta ancora le tracce dell'aquila bicipite per la quale Matteo Renato Imbriani" nutrì sempre avversione con la sua testimonianza.
La scultura marmorea con i Fasces Lictoriae e l'iscrizione REIPUBLICAE D. era un'ara, un altare, forse di siti archeologici romani di Canosa, e conferisce unicità al monumento canosino per questa sacralità di altare.
Nelle mie semplici ipotesi quel D. puntato potrebbe corrispondere, come esiste nei testi, Reipublicae Defensor o Reipublicae Dummviri (magistrati della Colonie) o altro.
Sarebbe bello che gli artisti locali e gli studenti liceali si adoperassero ad un disegno o dipinto del monumento marmoreo costituito dall'aquila rovesciata, dal Libro dei Diritti e dall'Ara della Repubblica, con un titolo (es. ob amorem patriae).
  • Noi cittadini eredi e custodi
Il monumento fu consegnato nel 1907 "alla gelosa e sicura custodia della cittadinanza Canosina per conservare alla memoria dei posteri la figura illustre di un nome… nella rigenerazione della patria Comune".
Rendiamo onore, educando le nuove generazioni, con l'esempio di un patriota che, come Mameli, a soli 17 anni rischiò la vita per la libertà e l'unità di un'Italia Repubblicana; il suo feretro fu portato a spalla da molti Garibaldini, e ancora oggi la figura evoca i passi della storia democratica in Parlamento: "vengo dalla Puglia assetata d'acqua e di giustizia", accanto ai passi di oggi di una Puglia assetata ancora oggi di acqua di sorgente e di lavoro, fondamentale Diritto della Costituzione Repubblicana.

Ob amorem patriae - maestro Peppino Di Nunno (Canosa di Puglia)
10 fotoMonumento a M. R. Imbriani: una pietra "altare della Patria" a Canosa di Puglia
M. R. Imbriani1907 - il monumento a M. R. Imbriani - CanosaLa fontana pubblicaImbriani - 1907Copia del monumento - ImbrianiElmo Palazzi. Città di CastelloCittà di Castello, monumento - firma PalazziSindaci De Salvia - Vito RosaCanosa di PugliaSindaci  Monumento del  1907
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.