Stilus Magistri

In memoria di nonno Antonio

L’accattaménle rète a la vetróne

Il 13 giugno si celebra Sant'Antonio di Padova, o da Lisbona, al secolo Fernando Martins de Bulhões (Lisbona, 15 agosto 1195 – Padova, 13 giugno 1231), religioso francescano portoghese, proclamato santo da Papa Gregorio IX nel 1232 e dichiarato Dottore della Chiesa nel 1946. Sebbene "il Santo" venga comunemente chiamato "Sant'Antonio da Padova", questa denominazione non indica la sua originaria provenienza poiché egli era nato e cresciuto nel Portogallo. Il suo nome viene affiancato alla città di Padova perché qui ha avuto luogo la sua attività più significativa. Tra l'altro è usanza che i frati prendano il nome di provenienza dal convento a cui appartengono, quindi in questo senso è corretto riferirsi a Sant'Antonio di Padova ma non da Padova. Soltanto in Portogallo egli è chiamato comunemente Santo António de Lisboa, ovvero "Sant'Antonio da Lisbona", sua città natale. Sant'Antonio di Padova è ritenuto il protettore dei poveri, delle donne incinte, degli oppressi, dei viaggiatori, degli affamati, dei nativi americani, dei fidanzati, degli animali, dei pescatori, degli oggetti smarriti, dei marinai, dei cavalli, del matrimonio e della sterilità. Sant'Antonio di Padova è il più noto ed amato nel mondo. Per l'occasione pubblichiamo una poesia in dialetto canosino intitolata "La vetróne" di Antonio Faretina, ormai fatto uomo a cinquanta anni, come dice nel ricordo del suo omonimo nonno, in una figura peculiare dei nostri avi, che sostavano dietro la vetrina di casa.

La vetróne
La còppela 'nghèpe,
la sciàlle arravugghiète,
stève rète a la fenéstre,
che la rézza jalzète.

Cùre sguàrde sémbe fìsse,
de cùre ca la vóte,
l'ho vesséute,
che nu penzìre sémbe fìsse:
la vóte te fèce zezóje!

Li pàtte próme,
s'ammandenévene,
mògghia addóje!
avastève na strétte de mène.


Se chiamève Andònie,
ditte l'accattaméllene,
culteveve néuce, nucìdde,
e tànda améllene.

Mèje stànghe de fadeghè,
tenève quàtte fìmmene,
e due maschulìcchje da sfamè.

Cùre sguàrde de jòme vesséute,
ddò guérre a le spàdde,
rengràzie u Segnòre,
u mùnne angòre guàrde.

Jève analfabète,
ma a fè li cùnde,
na stìve me rète!


E quanne u fìgghje grànne,
t' anzegnè a métte la fìrme,
te sendìve nu re!
Pecchè nu zezóje,
la cràuce sàupa a la carte,
nan ze putève meretè!

U jùrne de la féste,
nnànze a la vetróne,
mettìve le séggi,
e da fìgghje e nepéute,
venìve reveréute.

Nu brutte jùrne,
la séggie o lète téu déstre,
rumanó che sémbe vacànde,
vedìve a màje peccenìnne,
e chiangìve senza parlèje,
nan zapìve accùme aviva ada fèje!
pecchè, le mégghje,
la vote, a néue e ddéue,
c'avève luète!

Jó sò Andònie!
cùre menìnne fàtte grànne,
jòsce ténghe ciunquandànne!


De tàje ténghe na futugrafóje,
che na còppele, na sciàlle,
stè rète a la vetróne,
che la rézza jalzète,
nu sguàrde fisse
ca me dóce:
"Toniiii, grazie addóoje,
péure téue,
a dduvendète zezòje!


Antonio Faretina, in memoria del nonno Antonio,
Canosa, 8 aprile 2016

Nel giorno di Sant'Antonio porgiamo gli auguri in memoria ad un personaggio popolare noto evocato nella poesia dialettale "Tatònne Mangiacrèpe" di Savino Losmargiasso. Abbiamo voluto sfogliare la sua vita umana e sociale di un "facchino di piazza", "senza fissa dimora, senza tetto", che viveva nei pagliai o sotto gli archi della via vecchia della Stazione, nato nel 1900 e deceduto a 74 anni, con l'aiuto di Cristo, come dice la poesia.Va però considerata la sua radice umana familiare di "povero" rimasto orfano di madre a 14 anni. Quanta solitudine materna avrà portato nei suoi passi, nella sua barba, nella familiarità di paese. Auguri Antonio Mangiacapra!

Auguri anche al primo nonno scritto nella letteratura del '900, ad Antonio Schiraldi fu Cesareo, nato nel 1901, evocato con dodici figli da Vittorio Schiraldi nel romanzo "Famiglie". Era detto "u Salatàure" (salatore di formaggi), come scrivo nel libro "Sulle vie dei ciottoli del dialetto canosino". Nello stesso libro riporto il proverbio di Sant'Antonio n. 735 riferito al 13 giugno: "Sant'Andònie fació trìdece gràzie, Sànde Mangiàune ne fació quattòdece!", ad indicare la deleteria via delle raccomandazioni o peggio oggi delle mazzette. Seguiamo la via non dell'abboccamento di Sànde Mangiàune, ma del merito, della competenza, della legalità.

Auguri agli Antonio di ieri, quando eravamo povera gente,
auguri agli Antonio, alle Antonia di oggi in cui siamo brava gente,
sperando che riapra nel rione dei Capannoni la Chiesetta di Sant'Antonio, che giace con la campana di bronzo appesa, ma scritta nel mio libro "I Sacri Bronzi"!


maestro Peppino Di Nunno
S.Antonio di PadovaPadova: Basilica Sant’Antonio di PadovaCanosa: Chiesa S.AntonioTatònne Mangiacrèpe
    © 2005-2018 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.