Stilus Magistri

La “checòzze” de Tutti i Santi

Dall’orto romano al culto di Halloween

Con l'approssimarsi della Festa di Ognissanti, si presenta presso i fruttivendoli la zucca, frutto salutare dell'orto, con qualità benefiche e gustose a tavola, da sola o associata ad altri sapori. Il vocabolo in dialetto "checòzze" deriva dal tardo latino medievale "cocutia" (testa), da cui deriva "cocuzza" e poi "cozucca" per giungere a "zucca"; ritroviamo il latino classico "cucurbita", citata da Plinio, da Columella e dalle ricette di Apicio nel De Re Coquinaria. La zucca è uno dei primi ortaggi approdati dopo la scoperta dell'America e ha proprietà benefiche e salutari, soprattutto per il contenuto di vitamine e sali minerali.Il frutto dell'orto, nella sua forma imponente di testa, assume una simbologia antropologica e una connotazione simbolica legata al culto dei Celti, nella festa di Halloween, Veglia di Ognissanti, intagliata nelle sembianze umane della testa illuminata da un lumino. Non è terrore o orrore di morte, come avvenuto nelle deviazioni culturali e consumistiche, ma culto pagano dei defunti che vagano sulla terra in cerca della luce.

Ma, spostandoci da Canosa di Puglia, nel territorio della Daunia verso Foggia, a Orsara di Puglia ritroviamo la zucca intagliata col lumino, nella tradizione popolare millenaria dei falò dei "Fucacoste" e delle "còcce priatòrje", cioè delle "cozze del Purgatorio". Sono le anime del Purgatorio che si aggirano sulla terra nella notte di Ognissanti in cerca della via del Paradiso, con i fuochi sacri propiziatori e puruficanti dei "fucacòste". Il termine "fucacòste" deriverebbe da due parole in greco: Φλογεος (flogheos,fiammante, ardente) e da ακουστος (acustos), udibile, e sta ad indicare un fuoco che si sente, schioppettante, per le ginestre che bruciano. La zucca diventa l'archetipo di un culto cristiano, delle anime del Purgatorio che si purificano, derivato da un culto pagano ellenico come fa la dea Demetra che fa ritrovare la strada a Persefone. La tradizione del Medioevo di Orsara di Puglia, affonda le radici nel culto pagano alle porte dell'Ade, ma ritroviamo, nel culto cristiano, a Napoli la Chiesa del Purgatorio del 1500, con la simbologia dei defunti e delle anime purganti, dette "pezzentelle", che si aggirano chiedendo, dal latino "petiens". Abbiamo con piacere contattato la PRO LOCO di Orsara in una comunanza culturale della Daunia, apprendendo degli studi di prossima pubblicazione del Parroco Don Rocco Malatacca e del ripristino a Mezzanotte della processione delle Anime del Purgatorio, promossa dalla Chiesa di Orsara con l'antica Confraternita delle Anime del Purgatorio, che porterà in mano la lanterna accesa. A queste tradizioni popolari della Puglia si sono associati gli studi della meritevole dott.ssa Mariangela Persichella e la collaborazione di Sabino Mazzarella e Bartolo Carbone. In riferimento alla tradizione importata dall'America, rileviamo che Halloween non è sinonimo di terrore, in quanto il lemma deriva da All Hallows' Eve che significa letteralmente "Vigilia (Eve) di Tutti (All) i Santi (Hallows)", Vigilia di Tutti i Santi.

La checòzze de Tutte li Sànde
"L'àneme de li Murte,
annéuce ca pùrte",
ma u pajόse s'ollarghète
e u mùnne ci'ò purtète?
Ó purtète la checòzze de Tutte li Sànde,
assàpre! jà bòne a mangè a tùtte quànde.

Checòzze se vénne attùrne, attùrne,
checòzze ke l'alόve négre o fùrne,
checòzze sàupe a na ségge o suttène,
checòzze màngene fìgghje e attène.

Se gùste 'mmòcche sòtte a le dìnde,
tàvele 'nzìme a cumbère e parìnde,
però jòsce adà stè attìnde, attìnde,
ca la checòzze jà nu brùtte spavìnde.

La tàgghiene jìnde, la fànne vacànde
la sàre de la féste de Tùtte li Sànde,
a fòrme di fàcce, appìccene u ceròtte,
vèce attùrne o pajόse tutte la nòtte.

Sarrè nu nàume 'n dialétte, Allouìn?
adaccsì m'ò dìtte attàneme Giuannìnne,
Allouìn stè resbegghjète stanòtte,
fòrse jésse d'abbàsce a la gròtte,
bàste ca nan fèce scecantè li mùrte,
la checòzze ca nàsce jìnd'a l'ùrte
e po' adduvénde nu mòstre stùrte.

Se mànge e s'appìcce a Tùtte li Sànde,
la checòzze de fèste de tùtte quànde.
Ci jà? stànne a tuzzelè a la pòrte,
mu vénghe, bàste ca na jà la mòrte!

Ca po', scénne a Fògge dòpe Canàuse,
trùve la checòzze ke na fàccia criàuse,
appìccene le fanòve de li "Fucacoste",
ognè jéune o fùche sacre s'accòste,
da tànda sékele so' le còzze du Pregatòrie,
a Orsara di Puglia so' l'àneme du Pregatòrie,
cérchene sàupe a la térre la vόje du Paravόse,
addumànnene preghìre e nan vòlene ternόse,
percì all'àute mùnne se nàsce senza cammόse.

Halloween, jà vescìgghje stanòtte
e la checòzze se mànge bélle e còtte,
la màngene li Célte e li Canusόne,
Augùrie a la féste de crè matόne!


Riscopriamo quindi la nostra zucca, da non soppiantare con quella di Halloween, con le nostre tradizioni, che da Orsara di Puglia, pongono alla nostra cultura la figura delle anime del Purgatorio, presenti nella vita dei nonni, come ricordo personalemte di mia nonna Rosinella. Non sono anime del terrore, dell'orrore, ma anime che si purificano, ritornando sulla terra e ritrovando le loro radici nella propria casa, nei propri parenti, come ritroviamo nella bella tradizione della "calzetta dei morti", radicata da Canosa di Puglia a Cerignola, a Lavello, a Manfredonia, a Foggia. Nel morti del Purgatorio si apre la porta del Paradiso, con la festa di Tutti i Santi in Paradiso, dove ritroviamo i nostri nomi, i nostri cari defunti e i Santi che intercedono per la nostra vita.
Auguri per Ognissanti
maestro Peppino Di Nunno da Canosa di Puglia

Con Sabino Mazzarella è stato realizzato un video sul link https://youtu.be/GxbUssRXH-4
La checòzzeAmici di ZuccaChecòzze da studiareLa Checòzze
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.