Stilus Magistri

La vóje de la Staziàune

Per la IX Edizione del Premio "Don Peppino Pinnelli"

Alla vigilia della IX Edizione del Premio "Don Peppino Pinnelli" organizzato dall'omonimo comitato il maestro Peppino Di Nunno, redattore di Canosaweb ed autore del saggio letterario "Sulle vie dei ciottoli del Dialetto Canosino" ha composto e firmato il componimento poetico in vernacolo "La vóje de la Staziàune". Per l'occasione , il maestro che l'anno scorso è stato premiato dal comitato "Don Peppino Pinnelli" per la sua opera meritoria nell'ambito storico culturale e sociale non ha fatto mancare la dedica:"Da Sabino Mazzarella, Bartolo Carbone, Fernando Forino, con la voce novantenne de ze' Nùnzie e ze' Ceccìlle, alla festa di quartiere del Comitato 'Don Peppino Pinnelli' nel rione Santa Teresa." Un iniezione di fiducia e stima nei confronti degli organizzatori diretti da Saverio Di Nunno, impegnati nell'allestimento dell'evento che si terrà in Corso Garibaldi a Canosa di Puglia(BT), a partire dalle ore 21.00 di questa sera, ingresso gratuito. La manifestazione "IX Edizione del Premio "Don Peppino Pinnelli" che gode del patrocinio del Comune di Canosa di Puglia Assessorato allo Sport e Spettacolo nell'ambito del "Boamundus Festival", della Provincia Barletta Andria Trani, e dell'Associazione Internazionale Pugliesi nel Mondo, sarà presentata da Claudia Vitrani e Fernando Forino, e vedrà la partecipazione di quattro cantanti canosini Antonella Destino, Paco Bucci, Enrico Pastore e Nunzio Acquaviva; dello showman cubano Tony Duarte Silega e di Tony Esposito, tra i musicisti italiani più importanti e conosciuti all'estero. Da non perdere l'appuntamento alle ore 21.00 di questa sera a Canosa di Puglia per un altro evento tra i più attesi dell'estate canosina.
Link video: https://youtu.be/X7SmnKUl6Ts

La vóje de la Staziàune
S'arrecòrde jòsce ze' Luige, jève uagnàune
s'assétte angòre a la vóje de la Staziàune.
U quattòdece a tùtte u mùnne arruè la guérre,
sòtte a le jàrme li zappatéure lassévene la térre,
ma du, a la Pùglie, a Canàuse arruè la fundène,
la fundèna pùbbleche penzète da 'Mbriène.
U nònne Pasquèle decève, "volésse benedìtte!",
la fundène ascennó abbàsce a Chiangascrìtte,
cissà sàupe o pelìre de prète cè stève scrìtte?
L'ò scrìtte u maéstre jìnd'o lìbre du dialétte
studiànne l'àcque ca sgòrre do rubenétte.

S'arrecòrde jòsce ze' Luige, jève uagnàune,
arruénne le Scòle nòve a la vóje de la Staziàune,
trasénne màsquele a nu lète e fémene a l'àute lète,
négre e bianghe li grembièle jévene separète
ma tùtte sciuquévene 'n mézze a la strète
e pregànne o Segnòre se sendévene frète,
la Chjìse de Sànda Terése da na famìgghje o pajóse
fu dunète pensànne o Paravóse, nàune a li ternóse.

Poverìdde cu cìcene 'n mène e la zappa 'n gùdde,
all'appìte, mangiànne pène tùste o pène mùdde,
fadeghévene all'embìte, fadeghévene de mùsse 'ndérre,
che la Littorìne de la Staziaàune arruè l'àuta guérre,
ognè jùrne ascennève la carròzze de Coppolécchje,
tànne jève uagnàune, mu ò fàtte grànne e vécchje
s'arrecòrde ze' Luige e sénde jìnde a le récchje
trajóne e cavàdde sàupe a li vrìcce de prète,
cu lambère de nòtte scévene fòre da quéssa strète,
ca do Castìdde a la Staziàune jève 'mvreccète.

