Stilus Magistri

Italia in finale, sogno di una notte di mezza estate

A cura di Peppino Di Nunno

Italia, siamo noi!

Sogno di una notte di mezza estate,
sogno azzurro anche di terre terremotate
che dall'Emilia e dalla madre Italia intera
cantano l'Inno e il Tricolore di questa sera.

C'era una volta Italia - Germania ed è vero,
anch'io c'ero con la tivù in bianco e nero
e si fa il riassunto delle puntate precedenti
sempre con l'Italia e i bei goal vincenti,
1970………….1982………..……2006
anche questa sera si sognano grandi cortei
fino a Varsavia, nella Polonia degli Europei.

I Tedeski avanzano e si montano la testa,
ma l'Elmo di Scipio sta solo a noi in testa
e un elmo da Canosa di Puglia a Berlino
attesta nel Museo storia del cuore latino.


I Tedeski già contano di far goal..ein, zvien,
ma noi senza paura lor diciamo. ..nein, nein!
e giochiamo sul campo da forti gladiatori
noi figli di santi, fanti, poeti e imperatori
con gli Undici Azzurri Italiani e Fratelli
ammaestrati da Giugno Cesare Prandelli.

Calcio tedesco, panzer calcio tedesco
ma sarà solo un motto o un affresco,
per l'Italia il Calcio è storia dell'arte
scritta dai nostri padri su antiche carte,
così la bellezza in arte si mostra nuda
anche se per gli altri è un realtà cruda,
si leva la maglietta il Mario Gladiatore nero
un tempo straniero, accolto da Italiano vero,
ed eccolo sul campo, come i Bronzi di Riace
in carne ed ossa con l'Italia bella che piace
Lui un figlio nell'abbraccio "mamma mia!",
che goal, che Italia, che idee..mamma mia!
fino all'angelo Buffon che vola in porta
come dice Bruno Vespa a Porta a Porta.


In Europa anche i ricchi piangono
e i poveri di spread non languono,
una lacrima sul viso di donna germanica,
sì bella come nel calcio di storia italica

La storia continua e non si smentisce,
anzi questa sera l'Europa stupisce…
1970…….1982….…2006…..…2012
scrivete alle generazioni questi codici.

Lo scrive e lo dice il Presidente Napolitano
che porge grandi auguri a voce e a mano,
per quest'Italia non ci sono aggettivi
per questi uomini un po' semidivi.

L'ha voluto il cuore, l'ha voluto il destino,
lo scrive anche in rete il maestro Peppino
salendo la dorsale del nostro Appennino,
dalla Puglia al Veneto amico trevigiano
nel cuore immenso di ogni caro italiano.

L'ha voluto il cuore, l'ha voluto il destino
grida di gioia in festa del cuor fanciullino,
come nel principio, così sarà la fine,
Italia – Spagna , due squadre latine.

E' il Calcio col piede dello Stivale,
bravi! si vince e si arriva in finale.

E' festa in piazza con giovani in cornice
con mamme, bambini e monsignor Felice,
con la maglia azzurra al posto di camice.
Facciamo insieme la storia
e insieme gridiamo Vittoria!
Un segno di Croce e un tacito pellegrinaggio,
per noi è preghiera, cuore e coraggio!

Forza Azzurri!

maestro Peppino Di Nunno da Canosa di Puglia
alle trincee eroiche del Monfenera in Veneto.

Italia, 28 giugno 2012
Italia in finaleItalia in finale
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.