Jòsce òne rumèse li vrìcce sòtte a l'asfàlte,
òne rumèse tànda recùrde jìnde a le pàlte.
Che cambè de penziàune a la vóje de la Staziàune,
u vécchje, stùrte de fatóche, adòcchje e s'assétte,
la vóje bélle de la Staziàune ò rumèse rétta, rétte.

Li fìgghje cu trène de la Staziàune òne spatriète,
ma ognè jànne a Canàuse cu còre tòrnene arrète
e ognè jànne ad Agùste stè la féste a quartìre,
arrecòrde a tùtte, u pajóse de jòsce e d'ajìre,
de vìrne che le mène attùrne o frascìre,

d'estète fadegànne e facénne tùtte mestìre,
veccìre e varvìre, méste carrìre e trajenìre.
Jà na bélla féste de pajóse e de quartìre,
arrecòrde a li Canusóne e péure a li frestìre.

Che nu piàtte de cuppetìdde e nu becchìre de mìre
saléute a tùtte l'Itàlie, a li tre cheléure de la bandìre,
da Canàuse màje fàtte de stòrie e de bélle penzìre.
maestro Peppino Di Nunno,

La via della Stazione

Si ricorda oggi ze' Luigi, era ragazzo,
si siede ancora sulla via della Stazione.

Il Quattordici in tutto il mondo arrivò la guerra,
sotto le armi i contadini lasciavano la terra,
ma qui in Puglia, a Canosa, arrivò la fontana,
la fontana pubblica pensata da Imbriani.
Nonno Pasquale diceva "che sia benedetto!",
a la fontana discese giù a Chianca scritta,
chissà, sopra la pietra cosa stava scritto?
L'ha scritto il maestro nel libro del dialetto,
studiando l'acqua che scorre dal rubinetto.

Si ricorda oggi, ze' Luigi, era ragazzo,
arrivarono le Scuole Nuove alla via della Stazione,
entrando maschi da un lato e femmine dall'altro lato,
neri e bianchi i grembiuli erano separati,
ma tutti giocavano in mezzo alla strada
e pregando il Signore si sentivano fratelli,
la Chiesa di Santa Teresa da una famiglia al paese,
fu donata pensando al Paradiso e non ai tornesi.

Poveri con l'orciuolo in mano e la zappa addosso,
a piedi, mangiando pane duro o pane in ammollo,
lavoravano in piedi, lavoravano col muso a terra,
con la Littorina della Stazione arrivò l'altra guerra,
ogni giorno scendeva la carrozza di Coppolecchia,
allora era ragazzo, ora si è fatto grande e vecchio,
si ricorda ze' Luigi e sente nelle sue orecchie,
carretti e cavalli sopra la breccia di pietra,
con il lume di notte andavano nei campi da questa strada
che dal rione Castello alla Stazione era brecciata.

Oggi è rimasta la breccia sotto l'asfalto,
sono rimasti i ricordi dentro le tasche.
Per campare di pensione nella via della Stazione,
il vecchio, curvo di fatiche, guarda e si siede,
la via bella della Stazione è rimasta dritta, dritta.

I figli col treno della Stazione sono emigrati,
ma ogni anno a Canosa col cuore tornano di nuovo,
e ogni anno ad Agosto c'è la festa di quartiere,
ricorda a tutti, il paese di oggi e di ieri,
d'inverno con le mani attorno al braciere,
d'estate lavorando e facendo tutti i mestieri,
beccaio e barbiere, mastro carraio e carrettiere.
È una bella festa di paese e di quartiere,
ricorda ai Canosini e anche ai forestieri.

Con un piatto di orecchiette e un bicchiere di vino,
saluti a tutta l'Italia, ai tre colori della bandiera,
da Canosa mia fatta di storia e di bei pensieri.

maestro Peppino
La fontana pubblicaFontana di ChiancascrittaScuole Comunali Elementari "G.Mazzini"Stazione ferroviaria CanosaQuartiere in Festa 2015D.ssa Lombardi e Peppino Di NunnoPremiazione "Quartiere in Festa "Li vrìcceGuarnemìndeMaurine PepeFamiglia MatarresePeppino Di Nunno e Ze Luigi
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.